HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Il caso Ventre e quel pasticcio giudiziario tra Italia e Uruguay

1/12/2023



Ci sono la carta d’identità, il domicilio, il numero di telefono; si sa il giorno preciso del suo ingresso in polizia e l’orario di lavoro alle dipendenze del Dipartimento di Sicurezza Diplomatica; nei video di sorveglianza c’è anche la sua faccia. Nei verbali viene interrogato, si parla di lui.  Eppure l’esito di delega di indagine depositato dal PM circa l’identificazione completa di Dos Santos Ruiz Ruber Eduardo, l’unico indagato per la morte di Luca Ventre a Montevideo in Uruguay, ha avuto  esito negativo.  «Nonostante si tratti di un pubblico ufficiale appartenente al Dipartimento di Polizia Diplomatica e Dignitaria del Ministro dell’Interno uruguayano e nonostante prestasse servizio stabile di polizia presso l’Ambasciata Italiana di Montevideo» spiega Fabio Anselmo, il legale della famiglia di Luca. Ed è sostanzialmente su questa «surreale e  finanche umiliante» circostanza , come si legge nelle memorie depositate ieri, giornata in cui era prevista l’udienza, che si basa  l’opposizione all’archiviazione del caso. Perché la non completa identificazione dell’indagato non ha consentito la notifica degli atti e, quindi, il procedimento rischia di essere archiviato.



Luca Ventre, 35 anni, italiano per metà d’origini lucane, viveva a Montevideo. Il 1 gennaio del 2021 si recò molto presto nell’ambasciata italiana, scavalcò i cancelli, era inerme, aveva con sé solo una borsa con alcuni documenti. Venne trattenuto a terra per oltre 20 interminabili minuti dal poliziotto di guardia, Dos Santos appunto, fino a che, esanime, venne trascinato fuori e portato in ospedale, dove morì poco dopo.



Italia e Uruguay hanno siglato uno specifico accordo di cooperazione giudiziaria in materia penale nel 2019 che, tra le altre cose, prevede che lo Stato  faccia tutto il possibile per rintracciare le persone indicate nelle richieste di assistenza giudiziaria che eventualmente si trovino nel suo territorio.



«Risulta che presso lo Stato Uruguaiano non sia in corso alcun procedimento a carico di Dos Santos. Ci si chiede se è stata attivata una richiesta da parte dello Stato Italiano nelle forme di cui all’art. 7 del trattato e quali siano le risposte fornite. Appare francamente inaccettabile tale resa dello Stato Italiano nell’identificazione dell’indagato per un reato doloso commesso da un pubblico ufficiale all’interno dello spazio dell’Ambasciata Italiana, che ha condotto a tragica morte un giovane cittadino italiano» spiega Anselmo.



La sentenza Regeni potrebbe aprire uno spiraglio anche per Luca Ventre. Nel caso di Giulio Regeni, la Corte ha osservato che «la paralisi sine die del processo per i delitti di tortura commessi da agenti pubblici, quale deriverebbe dall’impossibilità di notificare personalmente all’imputato gli atti di avvio del processo medesimo a causa della mancata cooperazione dello Stato di appartenenza, non è accettabile, per diritto costituzionale interno, europeo e internazionale». Essa infatti «si risolve nella creazione di un’immunità de facto», che offende i diritti inviolabili della vittima, il principio di ragionevolezza  e gli standard di tutela dei diritti umani, recepiti e promossi dalla Convenzione di New York».



 



Mariapaola Vergallito




ALTRE NEWS

CRONACA

27/02/2024 - Gravi maltrattamenti in famiglia: allontanamento per 20enne materano
27/02/2024 - Bolletta del gas salata a consumatrice: ‘’grazie ad Adiconsum la società ha riconosciuto l’errore’’
26/02/2024 - Muro Lucano: cocaina in viaggio verso la Basilicata. Arrestato 43enne salernitan
26/02/2024 - Coldiretti Basilicata a Bruxelles per chiedere stop burocrazia e una nuova Pac

SPORT

27/02/2024 - Tricolore Formula Challenge 2024: si parte dal ''Magna Grecia''
26/02/2024 - Il Martina vuole Salvatore Novelli, talent scout del Rotonda Calcio
26/02/2024 - Convegno tecnico regionale dei giudici di gara della federcicliclismo di Basilicata e Calabria
25/02/2024 - Eccellenza Basilicata. Tutto invariato in testa dopo la 23^ giornata. I risultati e la Classifica

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo