HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

''La signora sta bene'' ma i parenti erano già in obitorio per darle l'ultimo saluto

28/11/2020



‘’La signora sta bene’’. Quando, per l’ennesima volta, i familiari di una donna di 91 anni di Anzi si sono sentiti dire questo non potevano credere alle loro orecchie. Perché in quel momento, in quel preciso momento, si trovavano in obitorio a dare l’ultimo saluto a lei, Teresa, di Anzi. Per 10 giorni i familiari della signora Teresa si sono sentiti dire solo stava bene dagli operatori della casa di riposo nella quale si trovava.  A raccontare la vicenda è stata la nipote della signora, Noemi Casella.


 


Vi scrivo per segnalare delle gravi disfunzioni che stanno avvenendo nel Don Uva di Potenza, in particolar modo nel reparto di geriatria (g6).


Purtroppo mia nonna è deceduta domenica 22 Novembre. Non causa covid. Era ricoverata nella struttura dal mese di maggio.


Durante l’estate siamo riusciti ad entrare, nonostante le restrizioni, rendendoci già allora conto della pochissima e superficiale cura che viene data ai poveri pazienti. Ad esempio: C’è gente non autosufficiente alla quale vengono messi piatti di cibo avanti e se questi non riescono a mangiare si porta semplicemente via tutto lasciandoli a digiuno. Era il caso di mia nonna.


Questa è solo una delle tante cose contro le quali abbiamo replicato più volte, scontrandoci spesso con il personale. Uno fra i vari episodi che devo necessariamente segnalare è stato lo scambio della sua dentiera con quella di altri pazienti. Dal 31 agosto hanno chiuso gli accessi al pubblico causa covid. Noi tutti non l’abbiamo più vista da allora. Fino all’inizio di novembre mia mamma è riuscita ad entrare con permessi speciali per farla mangiare, dal momento in cui da sola non riusciva e gli Oss le davano circa due cucchiai di cibo, passando poi oltre. Con l’aggravarsi della situazione covid hanno proibito anche questo. Da allora abbiamo perso sue notizie. Non hanno risposto per giorni ai centralini né hanno fatto le tante auspicate videochiamate che ci avevano promesso. Dopo varie repliche abbiamo avuto una videochiamata il 12 novembre. Da allora non abbiamo più visto mia nonna. Ci hanno proibito di ricevere altre videochiamate causa covid, il nesso fra le due cose non lo abbiamo mai capito. Il brutto del racconto viene adesso.


Abbiamo replicato con chiunque per far valere i nostri diritti, allora per “tranquillizzare i parenti” hanno iniziato a contattarci con videochiamate gli operatori, inquadrando sé stessi, mai i pazienti e dicendoci per 10 giorni circa testuali parole: “sta bene, non ha covid, è stabile, sta a letto”.


Questo fino a Sabato 21 Novembre.


Domenica 22, la guardia medica ci ha annunciato la notizia della morte senza chiarirci la causa. Ci hanno restituito la salma, in 10 giorni il corpo è deperito al punto tale che sono uscite fuori le ossa. Lunedì 23 è arrivata nuovamente la solita videochiamata degli operatori, mia nonna all’obitorio, loro hanno detto: “sta bene, non ha covid, è stabile, sta a letto.” Siamo rimasti di stucco. Questo ha testimoniato le bugie dette. Sono crollate tutte le nostre certezze. Non sappiamo più cosa pensare, se mia nonna sia morta di stenti (cosa molto probabile perché lei non mangiava da sola e loro non si avvicinavano ai pazienti per evitare il contagio) o se è stata bene negli ultimi giorni. Non solo per lei ma per i poveri pazienti che stanno ancora lì dentro chiedo giustizia. Sono aumentate in modo esponenziale le morti che non dipendono dal covid. Stanno facendo una strage.


 


 


lasiritide.it





ALTRE NEWS

CRONACA

24/01/2021 - Covid: il bollettino della task force
24/01/2021 - Comune di Rotondella: ''è il momento del silenzio''
24/01/2021 - Percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza, 5 persone denunciate
24/01/2021 - Anas: oggi chiuso al traffico raccordo autostradale 5 “Sicignano-Potenza” per abbattimento viadotto 'Franco'

SPORT

23/01/2021 - Serie B/F: il Senise sconfitto a Sala, partita decisa già nel primo tempo
23/01/2021 - Serie D/H: il Francavilla atteso dalla rivelazione Nardò
23/01/2021 - Serie B/F: il Futsal Senise fa visita alla capolista
22/01/2021 - Bernalda Futsal, verso la Gear Siaz Piazza Armerina

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/01/2021 Sospensioni idriche

Pignola: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 11:15 di oggi fino al termine dei lavori. PIGNOLA: parte di Via Aldo Moro.

21/01/2021 Sospensioni idriche

Craco, causa rottura adduttrice Frida: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi fino al termine dei lavori.

Lavello: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi fino al termine dei lavori. LAVELLO: Nelle seguenti c.de rurali: Gaudiano, Villaggio, Maggesaria, Viggiano, Posticchia Sabelli e c.de limitrofe.

20/01/2021 Sospensione idrica a Tito

Tito: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 di oggi fino al termine dei lavori. TITO: Seguenti Zone: Contrada Macchia, Contrada fontana Camillo, Zona Commerciale lungo la SS. 94, Contrada santa Loia, Contrada Ponte Calogna, Contrada Frascheto e Fraschete

Il 2020 e l'esilio forzato dall'elaborazione del lutto
di Mariapaola Vergallito

Se mi concedessi un po’ più di tempo per scrivere i pensieri che seguono vestendoli di inchiostro su un foglio di carta, in questo momento e, anzi, da giorni, sarei lì sulla scrivania, testa piegata e mano appoggiata alla fronte. E il foglio sarebbe ancora bianco.

Ma sono difronte ad una memoria elettronica, alla tastiera che riporta con perfetta grafia queste parole, a metà tra dovere e responsabilità; a metà tra obbligo e necessità personale. Per...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo