HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Parco della Grancia: un’estate senza la ‘Storia Bandita’

11/09/2019



Quella del Parco della Grancia è una vicenda che comincia ad assumere dei contorni più definiti, che spiegano come mai quest’anno non si sia assistito allo spettacolo la “Storia Bandita”.
400 figuranti, tutti volontari, in un anfiteatro da 3500 posti, su un’area scenica naturale di 25000 mq, sono i protagonisti di un grande affresco storico che ripropone in chiave epica il periodo delle insorgenze e del brigantaggio post – unitario nel Sud Italia. Una straordinaria performance artistica impreziosita da incredibili effetti speciali e dalle ben note voci di Michele Placido, Lina Sastri, Paolo Ferrari e Orso Maria Guerrini.
Le date del 2018 erano state l’11, 15, 18, 25 di agosto e l’1, 8 e 15 di settembre: ma la bella stagione del 2019 sta trascorrendo senza che se ne sia saputo più nulla.


Il sindaco – Il sindaco di Brindisi di Montagna Gerardo Larocca, ci ha spiegato che il ritardo dipende dal Consorzio assegnatario del bando da oltre un anno e che il Comune è in attesa solo che lo stesso ente “consegni i documenti e venga a firmare il contratto”.
“I soldi – ha aggiunto Larocca – con questa vicenda non c’entrano nulla, ribadisco che devono solo provvedere a consegnare dei documenti ed a firmare il contratto. È vero che ci sono stati dei ritardi per problemi burocratici, poi risolti dalla Regione. Per cui, adesso dobbiamo solo aspettare che avvenga ciò che vi ho detto. Tutto qua, nulla di così complicato”.
Sulla eventualità che lo spettacolo non riapra i battenti, il primo cittadino non si è voluto esprimere: “Non entro nel merito delle scelte di un privato e che non dipendono dal Comune”.

Il Consorzio – Ma secondo Nicola Manfredelli, presidente del Consorzio e tra i “padri” della Grancia, la situazione che si è venuta a creare è molto complessa.
“A dire la verità – ci dice o stesso Manfredelli – siamo che, dopo aver versato nelle loro casse 25 euro per la registrazione, stiamo stando in attesa il Comune intervenga. Prima di firmare il contratto bisogna vengano rispettate le clausole previste dal bando, ossia: che ci venga consegnata l’area libera da cose e persone, con un inventario ricalcolato di ciò che ci viene consegnato”.
Il capitolato prevede il deposito di una fidejussione da 16 milioni di euro (in riferimento al valore dei beni consegnati) e una polizza da 5 milioni di euro, quest’ultima ritenuta eccessiva dall’assicuratore.
A quanto pare, il problema consiste in una presenza abusiva che impedirebbe la consegna libera da cose e persone. “A luglio – prosegue il presidente del Consorzio – la Regione è intervenuta in merito a un capannone abusivo, ma questa è una rassicurazione per il Comune ma non per noi perché è come affittare un appartamento con ancora dentro l’abusivo. Tuttavia siamo anche disposti ad accettare l’ipotesi, purché nel contratto sia chiaro ci stiano facendo una consegna parziale rispetto a quanto previsto dal bando, e che venga anche ridotto proporzionalmente il canone di locazione di 15 mila euro l’anno”.
“Dico tutto questo – conclude Manfredelli – non certo per fare polemiche ma per trovare una soluzione. Al sindaco, con il quale sono in ottimi rapporti, l’ho ripetuto più volte: basta che il contratto faccia riferimento alla situazione di fatto, con tutto ciò che comporta, e siamo pronti a depositare la polizza, la fidejussione ed a firmare. Ma non sto riscontrando una grande disponibilità”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

23/01/2020 - Castelluccio Inf.: 6 mesi di divieto nel centro per mezzi oltre 12 m
23/01/2020 - Arresto ex direttore filiale, nota della Banca Popolare Puglia e Basilicata
22/01/2020 - Sindaco di Rionero chiede ritiro della squadra. Nuovo vertice in Prefettura
22/01/2020 - Agguato Vaglio: si cercano altri 20 ultrà, sindaci chiedono di fermarsi

SPORT

23/01/2020 - Eccellenza, Grande: ‘La Vultur non si tocca e continuerà ad esistere’
23/01/2020 - Montenegro, atleta dell’Invicta Matera, allo Juventus Training Center di Vinovo
23/01/2020 - Serie C: il Potenza impatta contro la Casertana
22/01/2020 - Serie C: tris Picerno contro la Cavese

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/01/2020 Sospensioni idriche 20 gennaio 2020

--Lavello: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 07:30 di oggi fino al termine dei lavori.
--Sant'Arcangelo: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14:00 alle ore 18:00 di domani salvo imprevisti. SANT'ARCANGELO: Zona bassa Centro storico
--Irsina: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al recupero del livello. IRSINA: C.da Notargiacomo e zone limitrofe
--Scanzano Jonico: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori. SCANZANO JONICO: Via Campania

19/01/2020 Inaugurazione plesso scolastico rinviata per morte tifoso

La manifestazione in programma domani a Tramutola per l’inaugurazione del nuovo plesso scolastico, è stata rinviata a data da destinarsi per rispetto del dolore della famiglia della giovane vittima di oggi condannando la violenza bieca che ha portato al triste evento. Si tratta, di dare un senso profondo ai valori della vita come quelli che si incarnano nel mondo della scuola, ed esaltare i valori dello sport come momento esclusivo di unione e non di divisione .
La decisione è stata assunta di concerto con il presidente della regione Basilicata Vito Bardi .

19/01/2020 Risultati serie D girone H 20^giornata

Foggia – Nocerina 2-0
Andria – gladiator 0-2
Gelbison – Francavilla 0-0
Grumentum – Cerignola 0-0

Sorrento – Gravina 2-1
Altamura – Agropoli 4-0
Bitonto – Fasano 2-0
Brindisi – Casarano 1-1
Nardò – Taranto 1-1

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo