HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Latronico (DI) su tratta ferroviaria Magna Grecia

20/03/2017

“La tratta ferroviaria Taranto-Sibari, lunga complessivamente 123 Km attraverso le regioni Puglia, Basilicata e Calabria, da decenni è in uno stato di degrado: il materiale rotabile circolante è vetusto e i continui tagli ai collegamenti, a seguito di drastiche politiche di riduzione dei costi d’esercizio, hanno privato molte stazioni ferroviarie di personale addetto ai servizi creando enormi disservizi ai passeggeri pendolari e turisti. Attualmente i tempi di percorrenza sulla tratta Taranto Sibari variano dalle 2 ore e 42 minuti a 1 ora e 38minuti con un treno regionale , quattro intercity e per il resto collegamenti sostitutivi su gomma che svolgono il servizio giornaliero di trasporto”. E’ quanto scrive l’on. Cosimo Latronico, deputato di Direzione Italia, in un lettera inviata la Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ai governatori delle Regioni Basilicata, Puglia e Calabria ai sindaci dei Comuni interessati dalla tratta ferroviaria. “ I tempi sono maturi per una strategia integrata dei trasporti tra regioni limitrofe, al fine di rilanciare le rispettive economie attraverso una visione sinergica e condivisa per la realizzare una tratta ferroviaria unitaria in grado di offrire servizi di trasporto rapidi, efficienti, efficaci e confortevoli. L’evento di “Matera Capitale della Cultura 2019 e l’incremento delle attività turistiche delle zone costiere e il buon andamento delle aree interne lasciano presagire uno scenario positivo che deve essere sfruttato nell’ottica di una precisa visione strategica del futuro turistico-economico sia della Basilicata che delle regioni limitrofe. Alla luce di tutto ciò si potrebbe ipotizzare per la costiera jonica l’istituzione di una “Metropolitana della Magna Grecia”, che potrebbe costituire un tassello strategico per la mobilità delle persone dell’intero “Arco jonico” nella tratta Taranto-Metaponto-Sibari, attraverso un piano di interventi, da inserire nel Contratto di Programma con RFI e con la partecipazione delle regioni, volti alla manutenzione ordinaria e straordinaria dell'infrastruttura e finalizzati a garantire l'utilizzabilità della rete in condizioni di sicurezza e affidabilità fra le tre regioni che si affacciano sul mare Jonico. Un progetto – ha concluso Latronico - che può finalmente mettere a sistema parti del trasporto pubblico locale e interregionale che per decenni sono rimaste poco integrate sia per quanto riguarda l’intermodalità ferro-gomma sia a causa di un’eccessiva frammentazione di competenze, che ha prodotto inefficienze, diseconomie e servizi non rispondenti alla reale domanda di mobilità e non disegnati per affiancare e valorizzare i trend di sviluppo turistico-economici dell’intera area”.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/06/2017 - M5S: Un’altra Sanità possibile nasce dalla Basilicata, tra Innovazione e IV Rifo

Il prossimo 30 giugno i cittadini potranno incontrare tecnici e rappresentanti politici che si occupano di Sanità quotidianamente nel proprio lavoro per ascoltare, approfondire, capire, chiedere quali sono gli scenari odierni e futuri della Sanità in Basilicata e in generale...-->continua

24/06/2017 - Interrogazione Pedicini M5s su impianto mobile COVA-ENI

L'eurodeputato del M5S Piernicola Pedicini ha presentato un'interrogazione alla Commissione europea per fare chiarezza sulle autorizzazioni della Regione Basilicata per l'impianto mobile di trattamento dei reflui del petrolio che l'Eni vorrebbe attivare in Val...-->continua

24/06/2017 - Latronico (DI) su giunta Matera

“Raffaello De Ruggieri era stato eletto per costruire, nel governo della città di Matera, un’alternativa al Pd ed al suo sistema di potere dalla giunta municipale alla fondazione, per questo evocò ed ottenne il sostegno di un vasto fronte di forze e di soggett...-->continua

23/06/2017 - L'intervento di Pittella al Comitato di sorveglianza Po Fesr Basilicata

"Continuiamo a operare su settori strategici puntando ad un utilizzo virtuoso dei fondi della nuova programmazione 2014/2020. In questo senso abbiamo lavorato su tutte le condizioni ex ante, come misura di serietà amministrativa e politica, che ci permetterann...-->continua

23/06/2017 - Villa Nitti. Pittella: "diventi luogo simbolo per cultura mediterranea"

"L'inaugurazione di oggi ha un grande valore simbolico. É memoria, storia, cultura, ma soprattutto visione. Nel Mezzogiorno, come diceva Nitti, la Basilicata può avere un ruolo importante. L'Italia deve assaporare consapevolmente l'opportunità che questo luogo...-->continua

23/06/2017 - Comune di Potenza partecipa al Comitato di Sorveglianza PO-FESR 2014-2020

Oggi a Maratea il Sindaco Dario De Luca e l’assessora alla programmazione Donatella Cutro, accompagnati dal vicesindaco Sergio Potenza, rappresentano la città di Potenza al Comitato di Sorveglianza del PO FESR 2014-2020, organismo che riunisce tutti gli attori...-->continua

23/06/2017 - Villa Nitti e Comitato di Sorveglianza, interviene il consigliere Polese

"Nella giornata di oggi, Maratea si é fatta piattaforma tanto del Mediterraneo quanto dell'Europa, con la scelta di tenere la riunione del comitato tecnico scientifico del Po Fesr 2014-2020 a Villa Nitti, inaugurata in questa circostanza. Un'occasione fortemen...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Di incidenti di percorso, provincialismi e fake news
di Mariapaola Vergallito

Quando a Viggiano, poche settimane fa, arrivò il sottosegretario allo Sviluppo Economico Antonio Gentile (invitato ad un incontro in tempi non sospetti e, quindi, prima che la Regione Basilicata deliberasse la sospensione del Cova), in riferimento a ciò che stava accadendo in Val D’Agri parlò più volte di ‘incidente di percorso’. “Cose che possono capitare in venti anni di produzione” disse.

Non una parola sull’attenzione che pure un Governo centrale dovrebbe dedicare ai cittadini, in primis, e agli enti pubblici locali, che pure dovrebbe rappresentare e tutelare. Ma, mi sono detta, sempre di Sviluppo Economico si tratta, non certo di Ministero dell’Ambiente o della Salute.

Oggi l’amministratore delegato di Eni Claudio DeScalzi, lo st...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo