HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

SERVIZI

FOTO

TERRITORIO

 

Val d'Agri e tumori. Mele:'attenzione alle patologie sentinella'

15/05/2017



“La più grande fake news sul petrolio è quella sull'incidenza dei tumori in Basilicata, che è la regione italiana meno colpita dopo la Calabria”. Parola dell’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi. Ma se confrontassimo le sue parole con i dati pubblicati dai registri tumori, tanto torto non potremmo darglielo. Però non si tratterebbe di un’analisi capace di rendere giustizia alla completezza e alla puntualità di ciò che realmente accade nei territori. Il perché ce lo spiega il dottor Giambattista Mele, viggianese, membro dell’associazione dei medici per l’ambiente. “Fare un’analisi in base al registro è sempre una cosa relativa- ci dice subito- Non nego che lo strumento sia avanti e non bisogna nemmeno meravigliarsi che si riferisca a qualche anno addietro, perché occorre tempo per effettuare gli studi. Il problema è un altro: a tanti numeri non corrispondono altrettante spiegazioni ”. La posizione dell’Isde, l’associazione rappresentata da Mele, è semplice: oltre al tumore è fondamentale valutare e condurre studi sulle cosiddette patologie sentinella, quelle espressamente cardiovascolari e respiratorie. Sono ‘sentinelle’ perché attraverso esse è possibile avere un riscontro immediato del presunto inquinamento dell’ambiente. “Da questo punto di vista, se facciamo un’analisi dei dati oggettivi (riferiti al periodo 2005-2010)prodotti dall’Istituto superiore di Sanità, notiamo che c’è un aumento importante di malattie cardiovascolari nel territorio della Val d’Agri ma, in generale, dal territorio toccato dalle attività estrattive. L’analisi condotta dall’Istituto, che è uno studio descrittivo, raccontava, per esempio, un eccesso di alcuni tumori (come il tumore gastrico a Grumento Nova). Inoltre presso l’ospedale di Villa d’Agri si nota un verificarsi di un eccesso di ricoveri per malattie acute del sistema respiratorio, soprattutto nei bambini. Qualcuno ci deve spiegare perché avviene questo”.
Il 31 agosto scorso si è tenuto un convegno a Viggiano promosso dall’Assoil School al quale, tra gli altri, ha partecipato anche il dottor Galasso. “In quell’occasione- dice Mele- il direttore del Crob annunciò che entro marzo 2017 avrebbero concluso la fase della cosiddetta georeferenziazione, molto utile per localizzare ciascuna tipologia di tumore in aree precise; questo sistema è fondamentale perché vuol dire intanto iniziare a capire qualcosa in più da un punto di vista epidemiologico affinché i dati non restino solo numerici”.
In Val d’Agri, intanto, lo stesso Mele fa parte della commissione Vis (Valutazione d’Impatto Sanitario), l’organo deputato a gestire il primo vero studio epidemiologico di Basilicata. “Sta venendo fuori- continua Mele- una situazione che da un punto di vista dei tumori è più o meno in linea con quello che avviene in altre aree. Quello che ci preoccupa molto, invece, sono, appunto, le patologie sentinella. E’ difficile capire se esista un nesso di causalità tra le patologie e le attività estrattive”. “Quello che dice Descalzi non è commentabile- chiosa Mele- tantomeno è tollerabile quello che ha detto Gentiloni. Se pensano di poter continuare ad offendere i lucani in questo modo si sbagliano. Io mi sento offeso, da lucano e da medico”.


Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

21/10/2017 - San Chirico Raparo: divieto di uso di acqua potabile
20/10/2017 - Marconia: 33enne denunciato per furto in azienda agricola
20/10/2017 - Al: guasto su condotta maestra del Frida, disagi in 23 comuni
20/10/2017 - Assostampa: da rifare il bando del concorso per giornalisti all’Asm e San Carlo

SPORT

20/10/2017 - Prima Cat/B: a Lauria si gioca la partitissima
20/10/2017 - Trasferta a Triggiano per la PM Volley Potenza contro la Fides
20/10/2017 - Calcio a 5,inizia la stagione ufficiale dell’Under 19 bernaldese
20/10/2017 - FCI Basilicata: news da ciclismo giovanile e ciclocross

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/10/2017 Claudio Buono è il nuovo addetto stampa del Picerno

La Società Polisportiva Az Picerno e il presidente Donato Curcio ringraziamo il sig. Federico Pellegrino, che per tre anni ha ricoperto l’incarico di addetto stampa egregiamente, con puntualità, serietà e professionalità. A lui la società e il presidente augurano le migliori fortune professionali. Contestualmente, in data odierna, la Società e il presidente Donato Curcio rendono noto di aver affidato il ruolo di addetto stampa al sig. Claudio Buono. 30 anni, da dodici impegnato nel campo della comunicazione con varie testate giornalistiche e siti web, inizia il suo incarico da domani 21 ottobre. Al sig. Buono i migliori auguri di buon lavoro dalla Società e dal presidente Donato Curcio.

20/10/2017 Sospensioni idriche comunicazioni del 20 ottobre 2017

-Matera: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via del Corso sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 14:00 di oggi salvo imprevisti.
-Montescaglioso: per consentire l'esecuzione di lavori su condotte e/o impianti, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 17:00 del giorno 23-10-2017, salvo imprevisti, in via Lippolis.

20/10/2017 Materi presidente sezione Corte Appello

Il giudice Pasquale Materi è stato nominato dal Consiglio Superiore della Magistratura presidente della sezione penale della Corte di Appello di Potenza. Il plenum dell’organo di autogoverno dei giudici ha deliberato, dopo la proposta unanime della quinta commissione, formalizzata il 5 ottobre scorso. Pasquale Materi in magistratura dal 1981: è stato giudice istruttore e poi giudice delle indagini preliminari a Potenza, presidente della seconda sezione penale del Tribunale di Foggia; infine, come consigliere, giudice della sezione penale della Corte di Appello del capoluogo lucano.

Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo