HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

La storia di Musa Juwara, dal barcone passando per la Basilicata fino al primo gol in Serie A

6/07/2020



Il pomeriggio di ieri per Musa Juwara sarà certamente indimenticabile, anche grazie a un suo gol il Bologna ha espugnato il Meazza di San Siro battendo in rimonta la quotatissima Inter di Antonio Conte.
Quella del 18enne gambiano è una favola incredibile, iniziata 4 anni fa quando arrivò in Sicilia su un barcone: da lì fu trasferito in un centro d’accoglienza lucano a Ruoti.
Proprio in Basilicata ha iniziato a dare i primi calci al pallone, con l'allenatore della Virtus Avigliano che lo prende talmente a cuore che se lo porta a casa, diventandone genitore affidatario insieme alla moglie.
Nel 2017 lo nota il Chievo, che lo aggrega alla Primavera. Il Torino lo prova in un torneo di Viareggio, in cui Juwara segna tre gol in tre partite, ma poi ritorna a Verona, dove esordisce in Serie A nel maggio 2019.
Quindi l’avventura alla corte di Sinisa Mihajlovic che ieri, a fine partita, si era detto “certo che avrebbe segnato”.
Quella di Juwara è un’altra storia di calcio e integrazione, come era stata quella del classe 2000 Boubacar Sambou: anch’egli giunto in Basilicata su un barcone dal Gambia. Nel suo caso, dopo l’inizio con il Salandra, si fece avanti il Picerno che lo fece esordire in Serie D. Categoria nella quale ha militato anche nella scorsa stagione, ma nelle fila della Fidelis Andria.

Gianfranco Aurilio
Lasiritide.it


E'bastato un gol all'Inter di Musa, attaccante gambiano del Bologna, per disvelare la storia di un migrante venuto con un barcone e accolto in Basilicata. Una storia di vita di passione per il calcio e per una condizione diversa. Partire per non subire le guerre, le dittature, la fame e per aiutare la propria famiglia.Una delle tante storie dei seimila migranti accolti in basilicata dal 2015 quando la Regione Basilicata, con il Presidente Pittella, apri le porte diversamente da altri territori, alla accoglienza diffusa.
Pochi sanno che da allora circa 100 atleti, non solo calciatori, hanno contribuito allo sviluppo dello sport locale e poi solcato campi e pedane a livello nazionale e non solo. Una grande sperimentazione prima di integrazione e poi di inclusione sfociata nel successo sportivo, in un posto di lavoro o di studio. Molti sono rimasti in Basilicata altri hanno scelto il loro percorso di riscatto in altri luoghi. Attualmente sono circa mille i richedenti asilo presenti nei centri, un centinaio i minori. Olltre 25.000 i residenti stabili, 45mila i lavoratori impegnati, anche in mobilita' in agricoltura e lavoro di cura. Una grande risorsa che ha assicurato, in piena pandemia, l'assistenza agli anziani e la catena alimentare.
Una parte di questi lavoratrici e lavoratori viene anche sfruttata dai caporali e da imprese illegali. Raccolgono i prodotti agricoli e assistono persone. Non fanno goal ma sono l'umanita'fatta assistenza e produzione di reddito e di cibo.
La vicenda di Musa, le peripezie, i tribunali reclama, assieme a quelle di tanti altri il riconoscimento della loro dignita'e la modifica delle norme sulla cittadinanza, dei decreti salvini e la piena attuazione dei progetti finanziati dal Piano nazionale anticaporalato.

PIETRO SIMONETTI
TAVOLO NAZIONALE ANTICAPORALATO DEL MINISTERO DEL LAVORO.






ALTRE NEWS

CRONACA

14/08/2020 - Covid: guarito paziente di Castelluccio Inferiore
14/08/2020 - Arrestato il latitante di Montescaglioso Larizza: era a Bucarest
14/08/2020 - Ritrovato 25enne scomparso ieri
14/08/2020 - A Teana arriva il Commissario prefettizio

SPORT

14/08/2020 - Tommaso Elettrico sul gradino più alto in Svizzera
14/08/2020 - Promozione: Natuzzi pronto alla quinta stagione con l’elettra Marconia
13/08/2020 - Nuoto, ancora un grande Acerenza: argento e personal best nei 1500 sl
13/08/2020 - Deferimento. AZ Picerno: 'Estranei ai fatti'

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

14/08/2020 Sospensione idrica oggi 14 agosto 2020 in Basilicata

Ruvo del Monte: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori. RUVO DEL MONTE: Corso Italia

13/08/2020 Sospensioni idriche

Potenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 11:15 alle ore 13:00 di oggi salvo imprevisti. POTENZA: Parte bassa Rossellino, parte bassa via Rifreddo via Saragat, Via Gronchi e zone limitrofe.


Potenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 14:00 alle ore 16:00 di oggi salvo imprevisti. POTENZA: C.da Demanio San Gerardo.

11/08/2020 Sospensioni idriche

San Martino d'Agri: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 20:30 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti. SAN MARTINO D'AGRI: Reti rurali ex consorzio - c.da Lago - Piani - - Pianitelli - Caliandro - Groettiera - Saliniera - Cornito - Fiume - Colafrina - Peruccio-

EDITORIALE

Un anno fa l’incendio della Felandina. Chi ricorda Eris Petty?
di Libera Basilicata

Il 7 agosto 2019, un incendio divampato da una bombola di gas utilizzata per una cucina, ha distrutto l’intero complesso uccidendo Eris Petty, una giovane donna nigeriana ospite della struttura. A seguito di questo evento, il ghetto si è andato progressivamente svuotando fino allo sgombero definitivo deciso dalle autorità competenti e avvenuto il 28 agosto 2019. Gran parte delle persone hanno iniziato dunque a spostarsi nella zona dell’Alto Bradano dove nel ...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo