HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Volley: DMB Pallavolo Villa D'Agri esordio con una sconfitta

4/11/2019



Davanti ad un pubblico numeroso e meraviglioso si è consumata la prima gara di campionato che ha visto di fronte la DMB pallavolo Villa d’Agri e la Trivianum ASD. A spuntarla è stata la squadra triggianese che ha avuto la meglio della compagine di casa con un sudato 3 a 1. Un primo set iniziale con molti errori in battuta da entrambe le parti e poi un punteggio equilibratissimo fino al ventesimo punto quando la squadra ospite sopravanzava la Don Michele Botta di tre punti. Un’impennata d’orgoglio dei ragazzini terribili del coach Dino Viggiano portava in parità il set e poi lo chiudeva a proprio favore sul 26 a 24. Il secondo rispecchiava a grandi linee il primo ma, forse un calo di concentrazione e qualche giocata d’astuzia degli esperti Di Lella e Brandonisio, faceva pendere il set per la squadra di Triggiano. 25 a 22 il risultato, combattuto e incerto fino alla fine. Il terzo set, conclusosi 25 a 18, è stato interrotto per un buon venti minuti a causa di un black out provocato dal tempo inclemente abbattutosi dal primo pomeriggio su Villa d’Agri. Ha deconcentrato non poco chi era inesperto spezzando il ritmo gara ed ha consegnato il 2 a 1 ai ragazzi di mister Stefano Capossela. Nel quarto set, tutta l’esperienza e la buona difesa del Trivianum, col libero Traversa in primis, permetteva di soverchiare di 5 punti la DMB che con l’innesto dell’esperto Carlo Bove riusciva ad acciuffare un 17 pari insperato. Prova per tutto il tempo rimasto a restare in partita, ma la squadra di casa cede il passo 25 a 21. Un risultato frutto esclusivamente dell’inesperienza e dall’ingenuità ma le premesse per migliorare le prestazioni ci sono tutte. Del fieno in cascina oggi se n’è messo un bel po’. Dalla gara odierna sono emerse le qualità dei giovani Under della DMB Villa d’Agri (sei su otto impiegati erano sotto i 19 anni, ndr), una menzione spetta a tutti, dalle giocate dell’esperto e penetrante Rocco Germino, ai primi tempi di Pietro Calabria e Vincenzo Galante, dalla difesa encomiabile di Gabriele Perna, agli attacchi laterali di Anthony De Angelis e Giovanni Bove, tutti serviti in modo lodevole dal palleggiatore Manuel Riso.
Archiviata questa gara, da domani si penserà alla prossima in terra di Puglia, a Lecce, contro la Conad Lecce. Appuntamento dunque per domenica 10 novembre presso il Palazzetto dello Sport in Piazza Palio.

Ufficio stampa
DMB pallavolo Villa d’Agri

Foto idea studio


ALTRE NEWS

CRONACA

17/11/2019 - San Costantino Albanese: inaugurati micro nido e sezione primavera
16/11/2019 - Castelluccio Inf.: da Berlino le prime storiche foto della Olla
16/11/2019 - In Basilicata allerta gialla, da domani ancora rovesci e temporali
16/11/2019 - Lavello: sorpreso nel bagno di un bar a cedere cocaina ad una ragazza

SPORT

16/11/2019 - Serie C: il Picerno in trasferta contro il Rende
15/11/2019 - Serie D/H: il Francavilla non teme il Taranto
15/11/2019 - Futsal: la Svamoda San Gerardo attende la temibile Sipremix Limatola
15/11/2019 - L’Olimpia Basket Matera cerca col Ruvo il primo colpo esterno stagionale

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    



NEWS BREVI

17/11/2019 Muro Lucano: sospensione idrica

Per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile resterà sospesa fino alle ore 06:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

17/11/2019 Filiano: cali di pressione o sospensione idrica

Per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile in contrada Sterpito potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa fino al recupero del livello del serbatoio.

16/11/2019 Viggiano: sospensione idrica

Per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 23:00 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina, salvo imprevisti.

EDITORIALE

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo