HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Brutta serata di coppa per il Potenza

12/08/2019



Serata di coppa Italia da dimenticare per il Potenza. Sconfitta per tre a zero all’Arena Garibaldi di Pisa. Un primo tempo che faceva ben sperare i tifosi lucani nel vedere la propria squadra tener testa ai più quotati pisani.
Tra fine primo tempo ed inizio ripresa, i toscani hanno la meglio aprendo e mettendo il match sui binari giusti, prima di chiuderlo poco prima della ripresa. Il match, vede subito pericoloso il Pisa: già al 1’ con un cambio di gioco di Lisi per Belli che crossa verso al centro dove irrompe Marconi che di testa colpisce la traversa con deviazione decisiva di Ioime. Qualche minuto dopo, ancora neroazzurri: cross dalla sinistra di Lisi e colpo di testa di Belli che termina sul fondo della rete. Dopo questa sfuriata dei padroni di casa si rivede il Potenza e crea non pochi grattacapi ai toscani. Prima con un tiro centrale di Arcidiacono. Poi, con un pericoloso diagonale di Viteritti che chiama Gori alla respinta con i pugni. Al 43’ la svolta:
Marconi si porta il pallone sul destro e lascia partire un diagonale che non lascia scampo a Ioime 1-0.
Il raddoppio arriva all’8’ del secondo tempo:difesa rossoblu in difficoltà, ne approfitta Masucci che di destro batte Ioime 2-0. Partita a senso unico che al 26’ vede il Pisa addirittura calare il tris. Ci pensa Minesso con una bella punizione calciata dalla sinistra a trovare il colpo di testa di Aya 3-0.
A fine gara il commento di mister Raffaele: "Vogliamo testare quello che sarà la predominante del nostro gioco anche in campionato, lo abbiamo fatto: l'avversario era qualitativamente superiore, abbiamo cercato di limitare errori ed episodi ma non siamo ancora al 100% dal punto di vista della condizione e alcune sbavature sono nate da questo. Errori individuali? No, di reparto. Ad ogni modo i primi 55' sono stati equilibrati, ci siamo proposti bene e da qui dobbiamo ripartire. Il Pisa ha un organico che già si conosce, gioca a memoria e si è visto, soprattutto sul versante offensivo".
Quindi una battuta sul mercato: "Abbiamo França fuori, ci manca un centravanti, stasera (ieri sera, ndr) forse si è visto perché lo spessore fisico alla distanza si è sentita. È un aspetto da colmare se vogliamo dirci completi".
Chiusura dedicata agli obiettivi stagionali: "Abbiamo sfiorato l'anno scorso la B, può succedere di tutto anche adesso. Dobbiamo affinare la preparazione, ma come struttura ci siamo: il nostro girone non sarà facile, ma noi ci proviamo".


ALTRE NEWS

CRONACA

6/12/2019 - Lauria, Vescovo di Ferrara: ‘Morte di Adriano sconfitta per la Città’
6/12/2019 - Provincia di Potenza: 7 persone denunciate in seguito a controlli
6/12/2019 - Lauria: mezzo pesante in fiamme in autostrada
6/12/2019 - Lagonegro. Anziano sorpreso a rubare alimenti. Carabinieri pagano il conto

SPORT

6/12/2019 - La Sassi Volley Academy Matera in campo con entrambe le squadre
6/12/2019 - Serie D/H: il Francavilla si assicura un under proveniente dal Taranto
6/12/2019 - Potenza: martedì 17 convegno “Sport e Diritto”
6/12/2019 - Futsal giovanile: per il Senise nuove sfide con Rossi e Scarpino

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    



NEWS BREVI

6/12/2019 Montalbano Jonico: sospensione idrica

A causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 19:00 di oggi e fino al termine dei lavori, in via Miele, da via dei Caduti fino a zona Montesano.

6/12/2019 Atella: sospensione idrica

A causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nella zona industriale di valle di Vitalba dalle ore 18:00 di oggi fino al termine dei lavori.

6/12/2019 Potenza: sospensione idrica

Per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi fino al termine dei lavori, in viadella Lavanda e zone limitrofe

EDITORIALE

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo