HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Serie D, Poule Scudetto: il Picerno deve battere l’Avellino

21/05/2019



Domani, al “Donato Curcio”, il Picerno avrà l’opportunità, battendo l’Avellino, di accedere alle semifinali della Poule Scudetto di Serie D. Contro, la leonessa si troverà gli irpini freschi vincitori sul Bari che è stato eliminato dal torneo. Ricordiamo che in classifica comandano proprio i biancoverdi con 3 punti, seguiti con 1 da Bari (che ha giocato tutte le partite) e Picerno.
“Mi aspetto che i ragazzi disputino un partita gagliarda – ha detto Mimmo Giacomarro – , perché per superare il turno abbiamo un solo risultato a disposizione. Essere parte di un girone con Bari e Avellino è un motivo di vanto per cercare di mettere sotto squadre più forti e strutturate di noi”.
Nella prima partita giocata al “San Nicola” i rossoblu hanno pareggiato a reti bianche.
“L’Avellino ha giocatori di qualità e di buona intensità. In 9 partite hanno recuperato 10 punti e non era facile, questo gli fa onore e gli ha permesso di vincere un campionato che pareva perso in partenza”.
Il Picerno dovrà fare a meno di Esposito e Pitarresi, i due elementi di maggior talento della rosa.
“Peccato per le loro assenze perché sono i nostri giocatori di maggiore qualità, che possono mettere in difficoltà chiunque. Ma i miei ragazzi – ha concluso Giacomarro – hanno ancora voglia di fare bene e di regalare nuove soddisfazioni ai tifosi ed alla società. Spero in una grande partecipazione di pubblico, per quello che ha fatto la squadra e perché giocare contro l’Avellino è sempre motivo di orgoglio”.
Il tecnico degli Irpini Giovanni Bucaro dovrebbe ricorrere al turn over, se i melandrini dovessero aggiudicarsi i tre punti raggiungerebbero le semifinali alle quali è già stata ammessa il Matelica, quale compagine vincitrice della Coppa Italia.
Fischio di inizio previsto per le ore 16; dirigerà il match Simone Piazzini di Prato, coadiuvato da Michele Collavo di Treviso e Diego Peloso di Nichelino.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it


ALTRE NEWS

CRONACA

21/09/2019 - Craco: mezzo pesante fuori strada
21/09/2019 - Gioco d'azzardo: quanti milioni di euro bruciati in Basilicata
21/09/2019 - Oppido, 37enne denunciato:chiedeva offerte per bambini malati ma era una truffa
21/09/2019 - Impianto Syndial-Eni: la Soprintendenza dice no

SPORT

21/09/2019 - Serie D/H: il Francavilla va ad Altamura in cerca della prima vittoria
20/09/2019 - Elettra Marconia, contro il Paternicum è un esame di maturità
19/09/2019 - La PM VOLLEY ASD si presenta alla stampa e tifosi
19/09/2019 - Rinascita Lagonegro,allenamento congiunto con Corigliano

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    



NEWS BREVI

21/09/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi in Basilicata

Nova Siri: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Bollita, via Buonarroti e via da Vinci resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
Policoro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Lido sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.

19/09/2019 Comunicazione sospensione idrica oggi 19 set. in Basilicata

Tramutola: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica resterà sospesa fino al termine dei lavori, nelle seguenti contrade: Tempa di Caolo, San Francesco, Pietra Grattata, Sacramento, Castiglione e zone limitrofe.

18/09/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi in Basilicata

Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Pian di Zucchero e nelle zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 14:00 alle ore 16:00 di oggi, salvo imprevisti.

Rapone: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nella parte alta dell'abitato potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

EDITORIALE

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo