HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Il Conservatorio di musica di Potenza scende in piazza per l'AFAM

11/02/2016

In linea con la “Giornata nazionale dell’Alta Formazione”, manifestazione destinata alla sensibilizzazione sullo stato dell’AFAM e concordata a seguito di quanto discusso e di quanto emerso nella sede della Conferenza dei Direttori e delle quattro Conferenze riunite tenutasi a Roma presso i locali del MIUR il giorno 27 gennaio 2016, il Direttore del CONSERVATORIO DI MUSICA “CARLO GESUALDO DA VENOSA” Umberto Zamuner e i docenti componenti riunitisi lo scorso martedì 9 in Consiglio Accademico hanno deciso di aderire all’iniziativa di protesta.
La manifestazione, che porterà eccezionalmente a raccolta, sabato 13 febbraio alle ore 12.00 il Direttore, il personale docente e gli allievi in piazza Mario Pagano, dinanzi al Palazzo della Prefettura di Potenza, si articolerà in due momenti: la lettura pubblica del comunicato congiunto riportato a seguire e un’esibizione musicale assegnata, per brevi momenti performativi, a differenti organici con strumenti a fiato e a percussione. A seguire, il Direttore del “Carlo Gesualdo da Venosa” consegnerà al Prefetto, dott.ssa Marilisa Magno, il documento ufficiale relativo alla mozione votata all’unanimità dall’Assemblea congiunta delle Conferenze nazionali di settore.
L’iniziativa di protesta, organizzata al di fuori delle mura e in un giorno di canonica chiusura dell’Istituzione Musicale presieduta da Mauro Fiorentino, vuole essere un forte segnale in difesa dei diritti di qualità per l’Alta Formazione Musicale previsti e avviati dal processo di una legge di riforma (Legge n. 508 del 1999) assurdamente rimasta ferma da sedici anni, cui si accompagna una grave carenza di risorse pubbliche nonché una problematicità costante nella interlocuzione con il livello di riferimento politico-istituzionale.
Dalla denuncia della riunione congiunta delle Conferenze è infatti emerso il persistere di un’assenza di progettualità politica e culturale riguardo al sistema formativo musicale entro il quadro di un costante svilimento del valore della musica nel contesto culturale e sociale complessivo del Paese.
A distanza di sedici anni dalla promulgazione della Legge n. 508 mancano infatti ancora fondamentali passaggi normativi, quali il decreto sul reclutamento del personale docente e la messa a ordinamento dei bienni, un dato cui si aggiunge l’effettiva inesistenza dell’organo consultivo di sistema (CNAM), scaduto da tre anni e non ancora rinnovato.

A tal merito si riporta la mozione unanime votata all’unanimità dall’assemblea delle Conferenze nazionali dei Presidenti, dei Direttori e dei Presidenti delle Consulte degli studenti di tutti i Conservatori statali e non statali d’Italia per chiedere la piena attuazione della riforma.

Alta Formazione Musicale: sabato 13 febbraio giornata di protesta e di proposta
negli Istituti Superiori Musicali italiani:

Il mondo della formazione accademica musicale “scende in campo” e fa fronte comune per chiedere il riconoscimento del valore sociale e culturale dell’alta formazione musicale nel nostro Paese.
I 54 Conservatori di Musica statali e i 19 non statali hanno indetto per sabato 13 febbraio una “Giornata nazionale dell’alta formazione”, organizzando per quella giornata e, a seguire, per tutto il mese di febbraio concerti e momenti di riflessione e sensibilizzazione sullo stato dell’AFAM (il sistema nazionale dell’Alta Formazione Artistica e Musicale, costituito da Conservatori, Accademie e Istituti superiori di industrie artistiche). La giornata di protesta e di proposta è stata decisa dall’assemblea congiunta dalle Conferenze nazionali dei Presidenti, dei Direttori e dei Presidenti delle Consulte degli studenti dei Conservatori statali e non statali che nei giorni scorsi si è riunita a Roma nella sede del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca.
Per l’occasione in tutti gli istituti musicali del territorio nazionale si terranno iniziative, concerti, performance e attività musicali. Per la prima volta insieme presidenti, direttori e studenti dei Conservatori statali e non statali italiani hanno votato all’unanimità una mozione per chiedere maggiore attenzione verso il sistema AFAM, per garantire ai giovani e al Paese la necessaria qualità formativa e per realizzare un ulteriore sviluppo del sistema. Nel testo, licenziato dall’assemblea congiunta, viene sollecitata la completa attuazione della riforma del sistema di alta formazione artistico-musicale, attesa ormai da oltre 16 anni (la legge di riforma del settore del 1999 è ancora in itinere), e vengono richiesti in particolare, entro il 2016, un nuovo sistema di reclutamento, l’ordinamento di tutti i corsi di studio, la statalizzazione degli istituti musicali, l’incremento delle risorse.

Il sistema AFAM musicale in sintesi:
- 77 istituti di alta formazione musicale: 54 Conservatori statali (più 4 sedi staccate), 19 Conservatori non statali (ex Istituti Pareggiati), 4 istituti accreditati. Gran parte di essi con una lunga storia e tradizione alle spalle (siamo il paese nel quale i Conservatori sono nati, nel XVI secolo).
- 50.000 studenti, di cui il 10% stranieri (dato, quest’ultimo, più che doppio rispetto al corrispondente dato delle Università). Oltre 6.000 diplomati all’anno.
- 7.000 eventi complessivamente organizzati sul territorio (soprattutto concerti).
- 6.000 docenti, 1.500 unità di personale amministrativo e ausiliario.
Riferimento normativo: Riforma AFAM, Legge 21 dicembre 1999, n. 508.
Dei fondamentali regolamenti attuativi previsti dall’art. 2, comma 7 (nove, anche raggruppati), ne sono stati emanati solo due (DPR 132/2003, DPR 212/2005).

Mozione votata all’unanimità dall’Assemblea congiunta delle Conferenze
Le Conferenze Nazionali dei Presidenti, dei Direttori e dei Presidenti delle Consulte degli studenti dei Conservatori statali e non statali, riunite congiuntamente a Roma nella sede del MIUR il 27 gennaio 2016, esprimono la più grande preoccupazione per la situazione del sistema dei Conservatori statali e non statali italiani e più in generale per la formazione musicale nel nostro Paese.
In particolare si lamenta il blocco, in atto ormai da anni, del processo di riforma del sistema avviato dalla Legge n. 508 del 1999 cui si accompagna una grave carenza di risorse pubbliche nonché una problematicità costante nella interlocuzione con il livello politico-istituzionale.
Le Conferenze denunciano il persistere di un’assenza di progettualità politica e culturale riguardo al sistema formativo musicale, che si colloca nel quadro di una costante sottovalutazione di fatto del valore della musica nel contesto culturale e sociale complessivo del Paese.
A distanza di sedici anni dalla promulgazione della Legge n. 508 mancano ancora fondamentali passaggi normativi, quali il decreto sul reclutamento del personale docente e la messa a ordinamento dei bienni, un dato cui si aggiunge l’effettiva inesistenza dell’organo consultivo di sistema (CNAM), scaduto da tre anni e non ancora rinnovato.
Le Conferenze ribadiscono con determinazione la necessità di essere riconosciute e considerate come dai decreti ministeriali istitutivi: “quali organismi stabili di interlocuzione tra l’amministrazione e i conservatori”, statali e non statali.
Le Conferenze esprimono inoltre ferma contrarietà all’annuncio di norme che favorirebbero le istituzioni private a discapito delle istituzioni pubbliche.
Le Conferenze chiedono dunque, non oltre il mese di febbraio 2016, immediate risposte alle istanze poste e azioni concrete, da realizzarsi in tempo utile per garantire l’efficacia delle procedure per l’avvio del prossimo anno accademico.
In ragione di questo decidono di proseguire nella propria azione congiunta per incalzare l’attuazione della riforma, con significativi incrementi delle risorse a disposizione del sistema. Ciò anche al fine di provvedere entro il 2016 alla statalizzazione dei Conservatori non statali, che stanno vivendo una condizione di gravissima crisi e rischiano la chiusura delle attività formative.
Per segnalare all’opinione pubblica la difficilissima situazione che sta vivendo il settore dell’alta formazione musicale le Conferenze nazionali riunite indicono una giornata di protesta e di proposta per il 13 febbraio 2016, con iniziative e attività musicali in ogni istituto su tutto il territorio nazionale.
Il documento è stato firmato, per la Conferenza dei Presidenti, dal Prof. Sergio Cordibella, per la Conferenza dei Direttori dal M° Paolo Troncon, per il coordinamento Presidenti Conservatori non statali dal Prof. Claudio Pelis, per la Conferenza dei Presidenti delle Consulte degli studenti da Tommaso Donatucci.





archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
18/07/2019 - Senise: due liceali diplomati con lode

Siamo nel pieno dell’estate, gli esami sono ormai un ricordo ma la scia delle soddisfazioni è ancora lunga. Come il caso di due studenti del liceo classico ‘Isabella Morra’ di Senise che alla fine di un brillante esame, che ha fatto seguito ad un percorso scolastico altretta...-->continua

18/07/2019 - Coop Alleanza 3.0 presenta la restituzione della statua di Santa Lucia a Matera

Si terrà domani, 19 luglio, alle ore 11 la restituzione della statua di Santa Lucia della Chiesa Rupestre di S. Lucia alle Malve al Museo Diocesano di Matera. Il capolavoro locale è stato restaurato mediante il voto dei soci Coop Alleanza 3.0 per l’edizione 20...-->continua

18/07/2019 - Passaggio di testimone al Rotary Senise Sinnia. Calderaro nuovo presidente

Si è svolta ieri pomeriggio la cerimonia del passaggio del martelletto nella splendida cornice dell’agriturismo masseria l’Olivia Casata del Lago a Senise,nuovo presidente per l’anno 2019 del Rotary Club Senise Sinnia è l’imprenditore Francesco Calderaro.
...-->continua

18/07/2019 - Pro Loco di Maratea La Perla - Premio La Perla 2019

Per il terzo anno torna il Premio La Perla nell’incantevole scenario del Porto turistico di Maratea. E ci torna rilanciando il valore dell’effetto comunicativo e della sua prospettiva, utile alla valorizzazione della terra di Basilicata e del Golfo di Policast...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo