HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

A Carbone si celebra la tradizione dei fuochi di San Giuseppe

1/12/2022

Il 10 dicembre a Carbone si terrà un interessante programma teatrale a partire dalle ore 17,30.
Sarà messa in scena una rappresentazione teatrale itinerante: seguendo il componimento di Gozzano autore della Signorina Felicita, si sosterà presso le tre "osterie"; infine si raggiungerà Piazza XXIV Maggio, dove si potrà assistere ad uno spettacolo con il fuoco.La rappresentazione teatrale seguirà il canovaccio del componimento poetico della Notte Santa di Gozzano.
L’evento è organizzato dall’Amministrazione comunale di Carbone.
Il sindaco ed il vicesindaco hanno espresso il loro placet per un evento culturale che tempo permettendo dovrebbe richiamare pubblico.
Molti cittadini di questo paese hanno accolto con goia quest’evento, per trascorrere una serata scevra dai problemi della quotidianità.
Esso è parte integrante della cultura e vi sono alcuni cittadini di questo paese amanti del teatro.
Per chi non conosce questo letterato del secolo scorso,
Gozzano ha appartenuto alla corrente letteraria del crepuscolarismo. Nato da una famiglia benestante di Agliè, inizialmente si dedicò alla poesia nell'emulazione di Gabriele D'Annunzio e del suo mito del dandy. Successivamente, la scoperta delle liriche di Giovanni Pascoli lo avvicinò alla cerchia di poeti intimisti che, poi, sarebbero stati denominati "crepuscolari", accomunati dall'attenzione per "le buone cose di pessimo gusto", con qualche accenno estetizzante[ il "ciarpame reietto, così caro alla mia Musa", come le definì ironicamente lui stesso.[ Morì a soli 32 anni, a causa del cosiddetto mal sottile, termine caduto in disuso che stava ad indicare la tubercolosi polmonare che lo affliggeva. Alla tubercolosi, che lo afflisse fin dal 1904, è collegato un viaggio in India nel 1912, intrapreso con la speranza di trovare nel clima di quel Paese un sollievo alla sua malattia. Durante il suo soggiorno in India scrisse una serie di articoli, raccolti nel volume postumo Verso la cuna del mondo (1917). Più importanti le sue raccolte in versi: La via del rifugio (1907) e I colloqui (1911). Il mondo da lui descritto è quello provinciale, piccolo-borghese, visto con amore, ma allo stesso tempo con un certo distacco ironico.


Biagio Gugliotta



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
23/02/2024 - ''Esprimiamo contrarietà nei confronti della motospettacolo,che non è terapeutica''

Questo comunicato stampa per denunciare una situazione imbarazzante e prendere le distanze dalla mototerapia di cui si sta parlando tanto in questi giorni (proposta di legge approvata alla camera dei deputati il giorno 22/02/2024) che parla di sgommate, spettacoli o semplici...-->continua

23/02/2024 - A Matera una nuova stazione mobile della Polizia locale

Con la benedizione di don Giuseppe Tarasco, è stata inaugurata stamane la nuova Stazione mobile della Polizia locale di Matera. All’evento presso l’hotel “Mulino Alvino”, ha preso parte il sindaco, Domenico Bennardi, l’assessore alla Polizia locale, Giuseppe D...-->continua

22/02/2024 - A Melfi, presentazione del libro ‘’dalla terra alla luna’’ di Renato Cantore

Sarà l’auditorium del Centro culturale Nitti di Melfi (vico San Pietro snc) a ospitare, sabato 24 febbraio alle ore 17.00, la presentazione del libro "Dalla terra alla luna" di Renato Cantore, (Rubbettino editore, 2019) organizzata dall’Associazione “Francesco...-->continua

22/02/2024 - Il Cardinal Parolin a Lauria per la Conclusione del Giubileo Lentiniano

Volge a conclusione lo speciale Anno giubilare, indetto da Monsignor Vincenzo Orofino, vescovo di Tursi-Lagonegro, il 12 ottobre 2022, in occasione del 25mo anniversario della beatificazione del sacerdote Domenico Lentini. Domenica 25 febbraio 2024, nel giorno...-->continua

E NEWS















WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo