HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Lauria: prima nel mezzogiorno con 86 classi monitorate con Fybra

22/07/2022

Si è svolta questa mattina presso la Sala consiliare del Municipio di Lauria la conferenza stampa per mostrare alla comunità il sensore intelligente che è in grado di migliorare la qualità dell’aria nell’asilo nido, nelle scuole materne e primarie di Lauria. Presenti il Sindaco Pittella, i dirigenti scolastici Serena Trotta e Vito Carlomagno, l’assessora Caimo e il co-founder e Ceo di Fybra il dottor Gaetano Lapenta. Un progetto voluto fortemente dall’Amministrazione lauriota.
Fybra è una startup innovativa attenta a migliorare la qualità dell’aria negli spazi indoor sfruttando la ventilazione naturale e ottimizzando i sistemi di areazione, utilizza sensoristica avanzata e algoritmi predittivi e adattivi per garantire salubrità, comfort ed efficienza energetica.
Il giovane lauriota Lapenta ha spiegato come il sensore di Fybra rileva tre parametri –anidride carbonica, temperatura e umidità– e nel tempo, attraverso algoritmi predittivi e dinamici, ne “impara” l’andamento e definisce di volta in volta le soglie ideali rispettando le quali, in uno specifico ambiente, si può prevenire il deterioramento della qualità dell’aria e mantenere temperature di comfort.
“L’innovazione che oggi Gaetano, presentata qui nella sua Lauria, -le parole del Sindaco Pittella- rappresenta un’eccellenza mondiale. Un progetto straordinario che coinvolge la salute e la sicurezza innanzitutto delle alunne e degli alunni, ma grazie a questa idea tecnologica ci consente di migliorare i nostri luoghi. Serve continuare in questa direzione e far in modo che il progetto sia ampliato, nel tempo, in tutte le scuole di Lauria. Abbiamo bisogno di giovani che investono in processi tecnologici e l’invito a tutti i giovani di rendersi protagonisti di questi processi.”
Brevettato nel 2020 dall’omonima startup di Milano e già installato in numerose scuole del centro e nord Italia distribuite in circa trenta province tra Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto, Alto Adige e Marche. Con una semplice luce led comunica alla classe quando bisogna aprire la finestra per aerare il locale e quando la si può chiudere perché l’aria è tornata di buona qualità. In questo modo consente di aprire le finestre solo quando è necessario, garantendo a studenti e insegnanti sicurezza, comfort termico ed efficienza energetica. Una soluzione importante, in questo periodo, per evitare la diffusione dei contagi dovuta alla variante Omicron del virus Sars-Cov-2.
“I sensori realmente garantiscono –commenta l’Assessora Ester Caimo- una qualità dell'aria e ciò permette anche al mondo una maggiore efficienza energetica e un minore dispendio di calore in un momento in Italia in cui la crisi energetica è al centro del dibattito. La sicurezza, la qualità dell'aria, l’efficienza ambientale e la digitalizzazione avviate in questo progetto che è stato ideato da un lauriota, da un figlio della nostra terra, che ha speso energie e passione e che oggi ritorna qui nel suo borgo. Noi siamo orgogliosi come Lauria di essere il primo ente nel Mezzogiorno ad installare questo dispositivo”.
Lauria è il primo comune del Sud Italia ad aver creduto in questa tecnologia, installando i sensori in 86 classi distribuite in 11 scuole tra primarie, materne e asilo nido, e che in un momento delicato prepara le scuole all’avvio in sicurezza del nuovo anno scolastico.
“L’Amministrazione comunale si è distinta -lo dichiarano i dirigenti scolastici Serena Trotta e Vito Carlomagno- nell’innovazione dotando le scuole di un dispositivo a supporto per la sicurezza dei nostri ragazzi che è fondamentale anche per i dirigenti, per i docenti e per il personale tutto della scuola e per l’intera comunità di Lauria. Avere un dispositivo così visionario che ci permetta effettivamente di poter affrontare la didattica con maggior serenità. La gestione del covid e della stessa qualità dell’aria permette di ottimizzare l'ambiente lavorativo sia del personale sia che gli alunni quindi grazie per questa opportunità”.
Fybra nasce per le scuole poi da subito è stata applicata anche in ufficio sia pubblici che privati e alla fine del percorso abbiamo sviluppato un nuovo brevetto specifico per la casa. Non è solo un rilevatore, ma la sua unicità è quella di essere una soluzione, perché si calcola esattamente quando è il momento di ventilare e quanta ventilazione sia necessaria. Il tema della qualità dell'area indoor dall’arrivo del Covid è diventato prioritario, anche se il nostro progetto è nato prima del coronavirus da una problematica reale e familiare.
“Orgoglioso ed emozionato che la mia città natia abbia creduto in un progetto che ci sta proiettando a livello internazionale – afferma Gaetano Lapenta, co-founder e Ceo di Fybra –. Il nostro sistema unisce facilità di installazione, costi contenuti e valore educativo: i dati rilevati dal dispositivo possono essere utili per la didattica scientifica, ambientale e per l’educazione civica. Fybra è una soluzione basata su dati scientifici, che permette di migliorare la qualità dell’aria, abbattere la quantità di microdroplets presenti e tutelare la salute degli studenti senza esporli inutilmente al freddo».

Come funziona Fybra?
Una luce led comunica in tempo reale la situazione con diverse colorazioni: il rosso indica la necessità di ventilare l’aula per disperdere microdroplets (veicoli di virus trasmessi per via aerea), CO2 e inquinanti, il viola un progressivo miglioramento della qualità dell’aria. Quando la luce diventa azzurra, significa che la qualità dell’aria è buona, ed è quindi possibile richiudere le finestre, evitando sprechi di calore e raffreddori.
Il sensore fisico è integrato da un avanzato sistema di monitoraggio attraverso app e dashboard proprietarie, che consente di analizzare in tempo reale la qualità dell’aria nell’aula. Un insieme di conoscenze di facile accessibilità, utili anche a fini didattici: basti pensare al valore educativo in relazione alla fisica, alle scienze ambientali e all’educazione civica.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
6/10/2022 - Presentazione del dizionario e dello zibaldone dialettale di Melfi di Mauro Tartaglia

Si terrà sabato 08 ottobre, alle 17,30 presso il Centro culturale Nitti di Melfi (vico San Pietro snc), la presentazione dei volumi “Dizionario e Zibaldone dialettale di Melfi” di Mauro Tartaglia, indimenticato educatore, amministratore pubblico e animatore civile scomparso ...-->continua

6/10/2022 - Comando Provinciale Carabinieri dona a Ufficio Scolastico la graphic novel in ricordo de Generale Dalla Chiesa

A Potenza, nella mattinata odierna, lungo la centralissima via Pretoria, all’interno della storica Caserma sede del Comando Provinciale Carabinieri, intitolata al “Tenente M.O.V.M. alla memoria Orazio Petruccelli”, ha avuto luogo un significativo incontro, dur...-->continua

6/10/2022 - Domenica 9 giornata di studi al Parco archeologico Grumentum

Domenica 9 ottobre 2022 alle ore 9.30 presso il Parco Archeologico di Grumentum prenderà il via la giornata di studio su “Realtà e virtualità, tutela e valorizzazione del patrimonio archeologico”.

L’evento è una tappa importante del progetto S.P.A.M. ...-->continua

6/10/2022 - A Potenza manifestazione di solidarietà alle donne iraniane

La Commissione Regionale Pari Opportunità di Basilicata ha organizzato per sabato 8 ottobre, in Piazza Matteotti a partire dalle ore 16, una manifestazione di solidarietà verso le donne iraniane, che sono scese in piazza in Iran e in tante città del mondo per ...-->continua

E NEWS











WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo