HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Il Museo Diocesano di Tricarico a casa tua

17/04/2020

In un momento di così grave emergenza sanitaria per l’intera umanità, che ci costringe a ridimensionare le nostre relazioni ed i nostri spostamenti, vogliamo offrire la possibilità di fare un viaggio virtuale nella storia di fede della Diocesi di Tricarico, per poter recuperare valori, esperienze, messaggi utili a sostenerci in questo tempo. Tale strumento multimediale vuole aiutarci a trasformare il tempo dell’angoscia e dell’insicurezza in tempo di riflessione e gestazione del futuro. Il visitatore on-line avrà accesso al nostro patrimonio materiale e immateriale muovendosi nel Mudit-Museo Diocesano di Tricarico: poiché non puoi raggiungerlo, è esso stesso che raggiunge te!
La proposta è organizzata in un template, che offre in sette sezioni tutto il materiale digitale e multimediale delle attività – tra mostre ed eventi – che ha caratterizzato la vita del Mudit-Museo Diocesano di Tricarico nei suoi primi tre anni di vita. Esso contiene prodotti come la narrazione animata della storia della Diocesi (elaborata dal CNR-Ibam, in convenzione con la Diocesi per il progetto di allestimento del Mudit), i virtual tour delle chiese parrocchiali della Diocesi e di alcuni siti di rilievo, come la chiesa di Santa Chiara e del Carmine di Tricarico, nonché elaborazioni in gigapixel ed in 3d di alcune tra le opere più importanti del pittore Pietro Antonio Ferro. Segnaliamo, inoltre, una piattaforma izi.travel dove poter usufruire di percorsi supportati da audioguide. Il visitatore avrà ancora la possibilità di ripercorrere gli eventi salienti che il Mudit ha promosso, come la riproposizione della sezione tricaricese della mostra “Maternità divine. Sculture lignee della Basilicata da Medioevo al Settecento” (Firenze, Sacrario della basilica di Santa Croce, 16 dicembre 2017-24 marzo 2018; Mudit, 11 luglio-8 ottobre 2018). Degni di menzione, inoltre, gli eventi realizzati in partenariato con l’Associazione “Terre di Luce” in coproduzione con la Fondazione Basilicata-Matera 2019 come le mostre “Segni di luce a trame d’oro. I paramenti liturgici della Diocesi di Tricarico” (Mudit, 6 aprile-1 settembre 2019), “Musica divina et mundana. Testimoni liturgici e musicali della Diocesi di Tricarico” (Mudit, 10 agosto-31 ottobre 2019). Una delle caratteristiche salienti del Mudit è proprio l’intensa collaborazione con le istituzioni culturali ed educative in un profondo radicamento nel territorio ed apertura ai contesti. Un esempio eminente è l’ormai consolidata collaborazione con il FAI.
Una nota di ringraziamento va al Curatorium del Mudit, ai curatori scientifici dei vari eventi e delle mostre, al CNR-Ibam di Tito (PZ), allo studio Namias-fotografia e informatica di Giuseppe e Paolo Fedele, l’ing. Rocco Rosi-segreteria Ufficio Beni Culturali ed Arte Sacra della Diocesi di Tricarico. Il prodotto è disponibile visitando il sito: virtual.diocesiditricarico.it.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
14/07/2020 - Palazzetto dello sport di Lagonegro: cominciati i lavori

Sono cominciati i lavori di rifacimento e ristrutturazione del palazzetto dello sport di Lagonegro, in provincia di Potenza, la cui progettazione era stata avviata già nel mese di maggio del 2017. Il cantiere è stato consegnato nella mattinata di lunedì 13 luglio scorso, con...-->continua

14/07/2020 - Potenza,terzo e ultimo appuntamento con Oasi Cinema

Terzo ed ultimo appuntamento con OasiCinema, il cinema dell’ecologia, rassegna organizzata da Zer0971 Associazione di Promozione Sociale, mercoledi 15 luglio alle ore 21 presso il Cortile del Museo Archeologico Nazionale “Dinu Adamesteanu” in centro storico a ...-->continua

14/07/2020 - Un Guida turistica di Aliano realizzata dagli studenti

La città di Aliano mette a disposizione dei visitatori, dei turisti e degli stessi cittadini una utilissima e interessante guida redatta in italiano, inglese e francese per far conoscere e visitare al meglio i luoghi che hanno ispirato il “Cristo si è fermato ...-->continua

13/07/2020 - ''Arte in orto'': il recupero delle coltivazioni della tradizione

Negli orti che i nostri nonni e i nostri genitori coltivavano nel secolo scorso c’erano specie che oggi stanno scomparendo.
Si mangiavano prodotti biologici raccolti a kilometri zero.
Bastavano, quasi sempre, per i bisogni delle famiglie. All’occorrenz...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo