HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

C2 play off: Il Potenza vola in C1

18/06/2007



Il Potenza domina a Benevento e va in C1

Nella storia con Delgado


BENEVENTO (4-4-2): Gori 7.5; Martinelli 7, Castaldo 5, Pedotti 7, Palermo 6; Imbriani 6.5, Maisto 7, Colasante 5.5 (12' pts De Porras sv), Masciantonio 6 (46' st Di Fiordo sv); Polani 6 (13' st Marasco 5.5), Clemente 7. A disp. Doardo, Bianciardi, Nigro, Taua. All. Simonelli
POTENZA (3-4-3): Iuliano 7.5; Colletto 7, Cagnale 7.5, Malafronte 6.5 (47' st Delgado 8); Lolaico 7 (3' sts Tassone sv), Dettori 8, Berretti 7, Memè 6 (42' st Di Giorgio 6.5); Grillo 7, Pignalosa 7, Nolè 6.5. A disp. Signorile, Paonessa, Giugliano, Marra. All. Arleo (squalificato, in panchina Catalano)
ARBITRO: Scoditti di Bologna 7
Assistenti: Bianchi di Cosenza e Nocera di Albano Laziale
Quarto uomo: Lioce di Molfetta
RETI: 8' pt Clemente (B), 10' pts Delgado (P)
NOTE: giornata di sole, terreno in buone condizioni. Presenti oltre novemila spettatori, di cui 500 provenienti da Potenza (paganti 7153 per un incasso di 87387 euro). Espulso al 41' st Castaldo (B) per fallo su Dettori. Ammoniti: Taua (B), Colasante (B), Nolè (P), Grillo (P), Maisto (B), Martinelli (B). Angoli 5-3 per il Potenza. Recupero: pt 2', st 4', pts 0', sts 2'
BENEVENTO. Benvenuti in paradiso. Piange di gioia il Potenza, che ai supplementari vince i suoi primi play off di C e torna in C1 dopo tredici anni. Piange di rabbia il Benevento, battuto per sesta volta in sette partecipazioni, in quella che era la quarta finale per gli stregoni e per Simonelli.
Il gol che decide il destino lo segna, nel primo tempo supplementare, Delgado, escluso dalla formazione iniziale a beneficio di Grillo, e poi entrato per dare l'ultimo assalto ai giallorossi, rimasti in dieci prima del novantesimo per l'espulsione di Castaldo.
Succede al minuto numero 100 della partita infinita: Lolaico, sempre lui, sguscia sulla destra, mette in mezzo il veleno, Delgado aspetta e lo inietta nella partita, segnando nella porta sotto la Curva Sud, quella stregata, solo un giocatore (Rastelli del Sorrento) era riuscito a trafiggere Gori quest'anno. E' finita così, dopo 120 minuti, due gol, un'espulsione, un palo, due traverse, una serie di prodezze dei portieri. Lo spettacolo non è mancato, e il Potenza ha cucinato il suo successo a fuoco lento, avendo prima la fortuna di restare in piedi dopo un primo tempo imbarazzante, e poi la bravura e il coraggio di prendere in mano la partita nel secondo, gestendo le energie meglio degli avversari e trovando il gol del pari con lucida pazienza. Segni del destino: Delgado era stato l'unico escluso rispetto alla squadra che aveva vinto l'andata: al suo posto Grillo, in un 3-4-3 più accorto e guardingo. In verità, il Potenza ha avuto subito l'occasione per passare: dopo 6 minuti, Nolè è andato giù dopo un contatto con Palermo e i rossoblu hanno invocato invano il calcio di rigore. Due minuti dopo, invece, il Benevento era già in vantaggio: cross di Martinelli da destra, Polani s'è tuffato in area, la palla è sguizzata sul secondo palo tagliando tutta la difesa e finendo sul piede di Clemente, che da due passi non ha fallito il tap-in. Il Santa Colomba è esploso: di qui, è stato un monologo del Benevento, con improvvise fiammate offensive e sciagurate conclusioni di Polani, che per quattro volte ha graziato Iuliano. Ha cominciato al 13' (bravo Colletto a chiudergli la conclusione in angolo), ha messo fuori al 25', ha sfiorato il palo ad un minuto dall'intervallo, ma l'occasione più clamorosa gli è capitata alla mezz'ora esatta: liberato da Martinelli e agevolato da uno scivolone di Colletto, Polani è entrato nel salotto di Iuliano, ha avuto il tempo di prendere la mira e di tirargli proprio al centro della maglia, per poi raccogliere la respinta e azionare un flipper scalognato (palo interno e palla fuori), stavolta col sinistro. In questa frazione intensa, anche Imbriani ha avuto la palla dell'epoca: partito da destra, si è bevuto tre difensori e poi ha colpito d'esterno, ma qui Iuliano, di piede, si è superato (15'). Altrettanto bravo è stato Gori nell'altro pericolo confezionato dal Potenza: un sinistro di Grillo a girare sul quale il portiere è volato per mettere in angolo (20'). Nella ripresa la musica è cambiata radicalmente. Il Benevento è calato, dopo aver speso tanto, troppo. Il Potenza è uscito dall'angolo, ha preso fiducia e ha respirato a centrocampo, mentre i giallorossi sono stati colti dai crampi. E la gestione della benzina è stata indubbiamente una delle chiavi del successo potentino. Dopo 9 minuti, i leoni hanno urlato al quasi-gol: ancora cross di Lolaico, stavolta Pignalosa ha colpito di testa, scavalcando Gori, ma la palla si è stampata sulla traversa. Simonelli è corso ai ripari inserendo Marasco al posto di Polani e passando ad un 4-5-1, ma è stato il Potenza a fare la partita nella ripresa: Gori è volato a respingere una punizione di Berretti e Memè ha trovato la deviazione di Castaldo quando ha tentato il tap-in (14'). Al 26' è stato Nolè ad accentrarsi e a sfoderare il destro, Gori ha risposto da campione. Due minuti dopo, il portiere di casa è stato miracoloso quando Pignalosa gli si è presentato a tu per tu, liberato da un tacco di Nolè. E ancora Nolè, al 40', ha messo alto di testa su punizione di Memè. Il finale ha regalato nuove emozioni, con i giocatori colti da crampi e stremati dalla fatica. Uno di questi, Castaldo, si è beccato il rosso diretto per un intervento in scivolata su Dettori. Col Benevento in dieci, però, sono stati i sanniti a sfiorare il colpo in contropiede, ma Maisto e Clemente in pieno recupero non hanno avuto fortuna.
Prima dei supplementari, Arleo ha inserito Di Giorgio per Memè e Delgado per Malafronte, passando ad un 4-2-4, di fatto, con Grillo e Delgado larghi, spine nel fianco della difesa, e Nolè stretto al fianco di Pignalosa in mezzo. Il gol, ormai nell'aria, è arrivato dopo 10 minuti del primo tempo supplementare ed ha scolpito la storia delle due squadre. Il Benevento si è lanciato all'ultimo assalto, scoprendo il fianco al contropiede: nel secondo tempo supplementare, Grillo ha trovato la traversa con la deviazione di Gori a 5' dalla fine, e il portiere si è superato anche su Berretti a 2' dal termine. A tempo scaduto, una punizione di Clemente ha regalato l'ultimo brivido: palla fuori, e Potenza in paradiso.

"Il Quotidiano della Basilicata"
Chiara De Michele


ALTRE NEWS

CRONACA

23/02/2019 - Lauria, frana: Consiglio Comunale sullo ‘Stato di Emergenza’
22/02/2019 - Maltempo: interdizione traffico per i mezzi pesanti. Scuole chiuse a Potenza
22/02/2019 - Sistema di emergenza Basilicata: novità e prospettive
22/02/2019 - Viggianello: avviati i lavori per il bypass alla Sp 34

SPORT

22/02/2019 - Qual. Europei Sitting Volley: grande Italia, battute Rep. Ceca e Francia
22/02/2019 - Il Potenza annuncia l'arrivo del bomber Murano
22/02/2019 - Promozione: la capolista attende il Paternicum
22/02/2019 - Eccellenza: il Grumentum prova un altro l’allungo

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

23/02/2019 Sospensione erogazione idrica 23 febbraio 2019

Policoro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica Via D'Azeglio dal civvico 30 al 52 resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

22/02/2019 Maltempo: domani a Potenza scuole chiuse

"A seguito di previsioni meteo secondo le quali sono previste precipitazioni nevose, temperature rigide e venti di burrasca", domani, a Potenza, resteranno chiuse le scuole di ogni ordine grado chiuse, asili nido compresi. Lo ha disposto il sindaco del capoluogo lucano, Dario De Luca.

22/02/2019 Sasso di Castalda,rinviato lo spettacolo "Pane, latte e lacrime"

Si comunica la cancellazione dello spettacolo "Pane, latte e lacrime" previsto domani sabato 23 Febbraio presso il Teatro Mariele Ventre di Sasso di Castalda per il cartellone 2019 della rassegna "Le Valli del Teatro".
Lo spettacolo annulllato a causa dell'allerta neve verrà proposto in data 6 Aprile 2019 alle ore 21:00.
Gli organizzatori si scusano per il disagio.

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo