HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Coppa Italia: Irsinese-Murese 2-1dts

25/01/2008



L’urlo dell’Irsinese. Vince la Coppa battendo 2-1 la Murese che sbaglia al 90’ un rigore prima dei supplementari.

IRSINESE: Fiore; Cannito, Cristallo, Sansone, Digirolamo (2’pts Pecoriello G.,); Cardano (3’pts Pugliese), Porfido, Pecoriello A., Pentangelo (13’sts Cirillo); Tragni, Aresta. A disp: Sacco, D’Asta, Cirillo, Grieco, Defilippis. All. Bitetti.

MURESE: Scaldaferri; Tirico, Nardiello (16’ st Cella), Lotano, Ferracane; Iacullo G. (32’ st Iacullo V.), Pietrafesa Mas., Cafaro, Anthoi; Gonnella, Dutra. A disp. Cocina, Bochicchio, Pietrafesa Mau., Guerra, Perillo.
ARBITRO: Petrone di Potenza (Mele-D'Auria)
RETI: 44’ pt Antohi (M), 21’ st Tragni (I) 11’ sts Sansone (I)
NOTE: serata gelida. Spettatori 700 circa. Dutra al 47’ st fallisce un calcio di rigore.
Espulsi:
Ammoniti: Pecoriello A. Cafaro, Pentangelo, Fiore. Angoli 7-7. Recuperi 1’pt 3’st

POTENZA: La Coppa Italia è rossonera: giusto così, perchè gli uomini di Bitetti hanno dimostrato, almeno ieri sera, di avere qualche cosa in più di una Murese stranamente imbrigliata dall’emozione. Eppure, anche la dea bendata ci ha messo del suo, in una partita assai avvincente e ricca di emozioni per gli oltre 700 spettatori presenti. Ha deciso Sansone, ma determinanti sono stati anche Porfido, Tragni, Antohi e, nel male, Dutra. Sui piedi dell’uruguaiano, quando era il secondo minuto di recupero, sull’1-1 il rigore della Coppa per Natiello e soci. Sfera oltre la traversa e mani tra i capelli. Sarebbe stato un peccato esagerazione per i ragazzi di Bitetti che, fino ad allora, aveva retto alla grande il confronto. Il modulo iniziale èun4-4-2 per entrambi i tecnici, ma sono di Bitetti le assenze più gravi, in attacco, viste le defezioni per squalifica di Crupi, Angelastro e Lepore. Tocca ad Aresta affiancare il centravanti Tragni. Entrambi non danno punti di riferimento alla retroguardia di Natiello, impostata sul duo Lotano-Nardiello. In mezzo sono Pietrafesa e Porfido ad avere gli occhi di tutti puntati addosso. Alla fine sarà quest’ultimo ad avere l’onore del titolo di migliore in campo. Parte subito bene l’Irsinese, senza I timori reverenziali di un pronostico, sulla carta sfavorevole, e colleziona due angoli di fila. Ma le mischie, davanti alla porta di Scaldaferri, vengono sventate dalla retroguardia biancorossa. Nessun patema, anzi, la prima vera occasione è sulla testa di Anthoi che manda di poco a lato l’assist da destra di Dutra (4’). Si fanno sentire i supporter sugli spalti, da una parte e dall’altra, lì la contesa è pari. Regge l’equilibrio: a una punizione calciata da Antohi (9’) e ben .parata da Fiore, segueun tirocross di Porfido, solo sfiorato di testa da Sansone (11’), mentre è una girata lenta di Tragni a mettere i brividi a Scaldaferri (13’). Così come un tirocross dello sgusciante Aresta, non raccolto dal compagno di reparto Tragni (18’). Bloccata la Murese, la partita la fa la squadra di Bitetti che non dispiace affatto. Ancora Porfido, su punizione, calcia lento dalle parti di Scaldaferri (22’). La replica murese è affidata a un cross insidioso di Pietrafesa che attraversa l’intero specchio della porta irsinese (25’). Analogamente un minuto dopo, ma questa volta è Scaldaferri a dover anticipare in uscita Sansone. Ghiotta occasione al 32’ per Cardano che manca l’appog - gio aereo su cross di Porfido da calcio d’ango - lo. Il primo tentativo di Tragni è al 39’ ma la conclusione è alta. Il taccuino è pressocchè di marca irsinese, tanto che la conclusione di Aresta (41’) dalla distanza, finisce alta di poco. La Murese trova il jolly proprio sul finire di tempo con la rete di Antohi. Il rumeno approfitta di un buco della difesa rossonera sulla destra. Il cross è mancato da Druta, ma il numero dieci di Natiello è pron to alla spaccata decisiva. Pochi istanti e il tempo si conclude, ma non prima di assistere all’occasionis - sima per Pentangelo. L’esterno sinistro manda altissimo da pochi metri e di testa la punizione del solito Porfido. Vantaggio largo, indubbiamente: al termine del primo tempo la sensazione è che fosse l’Irsinese a meritare qualcosina in più, ma la squadra di Natiello si è dimostrata cinica a sfuttare la prima vera palla gol del match. E questo va ascritto comunque amerito dei biancorossi. Ripresa senza cambi da ambo le parti. Possesso palla gestito dalla Mjurese, forte del vantaggio, ma primo tentativo degno di nota è la staffilata di Di Girolamo che trova i pugni di Scaldaferri (15’). L’infortunio muscolare di Nardiello costringe Natiello a cambiare la difesa con l’ingresso di Cellache va a sinistra e l’Irsinese sembra prendere coraggio. Il pareggio è di Tragni che inzucca di testa sugli sviluppi del calcio d’angolo del solito Porfido (21’). La torsione del centravanti è precisa e determinante come la disattenzione di chi lo doveva controllare nel cuore dell’area e per di più su calcio da fermo. Sostanzialente giusto l’1-1. Gioca meglio l’Irsinese dopo il pari e la Murese sembra quasi bloccarsi. Tragni tenta il colpo dalla distanza, chiudendo, però, male un gioco a due con Aresta (33’). La sfortuna dei materani è un incrocio dei pali clamoroso che coglie Porfido su una solita punizione dai 35 metri (39’). Francamente, per quanto visti nella ripresa, l’Irsinese avrebbe meritato il vantaggio. Ancora lui, Porfido, sull’ulti - mo tentativo dalla distanza, esalta Scaldaferri al volo sulla sua sinistra. Sugli sviluppi del corner è sui piedi di Cardano l’occasionissi - ma per chiudere il match, ma la palla va alta a pochi metri da Scaldaferri. L’incredibile in pieno recupero: Fiore viene scavalcato da Gonnella e lo atterra: rigore sacrosanto che Dutra, però, spara alle stelle (47’). L’occasio - ne della vita che poteva evitare i supplementari. Subito incisiva la Murese, ma Iacullo V. è impreciso davanti a Fiore (1’pts). Poi è l’inzuccata di Dutra a finire fuori (9’pts). Fiore compie un miracolo su punizione di Pietrafesa (13’pts) e allunga le speranze dei suoi, impantanati nel primo tempo supplementare. L’Irsinese sfiora il vantaggio in apertura di secondo tempo con Pugliese, il cui colpo di testa è alto. E trova il gol della festa ancora sugli sviluppi di un tiro da fermo: questa volta è Sansone a battere Scaldaferri e la statica retroguardia di Natiello. E la beffa è che non lo fa di testa, canonicamente, ma in girata con l’anca e anche mezzo sedere. Tutto sommato, giusto così: la Murese può recriminare assai; l’Irsinese può dare il via alla sua festa.

Il Quotidiano della Basilicata
Alfonso Pecoraro


ALTRE NEWS

CRONACA

12/12/2018 - Scoperto evasore totale dalla GdF Potenza,occultati al fisco ricavi per 400.000
12/12/2018 - Masseria La Rocca, no a permesso ricerca dal Consiglio dei Ministri
12/12/2018 - Basilicata. Si prescriverà la vicenda dei furbetti dei diplomi facili
12/12/2018 - Nasconde in garage 20 kg di hashish. Arrestato 45enne originario di Matera

SPORT

12/12/2018 - Al Viviani il Potenza non va oltre il pari con il Trapani
12/12/2018 - Buon pari del Matera in trasferta con la Paganese
12/12/2018 - Serie D – G/H: il Picerno supera indenne l’esame Taranto
12/12/2018 - Acli Rivello: i premiati alla cerimonia del CONI

Sommario Cronaca                        Sommario Sport



    

NEWS BREVI

12/12/2018 Serie D: risultati girone I 15^ giornata

Acireale – Gela 2-1
Bari – Troina 1-0
Castrovillari – Igea Virtus 1-0
Cittanovese – Nocerina 3-1
Locri – Citta di Messina 1-2
Marsala – Portici 2-0
Messina – Roccella 0-0
Sancataldese – Rotonda 0-1
Turris – Palmese 3-0

12/12/2018 Serie D: risultati 15^ giornata girone H

Cerignola – Granata 1-0
Bitonto – Francavilla 1-1
Citta di Fasano – Team Altamura 0-1
Gragnano – Gelbison 0-0
Fidelis Andria – Sarnese 3-0 ore 16:00
Nola – Gravina 2-1
Savoia – Nardò 0-0
Pomigliano - Sorrento 1-1
Taranto – Az Picerno 0-0

12/12/2018 Matera 2019: la diretta Rai con Proietti

Sarà Gigi Proietti a guidare la diretta televisiva della Rai - che durerà quasi un'ora - durante la quale, il 19 gennaio 2019, Matera inaugurerà l'anno da Capitale europea della Cultura: lo ha annunciato a Tito (Potenza) - partecipando ad un'iniziativa promossa dall'Eni - il presidente della fondazione Matera-Basilicata 2019, Salvatore Adduce. Confermando anche la presenza a Matera, il 19 gennaio, del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, Adduce ha ricordato alcune delle iniziative programmate per il 2019. E' compresa la mostra degli oggetti che ciascun turisti potrà portare e lasciare a Matera.Ansa

EDITORIALE

La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i par...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo