HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Coppa Italia: Irsinese-Murese 2-1dts

25/01/2008



L’urlo dell’Irsinese. Vince la Coppa battendo 2-1 la Murese che sbaglia al 90’ un rigore prima dei supplementari.

IRSINESE: Fiore; Cannito, Cristallo, Sansone, Digirolamo (2’pts Pecoriello G.,); Cardano (3’pts Pugliese), Porfido, Pecoriello A., Pentangelo (13’sts Cirillo); Tragni, Aresta. A disp: Sacco, D’Asta, Cirillo, Grieco, Defilippis. All. Bitetti.

MURESE: Scaldaferri; Tirico, Nardiello (16’ st Cella), Lotano, Ferracane; Iacullo G. (32’ st Iacullo V.), Pietrafesa Mas., Cafaro, Anthoi; Gonnella, Dutra. A disp. Cocina, Bochicchio, Pietrafesa Mau., Guerra, Perillo.
ARBITRO: Petrone di Potenza (Mele-D'Auria)
RETI: 44’ pt Antohi (M), 21’ st Tragni (I) 11’ sts Sansone (I)
NOTE: serata gelida. Spettatori 700 circa. Dutra al 47’ st fallisce un calcio di rigore.
Espulsi:
Ammoniti: Pecoriello A. Cafaro, Pentangelo, Fiore. Angoli 7-7. Recuperi 1’pt 3’st

POTENZA: La Coppa Italia è rossonera: giusto così, perchè gli uomini di Bitetti hanno dimostrato, almeno ieri sera, di avere qualche cosa in più di una Murese stranamente imbrigliata dall’emozione. Eppure, anche la dea bendata ci ha messo del suo, in una partita assai avvincente e ricca di emozioni per gli oltre 700 spettatori presenti. Ha deciso Sansone, ma determinanti sono stati anche Porfido, Tragni, Antohi e, nel male, Dutra. Sui piedi dell’uruguaiano, quando era il secondo minuto di recupero, sull’1-1 il rigore della Coppa per Natiello e soci. Sfera oltre la traversa e mani tra i capelli. Sarebbe stato un peccato esagerazione per i ragazzi di Bitetti che, fino ad allora, aveva retto alla grande il confronto. Il modulo iniziale èun4-4-2 per entrambi i tecnici, ma sono di Bitetti le assenze più gravi, in attacco, viste le defezioni per squalifica di Crupi, Angelastro e Lepore. Tocca ad Aresta affiancare il centravanti Tragni. Entrambi non danno punti di riferimento alla retroguardia di Natiello, impostata sul duo Lotano-Nardiello. In mezzo sono Pietrafesa e Porfido ad avere gli occhi di tutti puntati addosso. Alla fine sarà quest’ultimo ad avere l’onore del titolo di migliore in campo. Parte subito bene l’Irsinese, senza I timori reverenziali di un pronostico, sulla carta sfavorevole, e colleziona due angoli di fila. Ma le mischie, davanti alla porta di Scaldaferri, vengono sventate dalla retroguardia biancorossa. Nessun patema, anzi, la prima vera occasione è sulla testa di Anthoi che manda di poco a lato l’assist da destra di Dutra (4’). Si fanno sentire i supporter sugli spalti, da una parte e dall’altra, lì la contesa è pari. Regge l’equilibrio: a una punizione calciata da Antohi (9’) e ben .parata da Fiore, segueun tirocross di Porfido, solo sfiorato di testa da Sansone (11’), mentre è una girata lenta di Tragni a mettere i brividi a Scaldaferri (13’). Così come un tirocross dello sgusciante Aresta, non raccolto dal compagno di reparto Tragni (18’). Bloccata la Murese, la partita la fa la squadra di Bitetti che non dispiace affatto. Ancora Porfido, su punizione, calcia lento dalle parti di Scaldaferri (22’). La replica murese è affidata a un cross insidioso di Pietrafesa che attraversa l’intero specchio della porta irsinese (25’). Analogamente un minuto dopo, ma questa volta è Scaldaferri a dover anticipare in uscita Sansone. Ghiotta occasione al 32’ per Cardano che manca l’appog - gio aereo su cross di Porfido da calcio d’ango - lo. Il primo tentativo di Tragni è al 39’ ma la conclusione è alta. Il taccuino è pressocchè di marca irsinese, tanto che la conclusione di Aresta (41’) dalla distanza, finisce alta di poco. La Murese trova il jolly proprio sul finire di tempo con la rete di Antohi. Il rumeno approfitta di un buco della difesa rossonera sulla destra. Il cross è mancato da Druta, ma il numero dieci di Natiello è pron to alla spaccata decisiva. Pochi istanti e il tempo si conclude, ma non prima di assistere all’occasionis - sima per Pentangelo. L’esterno sinistro manda altissimo da pochi metri e di testa la punizione del solito Porfido. Vantaggio largo, indubbiamente: al termine del primo tempo la sensazione è che fosse l’Irsinese a meritare qualcosina in più, ma la squadra di Natiello si è dimostrata cinica a sfuttare la prima vera palla gol del match. E questo va ascritto comunque amerito dei biancorossi. Ripresa senza cambi da ambo le parti. Possesso palla gestito dalla Mjurese, forte del vantaggio, ma primo tentativo degno di nota è la staffilata di Di Girolamo che trova i pugni di Scaldaferri (15’). L’infortunio muscolare di Nardiello costringe Natiello a cambiare la difesa con l’ingresso di Cellache va a sinistra e l’Irsinese sembra prendere coraggio. Il pareggio è di Tragni che inzucca di testa sugli sviluppi del calcio d’angolo del solito Porfido (21’). La torsione del centravanti è precisa e determinante come la disattenzione di chi lo doveva controllare nel cuore dell’area e per di più su calcio da fermo. Sostanzialente giusto l’1-1. Gioca meglio l’Irsinese dopo il pari e la Murese sembra quasi bloccarsi. Tragni tenta il colpo dalla distanza, chiudendo, però, male un gioco a due con Aresta (33’). La sfortuna dei materani è un incrocio dei pali clamoroso che coglie Porfido su una solita punizione dai 35 metri (39’). Francamente, per quanto visti nella ripresa, l’Irsinese avrebbe meritato il vantaggio. Ancora lui, Porfido, sull’ulti - mo tentativo dalla distanza, esalta Scaldaferri al volo sulla sua sinistra. Sugli sviluppi del corner è sui piedi di Cardano l’occasionissi - ma per chiudere il match, ma la palla va alta a pochi metri da Scaldaferri. L’incredibile in pieno recupero: Fiore viene scavalcato da Gonnella e lo atterra: rigore sacrosanto che Dutra, però, spara alle stelle (47’). L’occasio - ne della vita che poteva evitare i supplementari. Subito incisiva la Murese, ma Iacullo V. è impreciso davanti a Fiore (1’pts). Poi è l’inzuccata di Dutra a finire fuori (9’pts). Fiore compie un miracolo su punizione di Pietrafesa (13’pts) e allunga le speranze dei suoi, impantanati nel primo tempo supplementare. L’Irsinese sfiora il vantaggio in apertura di secondo tempo con Pugliese, il cui colpo di testa è alto. E trova il gol della festa ancora sugli sviluppi di un tiro da fermo: questa volta è Sansone a battere Scaldaferri e la statica retroguardia di Natiello. E la beffa è che non lo fa di testa, canonicamente, ma in girata con l’anca e anche mezzo sedere. Tutto sommato, giusto così: la Murese può recriminare assai; l’Irsinese può dare il via alla sua festa.

Il Quotidiano della Basilicata
Alfonso Pecoraro


ALTRE NEWS

CRONACA

20/05/2019 - Carabinieri.Nel Potentino denunciate sei persone
20/05/2019 - Riserva Naturale Bosco Pantano Policoro.Siglato protocollo provincia- comune
20/05/2019 - Gdf Lauria, bilancio controlli antidroga. Tre persone arrestate e 13 segnalate
20/05/2019 - Sinnica: si confida in una riapertura per dopodomani

SPORT

21/05/2019 - Rotonda: ieri il “Memorial Domenico Attilio Cavaliere – Walter Bloise”
20/05/2019 - Potenza Calcio,analisi del tecnico Raffaele nel post partita con il Catania
20/05/2019 - Potenza Calcio.Patron Caiata stigmatizza l'operato dell'arbitro
20/05/2019 - Ottava edizione del premio ‘L’assist di Carlo’

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

20/05/2019 Sospensioni idriche 20 maggio 2019

Senise: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa in località Pettirosso dalle ore 08:30 di domani mattina fino al termine dei lavori.
Rionero in Vulture: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Rigilo e nelle strade limitrofe resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Cappuccini, Belvedere, San Antuono, Sopra Maddalena e Conserva.
Rionero: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in via E. Alessandrini, via G. Rossa, via M. Rigillo e sue traverse, via M. Miradio della Provvidenza, via Padre Pio e contrada Fontana Maruggia dalle ore 08:30 alle ore 14:00 del giorno 23 maggio 2019, salvo imprevisti.

17/05/2019 Sospensione idrica San martino

Palazzo San Gervasio: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa in via Roma dalle ore 13:30 alle ore 17:30, salvo imprevisti
Armento: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in contrada Barone dalle ore 21:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.
San Martino d'Agri: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:30 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Venosa: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 12:00, salvo imprevisti, nell'intero centro storico: via Garibaldi, corso Vittorio Emanuele II, via Frusci, via Annunziata, via Roma e strade limitrofe.

16/05/2019 Nel 2019 i reati sono in calo del 14/7%

(ANSA) - POTENZA, 16 MAG - In Basilicata, nel 2019, i reati sono "in calo del 14,7 per cento rispetto al primo trimestre di un anno fa. In particolare, a Matera il calo è del 14,4%, a Potenza del 14,9%": Lo ha reso noto stamani il Ministero dell'Interno.
"Si riducono - è stato precisato - anche gli stranieri ospiti delle strutture di accoglienza. In tutta la regione erano 2.377 al 13 maggio 2018, diventati 1.696 al 13 maggio 2019 ( calo del 28,65%): a Matera il calo è del 33,28%, a Potenza del 26,88%".
"Con il Decreto Sicurezza Bis - è scritto nella nota - il Viminale individua nuove misure per potenziare la lotta alla immigrazione clandestina e tutelare le Forze dell'ordine".
"Vogliamo fare sempre di più e meglio - ha spiegato il ministro dell'Interno Matteo Salvini - i numeri sono rassicuranti ma non ci accontentiamo. Abbiamo segnalato agli amministratori locali nuovi strumenti, in collaborazione con le prefetture, per aggredire le grandi piazze di spaccio, isolare balordi e sbandati, per effettuare sgomberi".

EDITORIALE

La pesante leggerezza dell'ipocrisia. Dedicato ai fatti di Manduria
di Giovanni Paolo Ferrari

Incubi riaffiorano alla memoria e con loro alcune delle molte vittime del bullismo e dell’omertà nei nostri paesini... Tra tutti due donne povere e anziane che non avevano mai fatto del male a nessuno: Lucia detta “a Vertel” a Nemoli e un’altra “povera crista” che viveva in Piazza Plebiscito a Sapri e della quale pur sforzandomi non ricordo il soprannome (il nome non l’ho mai saputo...). Unica colpa delle due poverette? Aver perso un po’ il senno durante la ...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo