HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Serie D: è nata l'ASD Matera Calcio

2/06/2012



Dopo due anni di Irsinese Matera si passa al ASD Matera Calcio. Per motivi burocratici legati alle regole della Lega Nazionale Dilettanti era impossibile effettuare il cambio di denominazione e, dunque, si è arrivati alla nascita della nuova società. Il patron Saverio Columella annuncia la nascita della nuova realtà del calcio materano. Per la normativa della LND non era possibile modificare il nome dell’Irsinese Matera, che aveva beneficiato per due anni di una deroga non potendo disporre di un campo regolamentare ad Irsina. Ad ufficializzare il provvedimento più volte auspicato per rilanciare il calcio a Matera è proprio Saverio Columella, l’imprenditore di Altamura che dal mese di gennaio ha deciso di investire nel calcio materano: “Ho mantenuto la promessa che avevo fatto nei mesi scorsi. Naturalmente le cose si fanno passo dopo passo. Chi mette troppa cane a cuocere finisce con il bruciarla. L’ostacolo era dare il titolo alla squadra e questo obiettivo è stato raggiunto costituendo una nuova società dilettantistica con numero di matricola materano. Un traguardo che ritengo importante per la città di Matera e per tutti coloro che amano il calcio in questa città”.
Al prossimo campionato di Serie D si presenterà una squadra nuova ma con grandi ambizioni. Dopo aver risolto la "questione" stadio è arrivato l'altro grande passo atteso in settimana. Un'altra promessa mantenuta dal patron , Saverio Columella,  che, adesso dovrà passare al lato tecnico. Sono sempre più insistenti le voci della coppia Ciccarone-Pensabene rispettivamente direttore sportivo e allenatore anche se conferme da parte del numero uno del sodalizio materano ancora non sono arrivate. Certo che, adesso che è stato concluso un passo importante dal punto di vista burocratico, è giunto il momento di formare la squadra che andrà alla caccia di un campionato da protagonista.
L'inizio della prossima settimana sarà fondamentale per annunciare ufficialmente i primi componenti dell'organigramma della nuova società che, secondo indiscrezioni, è pronta a calarsi nei panni della realtà materana e puntare a portare nel calcio che conta una città che, dopo il fallimento della FC Matera di un'estate fa, cerca riscatto.


ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Serie D, G/H: il Francavilla sconfitto in casa dal Sorrento
23/03/2019 - Geosat Geovertical Lagonegro,gli ultimi appuntamenti della regular season
23/03/2019 - Terza giornata del campionato lucano di tennis di serie C
23/03/2019 - Serie D, G/H: la capolista Picerno sul difficile campo della Sarnese

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo