HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Serie D, G/H - Mitro (dg Picerno): ‘Siamo in testa e vogliamo rimanerci’

10/01/2019



L’eliminazione patita in casa ad opera del Messina, ha lasciato l’amaro in bocca a tutto l’ambiente melandrino. Lo stesso tecnico Giacomarro nel post – gara ha esternato tutto il suo disappunto. Ne abbiamo parlato con Enzo Mitro, direttore generale della leonessa.
Delusi da questa sconfitta?
Indubbiamente, ci tenevamo a fare bene in Coppa Italia. L’allenatore ha fatto ricorso al turn – over e chi è stato chiamato in causa non ha reso come avrebbe dovuto.
Questo vi fa riflettere circa il livello delle vostre alternative?
Innanzitutto era necessario fare qualche cambio di formazione, ma adesso non penserete si possa mettere in discussione un’intera rosa per una partita andata male. Non esageriamo. Siamo incappati in una giornata storta, dispiace ma può succedere. Inoltre, teniamo presente che questi stessi giocatori erano stati capaci di eliminare l’Audace Cerignola attualmente seconda in classifica.
Tornerete sul mercato?
Siamo alla ricerca di profili under, in particolare un portiere importante classe 2000 dalla Lega Pro.
Sul fronte infortuni ci sono novità?
A breve dovremmo recuperare qualcuno.
Santaniello come sta e cosa ha avuto?
Ha avuto un problemino al polpaccio, ma adesso sta bene e contiamo di riaverlo per la prossima settimana insieme a Fiumara.
E Fontana?
È stato operato e la prossima settimana, senza giocare la partitella, credo potrà svolgere la parte di lavoro atletico: in una quindicina, ventina di giorni, dovrebbe tornare a disposizione.
Le altre, in particolare il Taranto, hanno fatto una campagna acquisti faraonica. Giacomarro ha detto che voi volete ma non dovete vincere. Qual è il vostro obiettivo?
Le parole di Giacomarro sono state male interpretate. Nel senso che è vero che le altre hanno speso tanto e per questo devono preoccuparsi: noi invece abbiamo fatto investimenti mirati e senza svenarci, né pensiamo di iniziare a farlo. Io non credo che si vinca con i soldi ma con giocatori che abbiano fame, voglia e qualità. Adesso ci troviamo lì davanti a tutti e l’obiettivo è rimanerci fino alla fine.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it


ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Geosat Geovertical Lagonegro,gli ultimi appuntamenti della regular season
23/03/2019 - Terza giornata del campionato lucano di tennis di serie C
23/03/2019 - Serie D, G/H: la capolista Picerno sul difficile campo della Sarnese
22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo