HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
#Ioamoilvesuvio: l’hashtag lanciato dai produttori di vino

14/07/2017

Il disastroso incendio assurto alle cronache mondiali rende ancor di più il distretto del Vesuvio e del Monte Somma una terra da preservare. L’immagine di questo “hotspot” di biodiversità assediato dalle fiamme appiccate da disegni criminosi, alimenta con forza la riflessione sulla necessità di una più incisiva azione di salvaguardia di un territorio caratterizzato da un livello di diversità biologica particolarmente elevato, minacciato da perdita di habitat ed estesa perdita di specie.
In questa sfida l’agricoltura di qualità potrà costituire lo strumento più efficace. In particolare la viticoltura, che da sempre costituisce la voce più importante del lavoro nei campi della terra vesuviana. Di questo è fermamente convinto Ciro Giordano, presidente del Consorzio Tutela Vini Vesuvio. Il Consorzio, nato nel luglio di dieci anni fa e riconosciuto dal Ministero delle politiche agricole e forestali nell’estate del 2015, conta oggi circa duecento soci, suddivisi tra viticoltori, vinificatori ed imbottigliatori.
«L’uva – dichiara Giordano – è qui protagonista sin dai tempi in cui i primi coloni Greci approdarono sul suolo campano. La fertilità dovuta al suolo vulcanico e la mitezza del clima hanno fatto del Vesuvio e del Monte Somma la culla del vino campano e italiano. Questo ricco ecosistema – frutto di un mix unico tra combinazione geologica, ambientale ed antropica – si trova oggi a fare i conti con una triste situazione, che pone questo territorio davanti ad un bivio. In questo momento di scelte forti, bisogna trarre insegnamento dalla storia. Quella storia che indica chiaramente che questa “terra nera” ha da sempre attratto l’uomo, che ne ha fatto terra di produzioni agricole di qualità».
Si tratta di un momento che richiede scelte urgenti e incisive. «Sappiamo bene – continua il presidente del Consorzio – che in questo processo i viticoltori sono chiamati a rivestire un nuovo ruolo. Un ruolo di gestori di un sistema complesso, vivo, che possa rinnovarsi, assicurando reddito e utilità sociale. Questo significa produrre non passando sopra la natura, ma attraverso di essa. Ma questo significa anche che chi detiene ruoli decisivi nell’ambito della programmazione è oggi chiamato a fare delle scelte forti. Alla politica spetta il compito di premiare un processo di sviluppo agricolo e vitivinicolo che potrà costituire un grande valore per la società. Quello che chiediamo a voce alta è che la politica orienti le sue attenzioni verso i protagonisti della difesa della biodiversità, gli architetti di paesaggi agricoli gradevoli, i difensori di un ricco ecosistema dalle conseguenze dei cambiamenti climatici e dagli stessi incendi incontrollabili. La viticoltura – sottolinea Giordano – ha modellato da sempre il paesaggio degli angoli più suggestivi della terra vesuviana. Questo paesaggio unico al mondo potrà difendersi e rigenerarsi solo attraverso una gestione agricola che sia in grado di assicurare processi di produzione meno vulnerabili. Ma tutto questo potrà realizzarsi solo se la politica terrà sempre ben presente che il settore agricolo è implicitamente diverso da molti settori economici. Fino ad oggi gli storici paesaggi vitati vesuviani sono stati tenuti in vita da una generazione di viticoltori eroici, che affrontano quotidianamente sacrifici enormi. Uno sforzo reso ancora più gravoso da una burocrazia eccessiva che, in un’area soggetta ad ulteriori vincoli restrittivi, finisce praticamente per ingessare anche i processi virtuosi. Tutto questo, come in un paradosso, si trasforma in strumenti di forza per chi su questo territorio nutre visioni meno nobili. Questo rischio torna ora più forte che mai, perché le fiamme possono ulteriormente alimentare anche il collasso delle piccole aziende gestite da eroici agricoltori. C’è il rischio – conclude la guida del Consorzio – che anche questi valorosi protagonisti, di fronte a questa ulteriore e più difficile sfida, in mancanza di risposte concrete possano gettare la spugna e abbandonare i terreni agricoli. Il Vesuvio perderebbe così le ultime sentinelle a presidio di un ecosistema fragile. E sarebbe un danno per il mondo intero, non solo per Napoli e la Campania».
Questo forte desiderio di impegno è tutto racchiuso in quel #ioamoilvesuvio, l’hashtag che i soci del Consorzio lanciano a difesa di questo grande patrimonio.



 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
21/09/2017 - Presentata a Gravina la Citycar pe disabili

La Murgia è fiera. Nello spazio fieristico in programma dal 20 al 24 settembre Gravina si apre all'inclusione e alle esigenze delle persone disabili. Su ventimila metri quadrati di cui 8000 riservati agli spazi espositivi, tra cui spiccano gli stand dedicati al settore sani...-->continua

21/09/2017 - Crolla solaio nella notte, quattro feriti a Taranto



Quattro persone - i genitori e i due figli - sono rimaste ferite, una delle quali in modo grave, a seguito di un crollo avvenuto in uno stabile di tre piani di via D'Alò Alfieri, a Taranto. Secondo le prime informazioni raccolte, pare che a cedere si...-->continua

21/09/2017 - Barletta:catturato ricercato tedesche per furti e tentato omicidio

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Barletta, nel corso di un specifico servizio di polizia giudiziaria, hanno rintracciato e arrestato, in esecuzione di un mandato d’arresto europeo, un 24enne, originario della Bosnia Erzegovin...-->continua

21/09/2017 - L’accordo ceta tra UE e Canada entra provvisoriamente in vigore dal 21 settembre

In attesa dell’approvazione definitiva degli Stati membri, il trattato commerciale tra le due sponde dell’Atlantico inizia a porre le basi. Per L’Abbate (M5S) servono studi scientifici che ne indaghino gli impatti sull’agroalimentare italiano

Domani, ...-->continua

21/09/2017 - Parte da Roma la prima rassegna itinerante sul Mediterraneo

Parte dalla Casa del Cinema di Roma, il 27 settembre 2017 con Francesca Corrao, Sebastiano Maffettone, Stéphane Jaquemet, Igiaba Scego e momenti di spettacolo affidati a Michela Andreozzi, Massimiliano Vado e Nicole Grimaudo, il nuovo ambizioso progetto di Mau...-->continua

20/09/2017 - Papa Francesco ai giovani, 'non abbiate paura di sognare'

'E soprattutto sogna, non avere paura di sognare, sogna'. E' l'invito del Papa ai giovani, accolto da un applauso della folla in piazza San Pietro per l'udienza generale. Francesco ha proposto un testo in cui si rivolge direttamente 'con il tu - ha spiegato - ...-->continua

20/09/2017 - Teatro Ragazzi, tre domeniche di festa a Giulianova

Spettacoli teatrali, giochi e laboratori con la Compagnia dei Merli Bianchi. Primo appuntamento il 24 settembre
GIULIANOVA – La Compagnia dei Merli Bianchi festeggia 10 anni di laboratori teatrali e attività educative in collaborazione con gli Istituti Riu...-->continua


CRONACA BASILICATA

21/09/2017 - Basilicata: gli onorevoli Tabacci e Sanza querelano l’assessore Nicola Benedetto
21/09/2017 - Valle del Mercure: oltre 200 ricorsi contro il Consorzio di Bonifica
21/09/2017 - Droga. Polizia: a Rionero arrestati un uomo e una donna
21/09/2017 - Rc Auto: in Basilicata meno aumenti

SPORT BASILICATA

21/09/2017 - Atletica correrepollino, una realta' lucana in campo nazionale
21/09/2017 - Senigallia, la rappresentativa giovanile lucana di scena al Trofeo CONI
21/09/2017 - Futsal: al Senise l'amichevole con i materani Amici del Borgo
21/09/2017 - FCI Basilicata: news da ciclismo giovanile e amatoriale

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
21/09/2017 Il Prefetto nomina il nuovo Commissario prefettizio del Comune di Atella.

Il Prefetto di Potenza, Giovanna Cagliostro, con provvedimento del 19 settembre, ha nominato Commissario prefettizio del Comune di Atella il Viceprefetto dr.ssa Claudia Cimadomo, in sostituzione del dr. Mauro Senatore, dimessosi.
Il Prefetto Cagliostro ha altresì nominato il dr. Giuseppe Caricati, funzionario economico finanziario, Sub Commissario prefettizio del predetto Comune.

20/09/2017 Tramutola,cerimonia in ricordo del capitano lucano Antonio Fortunato

Tramutola (Potenza) ha commemorato l'attentato di Kabul, in Afghanistan, del 17 settembre 2009 durante il quale morirono sei paracadutisti della Brigata "Folgore", tra i quali il capitano Antonio Fortunato, originario del centro lucano.
Il Comando militare Esercito "Basilicata", il Comune di Tramutola e l'Unione nazionale ufficiali in congedo, hanno così voluto - è scritto in una nota - "ricordare quei caduti con la celebrazione di una santa messa" a cui ha partecipato anche una rappresentanza della Brigata "Folgore". Al termine della funzione religiosa, la commemorazione è proseguita nella piazza di Tramutola, intitolata a Fortunato (insignito della Croce d'Onore alla memoria), con gli onori militari e la deposizione di una corona di alloro al monumento ai caduti in Afghanistan.ANSA

19/09/2017 Pisticci: chiusa al traffico la galleria San Rocco

Il Comune di Pisticci ha comunicato la chiusura al traffico della Galleria San Rocco per permettere il ripristino del normale funzionamento dell'impianto all'interno della stessa.
I lavori avranno inizio alle ore 7 del giorno 20 settembre e la galleria resterà chiusa fino al termine dei lavori, previsto per il giorno 23 settembre 2017.





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo