HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Montemurro capitale per un giorno con il progetto “Proteus”

26/04/2019

Una divinità e un essere umano: ecco a cosa si ispira il progetto “Proteus”, coprodotto dal Comune di Montemurro con Fondazione Matera Basilicata 2019 per Capitale per un giorno, progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 dedicato alla valorizzazione delle eccellenze dei comuni dell’intera Basilicata in questo anno importantissimo per tutta la regione.
Il progetto del Comune di Montemurro, che si svilupperà in una serie di iniziative fra il 2 e il 4 maggio, si ispira alla figura di Proteo, divinità greca, multiforme come Leonardo Sinisgalli, il poeta-ingegnere, intellettuale versatile celebrato come un “Leonardo del 900” per la sua capacità di far dialogare cultura umanistica e cultura scientifica.
Con sette aree tematiche e sette percorsi, Montemurro celebra sia la sua natura poliedrica che la capacità di trasformarsi, pur restando sé stessa. Si parlerà di design e di storia, di poesia e letteratura disegnata, di divulgazione scientifica e di arte, di burattini e musica tradizionale, con un ospite d’eccezione quale il conduttore televisivo, regista teatrale e attore Michele Mirabella, e il coinvolgimento attivo della comunità, con particolare attenzione alle scuole.
Tutto ciò grazie al lavoro sinergico fatto dall’Amministrazione comunale con le diverse realtà culturali e associative che hanno sede a Montemurro: Scuola del Graffito Polistrato di Montemurro, Associazione Bellivergari, Gruppo Caritas, Fondazione Leonardo Sinisgalli, Pro-Loco di Montemurro, Associazione Maya, Gruppo Lucano di Protezione Civile.
Il ricco programma della tre giorni si apre il 2 maggio alle ore 10:00 presso la Sala Convegni San Domenico (Piazza Giacinto Albini), con un momento istituzionale cui prenderanno parte i rappresentanti della Fondazione Matera-Basilicata 2019, allietato dalla musica del Complesso Bandistico Città di Montemurro che è stato protagonista della Cerimonia inaugurale di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 lo scorso 19 gennaio.
Alle 11.00, presso la Sede della Scuola del Graffito (Via Andrea De Fina) verranno inaugurate la mostra fotografica a cura di Anna Faraone e la mostra dei disegni di Vincenzo Dibiase che raccontano l’attività della scuola fondata nel 2003 dall’artista Giuseppe Antonello Leone, campano di nascita ma lucano d’adozione, in quanto marito della pittrice e scrittrice montemurrese Maria Padula.
Alle 11.30 presso il Convento di Sant’Antonio (Largo Sant’Antonio) ci sarà l’apertura di una doppia esposizione: quella delle riproduzioni fotografiche delle opere dei pittori montemurresi del Seicento come Carlo Sellitto, Gian Giacomo e Anna Maria Manecchia a cura dell’Associazione Bellivergari e quella dei lavori artigianali realizzati all’uncinetto e ai ferri dal Gruppo Caritas.
Alle ore 12.00 presso la Casa delle Muse, la Fondazione Leonardo Sinisgalli inaugurerà la mostra “Tracce di lune + 4 racconti di grafica” di Mauro Bubbico, grafico e docente di grafica presso alcune Università Italiane nonché membro dell’AGI (Alliance Graphique Internationale). Nella mostra saranno esposti poster d’autore oltre a un’installazione scenografica del Calendario Antezza Tipografi 2019 stampato in Quadrifloux e illuminato con lampade di Wood.
Alle 12.30 l’Associazione Bellivergari inaugurerà presso Palazzo Rotundo Bracale in Corso Sinisgalli la mostra “Reciprocamente - Una storia nell’arte” a cura di Mimmo Longobardi e Pasquale Persico, con opere di Maria Padula e Giuseppe Antonello Leone.
Nel pomeriggio, dalle 15:00 alle 17:00, i visitatori potranno partecipare a un tour guidato per le vie del paese, a cura di Pro-Loco di Montemurro, Associazione Bellivergari, Fondazione Leonardo Sinisgalli, Scuola del Graffito, alla scoperta delle mostre inaugurate, ma anche dei graffiti polistrato disseminati fra strade e piazze, dei luoghi dipinti dalla pittrice Maria Padula e degli antichi frantoi conservati nelle cantine.
Alle 18.00 sarà messa in scena tra le vie del paese la performance storica “Montemurro e il Risorgimento – Giacinto Albini” a cura di Pro-Loco di Montemurro, Associazione Maya, Gruppo Lucano di Protezione Civile, HDUE Teatro di Potenza, per ricordare e celebrare il ruolo di Montemurro nel Risorgimento lucano grazie alla presenza del nucleo rivoluzionario coordinato dal patriota Giacinto Albini, nato da famiglia montemurrese.
La giornata si chiuderà con l’esibizione musicale di artisti montemurresi che proporranno al pubblico il repertorio della tradizione locale a partire dalle ore 21:00 in Via Imperatrice, grazie alla collaborazione con la Pro Loco di Montemurro.
***
Giovedì 3 maggio alle 10:00, la Sala Convegni San Domenico ospiterà il “Conciorto” di Biagio Bagini (voce e chitarra) e Gian Luigi Carlone (Voce, verdure, sax, Flauto elettronica) della Banda Osiris, un concerto indie-pop-veggie-funk tutto dedicato al mondo dell’orto, organizzato dalla Fondazione Leonardo Sinisgalli in particolare per gli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di Montemurro.
Nel pomeriggio, dalle 15:00 alle 17:00, sarà possibile partecipare nuovamente al tour guidato per le vie del paese alla scoperta dei suoi tesori nascosti. Alle 17:00 presso l’Orto di Merola (Corso Leonardo Sinisgalli) andrà in scena “Il tesoro di Pulcinella”, uno spettacolo di guarattelle (burattini) a cura di Brunello Leone, accompagnato dalla musica dell’arpa africana di Ibrahim Drabo e organizzato dall’Associazione Bellivergari.
Alle 19:00 presso la Sala Convegni San Domenico, ospite d’onore sarà il conduttore televisivo, regista teatrale e attore Michele Mirabella, noto al grande pubblico per le sue trasmissioni di divulgazione, tanto da meritargli l’appellativo di “professore”, il quale leggerà alcuni testi di Leonardo Sinisgalli, grazie alla collaborazione con la Fondazione a lui intitolata.
Anche la seconda serata si chiuderà con l’esibizione di musicisti montemurresi alle ore 21:00, questa volta presso Piazza Giacinto Albini.
***
La terza giornata del programma, sabato 4 marzo, dalle 9.00 alle 19.30 sarà possibile assistere presso la Sede della Scuola del Graffito alla realizzazione dei graffiti da parte degli artisti Vincenzo Dibiase e Riccardo Maniscalco. Dalle 9.00 alle 12.00 gli alunni della scuola primaria e secondaria di Montemurro andranno invece a scuola di fumetto e illustrazione, con Erika de Pieri, Francesca Carabelli e Otello Reali in collaborazione con la Fondazione Leonardo Sinisgalli.
Nella stessa giornata ci sarà un doppio appuntamento di divulgazione scientifica dedicato a Robert Mallet, il sismologo irlandese giunto a Montemurro in seguito al terremoto del 1857.
Alle 10:00 presso la Sala Convegni San Domenico, grazie alla collaborazione con Pro-Loco di Montemurro e Gruppo Lucano di Protezione Civile, verrà presentato il volume “La visione di Mallet” (di G. Palumbo, G. Giordano e G. Giardina, Storie del Gruppo Lucano della Protezione civile, Lavieri 2018). In tale occasione Graziano Ferrari e Monia Maresci dell’INGV incontreranno gli studenti dell’IIS “Petruccelli-Parisi” di Moliterno. Alle 11:30, spazio all’arte nell’incontro con l’artista Eugenio Giliberti organizzato dall’Associazione Bellivergari, il quale racconterà la sua esperienza artistica e il suo rapporto con gli artisti montemurresi.
Nel pomeriggio alle ore 16.00, Graziano Ferrari e Monia Maresci dell’INGV incontreranno gli operatori della Protezione civile e gli Ordini degli architetti e degli ingegneri di Basilicata nella sessione dal titolo “Robert Mallet e il terremoto del 1857”.
Alle 18:00 conversazione sull’arte sacra con la presentazione del libro “Satana esiste – un giovane esorcista racconta” di Don Antonio Mattatelli, parroco di Montemurro, organizzata da Pro-Loco di Montemurro e Associazione Bellivergari.

PROGRAMMA

2 maggio, Sala Convegni San Domenico, h 10.00
Apertura dell’evento Montemurro capitale della cultura Europea - Momento istituzionale alla presenza dei rappresentanti della Fondazione Matera-Basilicata 2019 e del Complesso Bandistico Città di Montemurro

2 maggio, Sede della Scuola del Graffito, h 11.00
Inaugurazione delle mostre relative alle attività della scuola del graffito - Mostra fotografica a cura di Anna Faraone e mostra dei disegni di Vincenzo Dibiase. (Scuola del Graffito Polistrato di Montemurro)

2 maggio, Convento Sant’Antonio, h 11.30
Inaugurazione dell’esposizione delle riproduzioni fotografiche delle opere dei pittori montemurresi del Seicento. (Associazione Bellivergari)
Apertura dell’esposizione dei lavoretti artigianali realizzati all’uncinetto e ai ferri (Gruppo Caritas)

2 maggio, Casa delle Muse, h 12.00
Inaugurazione Mostra di Mauro Bubbico, “Tracce di lune + 4 racconti di grafica”. Saranno esposti poster d’autore oltre a un’installazione scenografica del Calendario Antezza Tipografi 2019 stampato in Quadrifloux e illuminato con lampade di Wood. (Fondazione Leonardo Sinisgalli)

2 maggio, Palazzo Rotundo Bracale, h 12.30
Inaugurazione mostra di Maria Padula e Giuseppe Antonello Leone. “RECIPROCAMENTE Una storia nell’arte” a cura di Mimmo Longobardi e Pasquale Persico. (Associazione Bellivergari)

2 maggio, per le vie del paese h 15.00-17.00
Tour guidato per le vie del paese. Mostre, graffiti, luoghi della pittrice e antichi frantoi. (Pro-Loco di Montemurro, Associazione Bellivergari, Fondazione Leonardo Sinisgalli, Scuola del Graffito)

2 maggio, per le vie del paese h 18.00
“Angoli di storia nella Montemurro risorgimentale”. Perfomance storica. (Pro-Loco di Montemurro, Associazione Maya, Gruppo Lucano di Protezione Civile, HDUE teatro)

2 maggio, Via Imperatrice, h 21.00
Esibizione musicale a cura di artisti montemurresi (Pro-Loco di Montemurro)

3 maggio, Sala Convegni San Domenico, h 10.00
Il Conciorto di Biagio Bagini (voce e chitarra) e Gian Carlone (Voce, verdure, sax, Flauto elettronica). Concerto indie-pop-veggie-funk tutto dedicato al mondo dell’orto. Per gli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di Montemurro. (Fondazione Leonardo Sinisgalli)

3 maggio, per le vie del paese h 15.00-17.00
Tour guidato per le vie del paese. Mostre, graffiti, luoghi della pittrice e antichi frantoi (Pro-Loco di Montemurro, Associazione Bellivergari, Fondazione Leonardo Sinisgalli, Scuola del Graffito Polistrato di Montemurro)

3 maggio, Orto di Merola, h. 17.00
Il tesoro di Pulcinella. Spettacolo di guarattelle a cura di Brunello Leone e musica di Ibrahim Drabo con arpa africana (Associazione Bellivergari)

3 maggio, Sala Convegni San Domenico, h 19.00
Michele Mirabella legge Leonardo Sinisgalli (Fondazione Leonardo Sinisgalli)

3 maggio, Piazza Giacinto Albini, h 21.00
Esibizione musicale a cura di artisti montemurresi (Pro-Loco di Montemurro)

4 maggio, Sede della Scuola del Graffito, h 9.00 – 19.30
Realizzazione dei graffiti Vincenzo Dibiase e Riccardo Maniscalco “graffiano” i graffiti. (Scuola del Graffito Polistrato di Montemurro)

4 maggio, Sede scolastica di Montemurro, h 9.00-12.00
A scuola di fumetto e illustrazione, con Erika de Pieri, Francesca Carabelli e Otello Reali, con gli alunni della scuola primaria e secondaria. (Fondazione Leonardo Sinisgalli)

4 maggio, Sala Convegni San Domenico, h 10.00-11.30
Presentazione del volume “La visione di Mallet” (di G. Palumbo, G. Giordano e G. Giardina, Storie del Gruppo Lucano della Protezione civile, Lavieri 2018).
Graziano Ferrari e Monia Maresci (INGV) incontrano gli studenti dell’IIS “Petruccelli-Parisi” di Moliterno. (Pro-Loco di Montemurro e Gruppo Lucano di Protezione Civile)

4 maggio Sala Convegni San Domenico, h. 11.30 – 13.00
Incontro con Eugenio Giliberti. (Associazione Bellivergari)

4 maggio, Sala Convegni San Domenico, h 16.00-17.30
Robert Mallet e il terremoto del 1857
Graziano Ferrari e Monia Maresci (INGV) incontrano gli operatori della Protezione civile e gli Ordini dei geologi, dei geometri, degli architetti e degli ingegneri di Basilicata. (Pro-Loco di Montemurro e Gruppo Lucano di Protezione Civile)

4 maggio, Sala Convegni San Domenico, h 18.00-19.30
Conversazione sull’arte sacra e presentazione del libro di Don Antonio Mattatelli (Pro-Loco di Montemurro e Associazione Bellivergari)


I PROTAGONISTI


Banda Musicale di Montemurro. Direttore del complesso bandistico di Montemurro è Giampiero Catoggio. Da molti anni si è costituita la banda musicale, una grande ricchezza per il paese, molti giovani si sono formati musicalmente ed hanno appreso un ricco repertorio. Molti sono i concerti realizzati.

Biagio Bagini (Novara, 1963) è autore di programmi radiofonici per Rai Radio2 e di numerose canzoni per bambini. Del 2015 è il “Conciorto”, spettacolo di musica con ortaggi realizzato con Gian Luigi Carlone (Banda Osiris). Lungo il sodalizio con l’illustratrice Marcella Moia, con la quale ha pubblicato, tra gli altri, Molli e Bau Bau (Il Castoro), Ippa (Giunti) e Cappuccetto chi? (Lavieri). Con le illustrazioni di Giuseppe Palumbo è invece Prendere una lepre. La nuova scienza in cucina e il corretto nutrimento dell’anima (Lavieri, 2014) e I collezionisti (2015) con le illustrazioni di Anna Laura Cantone.

Mauro Bubbico è nato a Montescaglioso (Matera) dove vive e lavora dal 1986 come grafico professionista. Tra i campi d’intervento privilegia il design finalizzato all'educazione sociale e alla sostenibilità ambientale. Nel corso degli anni i suoi interessi, le ricerche sui luoghi e i loro abitanti lo hanno portato alla definizione di un linguaggio grafico efficace e contemporaneo adatto a raccontarli e a valorizzarli per favorire lo sviluppo umano, economico e culturale, convinto che la cultura grafica è, prima di tutto, capacità di costruire grandi narrazioni. È docente di Progettazione Grafica all’Isia di Urbino e all’Abadir di Catania. È socio Aiap (Associazione italiana design della comunicazione visiva) e membro AGI (Alliance Graphique Internationale). Da luglio 2018 è responsabile della comunicazione visiva della Fondazione Matera–Basilicata 2019 per Matera Capitale Europea della Cultura.

Francesca Carabelli vive e lavora a Roma. Dopo la laurea in Arte e Letteratura all’Università La Sapienza, inizia i suoi corsi di illustrazione per bambini (con Linda Wolfsgruber, Svjetlan Junakovic, Roberta Angeletti, Alessandra Cimatoribus, Eva Montanari) presso la Scuola di Sarmede Illustrazione. Lavora regolarmente per gli editori scolastici. Ha illustrato per le case editrici Giunti, Edizioni Paoline, Sfera Editore, Pelangibooks, Harcourt, O’Brien.

Gian Luigi Carlone nasce a Vercelli nel 1961. Dal 1980 ad oggi è cofondatore, saxofonista, voce, performer e compositore della “Banda Osiris”, noto gruppo comico, teatral musicale italiano e internazionale con il quale crea più di trenta spettacoli che, nel corso di trentotto anni, girano Europa, Messico, Brasile, Perù, Argentina.
In teatro collabora con I migliori registi italiani, Nichetti, Salvatores, Vacis, Gallione, con attori e musicisti (Stefano Bollani, Neri Marcorè, Eugenio Allegri, Fiorello, Giorgio Li Calzi, Riccardo Tesi, Vinicio Capossela) in televisione appare in svariati programmi (Parla con me con Serena Dandini, Pista! Con Maurizio Nichetti, Cielito Lindo con Claudio Bisio)
Dal 1998 inizia a comporre (sempre per la Banda Osiris) colonne sonore per il cinema grazie all’incontro con il regista Matteo Garrone con il quale collabora a Ospiti, (1998), Oreste Pipolo fotografo di matrimoni, (1998), Estate Romana, (2000), L’imbalsamatore (2002), Primo amore (2003) con cui vince l’orso d’argento a Berlino come miglior Colonna Sonora, il David Di Donatello, il Nastro d’argento e altri premi.

Giampiero Catoggio, diplomato al conservatorio in sax, ha approfondito la musica jazz, direttore del complesso bandistico di Montemurro

Erika De Pieri esordisce nel 2005 con La saponificatrice (Becco Giallo) che le vale la menzione come miglior esordiente al premio Carlo Boscarato 2006. Nel 2009 pubblica Apartheid (Barbera). Per Lavieri ha pubblicato i libri per l’infanzia La bambina Cioccolato (2009), Gedeone tigre in pensione (2010), Il principe azzurro ma proprio azzurro (2011, scritto da Gianna Marrone) e i fumetti Il castello scomparso in mare. L’incredibile storia di Ippolito Nievo (2011) e Pietro Savorgnan di Brazzà. Esploratore di pace (2013).

Vincenzo Dibiase nasce il 18 maggio 1983 a Marsicovetere (PZ), si diploma come geometra presso l’ITCG di Moliterno. Nel 2006 si trasferisce a Roma dove segue i corsi di restauro ligneo e di decorazione pittorica presso l’associazione culturale Lignarius e intraprende una lunga collaborazione professionale con il suo docente di restauro del mobile, lavorando tra Roma e Latina. Si avvicina nel 2011 all’arte del graffito polistrato montemurrese, apprendendo le varie tecniche di lavorazione e stesura degli intonaci e diventando ben presto esperto murario. Dal 2013 ad oggi è il responsabile esclusivo della tecnica muraria e il curatore dei laboratori artistici organizzati dalla Scuola del Graffito Polistrato di Montemurro. Contemporaneamente porta avanti la sua professione di restauratore ligneo, di decoratore e di artista realizzando opere nelle quali si fondono tecniche artistiche differenti a favore di un prodotto innovativo e sempre aperto a nuove possibilità. La recente permanenza a Parigi gli ha permesso di entrare in contatto con il clima artistico, in continuo fermento, della capitale francese personalizzando ulteriormente così il suo stile artistico.

Anna Faraone Artista lucana. Inizia a dipingere con Maria Padula, sua insegnante di disegno dal vero all’Istituto d’Arte di Potenza. Restauratrice presso la Soprintendenza Archeologica di Basilicata, in seguito lavora come disegnatrice prima presso il museo Siris di Policoro (Mt), poi nello studio associato di progettazione, l’Archstudio. Dal 1996 inizia ad esporre in campo nazionale ed estero. Dal 2011 collabora stabilmente con la Scuola del Graffito Polistrato di Montemurro. Appassionata di fotografia, è stata premiata in diversi concorsi fotografici. Dal 2010 si dedica all’arte sociale collaborando con varie associazioni e cooperative onlus, realizzando laboratori di creazioni artistiche e organizzando le mostre – convegni.

Graziano Ferrari. Responsabile dell'unità funzionale Sismos dell'INGV dal 2008, ha una pluridecennale esperienza nel settore della storia dell'osservazione scientifica dei fenomeni naturali in Italia, dell'uso dei relativi dati in una prospettiva scientifica moderna e della sua divulgazione. Coordinatore di diversi gruppi di lavoro internazionali in questo settore, fra cui Methods and Data for the Study of Earthquakes Recorded on Pre-WWSSN Seismograms della European Seismological Commission, ha promosso e coordinato il Progetto Mallet (2003-2009) per conto delle province di Potenza e Salerno ed è uno degli autori fondatori del catalogo dei Forti Terremoti in Italia.

Eugenio Giliberti (Napoli 1954) esordisce negli anni ’80 animando un gruppo di giovani artisti napoletani (Evacuare Napoli) che partecipa al fenomeno, allora prevalente, della riscoperta e del ritorno alla pittura. Nell’aderire a quel clima tuttavia, rifiuta la via neo-figurativa, scegliendo una posizione minoritaria. La sua ricerca prende una direzione decisamente personale a partire dal 1987, quando, con le prime superfici monocrome mette a punto i fondamenti di un edificio poetico autonomo dall’environment più prossimo. Dal 2006, trasferitosi in campagna, fonda “Selve del Balzo”, una piccola comunità produttiva che lavora il legname prodotto dai boschi del circondario e all’occorrenza lo coadiuva nella produzione delle sue opere. La sua ricerca qui trova un particolare impulso dall’osservazione della realtà culturale e ambientale del piccolo mondo che lo circonda. Ne scaturisce una nuova serie di lavori, presentati nelle mostre personali a lui dedicate dalla Galleria Giacomo Guidi di Roma (Working Class, 2008; Il senso di Walden, 2010). Sue opere sono presenti in diverse collezioni pubbliche tra cui: Museo del ‘900, Castel Sant’Elmo (Napoli), Museo Madre (Napoli), Palazzo della Farnesina (Roma), Centro di Arti Plastiche di Carrara (Carrara), Museo Cerio (Capri). È impegnato a Napoli nella realizzazione di una complessa opera di arte pubblica Voi siete qui - vico Pero - Giacomo Leopardi, in collaborazione con le gallerie Intragallery e Dafna e la Fondazione Morra. Ultima sua personale indici-case-volo (Intragallery, Napoli, 2019)

HDUETEATRO nasce formalmente nel 2012, dall'esigenza di unire professionalità e competenze differenti rivolte alla pratica, all'educazione e alla diffusione teatrale. Attualmente HDUEteatrO svolge le proprie attività formative, rivolte a bambini, ragazzi e adulti, nello STI Spazio Teatro Instabile in Via Ponte Nove Luci a Potenza. Molteplici sono le attività svolte oltre la formazione teatrale: promozione alla visione di spettacoli dal vivo, promozione alla lettura, produzione di spettacoli, partecipazione e organizzazione di eventi artistici e culturali. Nel nome stesso della compagnia è il modo di intendere e di fare il teatro: l’acqua, scava, penetra, così HDUEteatrO indaga, approfondisce i temi su cui si sviluppano gli spettacoli che porta in scena. HDUEteatrO sono Marco Busciolano, Patrizia Dore, Iole Franco, Alfredo Tortorelli, Andrea Tosi, Vanessa Viggiano.

Leonardo Laurita Leonardo Laurita percussionista lucano etnico di Montemurro diplomatosi in percussioni Afro-Cubane al Centro Professione Musica di Milano dove ha collaborato diverse formazioni durante i suoi studi. Da anni trasferitosi in Basilicata spinto dalla voglia di riallacciarsi con le sue radici, in particolar modo con la Tarantella. È proprio in terra Lucana che collabora con diverse formazioni popolari contaminando la musica tradizionale lucana con sonorità afro, cubane, flamenche e mediorientali. Attualmente si dedica alle sonorità del flamenco e del medioriente studiandone gli strumenti principi, il Cajon e la Darbuka.

Brunello Leone e Ibrahim Drabo, Allievo di Nunzio Zampella, Brunello Leone rappresenta l’arte delle guarattelle dal 1° maggio 1979. Una tradizione teatrale affascinante che si perde nella storia dei secoli, trasmessa di generazione in generazione, stava scomparendo negli anni ‘80 e Bruno Leone ha il merito di averla fatta rinascere trasmettendo quest’arte a moltissimi allievi in tutto il mondo. Lo spettacolo di guarattelle evoca “fraternità oltre qualsiasi limite di età, di lingua, di cultura, storie e destini diversi ma sempre intrecciati tra loro” (Francesco Cotticelli). Il 28 aprile 2019 apre a Napoli in Vico Pazzariello 15A la Casa Guarattelle Nunzio Zampella. Bruno Leone con le sue guarattelle è stato spesso in zone di conflitto e di sofferenza, Palestina, Libano, Chapas, Sahara, villaggi poveri dell’India, quartieri periferici, carceri, manicomi. Ibrahim Drabo, musicista polistrumentista, nato a Bobo-Dioulasso nel Burkina Faso, con la sua voce e i suoi ritmi ci trasporta nel mondo magico dell’Africa.

Giuseppe Antonello Leone (Pratola Serra, Av, 1917- Napoli, 2016) si forma ad Avellino presso la R. Scuola d’Arte, allievo di Settimio Lauriello (con il quale fa le prime esperienze futuriste) ed Emanuele Di Palma. A Napoli frequenta il R. Istituto d’Arte, allievo di Eugenio Viti, Pietro Barillà, Ettore Di Giorgio e nel 1936 si diploma maestro d’arte in ceramica. Poi frequenta l’Accademia di Belle Arti di Napoli dove si diploma in pittura con il massimo dei voti nel 1940, sotto la guida di Pietro Gaudenzi, Eugenio Scorzelli, Mino Maccari. Frequenta il corso di decorazione pittorica con Emilio Notte ed Alessandro Monteleone (1941). Nel 1940 espone alla XXII biennale di Venezia con l’affresco Le nuove città, esposto anche a Zurigo nella mostra di pittori e scultori italiani contemporanei presentata da Antonio Maraini. Negli anni ‘50, partecipa a quell’ampio movimento culturale di riscatto del sud che si sviluppa nella terra di Lucania, impegnato nella lotta per l’alfabetizzazione con Rocco Scotellaro, Manlio Rossi Doria, Tommaso Pedio e Concetto Valente. È stato Direttore di quattro Istituti d’arte: Potenza, Sessa Aurunca (Ce) San Leucio (Ce), Napoli. Nel 2003 dà origine alla Scuola del Graffito Polistrato di Montemurro. Ha realizzato molte opere pubbliche e molti suoi lavori sono esposti nel museo Archeologico di Potenza, a Castel dell’Ovo a Napoli, alla Rocca dei Rettori di Benevento, al Museo Etnostorico di Ucria e di Palermo.

Daniele Lerose, Chitarrista compositore montemurrese. “Tanti mondi colori emozioni si fondono con la sua musica”. Partecipa con i suoi spettacoli ad eventi culturali e musicali.

Level 35 Voce e chitarra: Alfredo Tortorelli, basso: Peppino Venece, batteria: Alessandro Lopardo La band fiorisce entro gli antichi spazi del vecchio Teatro 35 luogo o dimora lucana in cui i musicisti che la frequentano hanno partorito idee sonore ed artistiche. Nasce l’idea di procedere in un percorso artistico che nel suo itinere non mancherà di avvalersi di collaborazioni live dei vari musicisti che storicamente appartengono al legame del luogo in cui hanno “vissuto musicalmente” con obbiettivi creativi di nuove sonorità e composizioni all’interno del genere Pop/cantautorale.

Maria Donata Lobosco, inizia a cantare fin da bambina, la sua straordinaria voce dal timbro limpido e potente le permette di cantare le canzoni di Mina e di interpretare le canzoni di molti cantautori. Da vari anni si esibisce pubblicamente in spettacoli musicali ed eventi culturali.

Riccardo Maniscalco nato a Trapani nel 1956, frequenta a Roma il Lceo artistico di via Ripetta; nel 1974 diventa allievo del maestro Arnaldo Copelli pittore scenografo, collabora, come assistente alla scenografia del film L’Innocente” (1976) di Visconti e lavora per il Caligola di Brass. Decora le case di Valentino a Capri; le case di Anna, Alda e Carla Fendi; Coveri, Magli, Giordana, Morandi, Baglioni a Roma; restaura il castello di Vignanello, collabora con gli architetti; Rovatti, Magistretti, Verde Visconti di Modrone, Forquet. Trasferito a Londra nel ‘92 lavora come decoratore, conosce Ezi Nahmad, commerciante d'arte e decorerà le sue case a Londra e Montecarlo. Compone opere con policarbonati, siliconi, plastiche, ferro ecc.., per esposizioni private. Continua i suoi lavori in Italia. Conosce l’artista Giuseppe Antonello Leone, autore della Risignificazione e viene coinvolto nel progetto della Scuola del Gaffito Polistrato di Montemurro, presso la quale, nel 2015, sul tema Rurale Contemporaneo realizza Palingenesi. Successivamente, restaura la chiesa di S. Rocco a Montemurro, poduce azulejos, una serie di papier peint ed espone a Floracult 2017.

Monia Maresci. Laureata in Scienze Politiche con specializzazione in Pubbliche Amministrazioni.
In INGV fa parte del Settore Comunicazione e Divulgazione Scientifica dove partecipa alla realizzazione e all’organizzazione di grandi progetti espositivi ed eventi culturali sul patrimonio storico-scientifico dell’Ente. Instaura e gestisce rapporti di collaborazione con Archivi, Ministeri, Università e Soprintendenze. Pubblica mensilmente sulla Newsletter dell'Istituto articoli volti a diffondere informazioni e comunicazioni sulle ricerche, progetti e iniziative scientifiche dell’Ente.

Michele Mirabella è regista, autore e attore di teatro, radio, cinema e televisione. Docente, saggista e giornalista. Insignito di due lauree ad honorem, in Farmacia e in Medicina.
Firma la regia di oltre cinquanta spettacoli e ha diretto allestimenti e recitato in teatri stabili e in numerose compagnie primarie in tutta Italia, in Europa e negli Stati Uniti.
Ha condotto e presentato numerosi concerti di musica sinfonica e operistica e concorsi di melodramma in importanti manifestazioni tra le quali gli incontri al Teatro alla Scala di Milano e al Regio di Parma. È uno dei conduttori e personaggi televisivi più conosciuti e amati del piccolo schermo italiano. Tra i programmi ricordiamo la ventennale Elisir. Ha tenuto corsi sulla comunicazione in diverse Università e ha pubblicato ricerche scientifiche sulla comunicazione, numerosi saggi critici, il libro “La lunga vita di Elisir” e il manuale “Fare teatro”. Inoltre ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali.
Alla Basilicata lo lega una collaborazione con Dacia Maraini per l’allestimento di uno spettacolo sulla vita di Isabella Morra tratto dagli scritti di Benedetto Croce.

Onda Sonora Il gruppo musicale nasce nel 2007, con una formazione base composta da tre persone. La voce femminile è di Ida Pizzo diplomata in canto moderno presso il VMS di Loretta Martinez, si dedica principalmente alla musica pop, rock e soul. Attualmente frequenta il corso interpreti del CET Music di Mogol. Alle tastiere, pianoforte e voce, abbiamo Salvatore Zagaria, diplomato al conservatorio di Potenza in pianoforte, in canto moderno al VMS e in compositore di musica leggera al CET Music di Mogol. Il terzo componente del gruppo è l’organettista Antonio Saponara, che ha avuto molte esperienze musicali folkloristiche e di animazione e intrattenimento.

Maria Padula ( Montemurro 12-01-1915 Napoli 10-12-1987) Ha Frequentato l’Accademia di Belle Arti di Napoli e Firenze, ha avuto come insegnanti i maestri: Gennaro Luciano, Francesco De Nicola, Giovanni Brancaccio, Emilio Notte, Eugenio Scorzelli, Pietro Gaudenzi, Felice Carena, Giovanni Colacicchi. È stata docente di “disegno dal vero” all’Istituto Statale d’Arte di Potenza dal 1966 al 1973 e successivamente al 2° I.S.A. di Napoli, costruendo con i giovani un rapporto di formazione che lascerà tracce significative in molti nuovi talenti artistici. Legata alla Lucania, da un vincolo profondo di natura ideale, trarrà dalla realtà della propria terra materia ed ispirazione per i suoi dipinti e per i suoi racconti. Intesserà già dagli anni ’50 legami culturali ed ideali con Leonardo Sinisgalli, Rocco Scotellaro, Manlio Rossi Doria, Carlo Levi, Mario Bonfantini, Irene Maria Malecore, Maria Brandon Albini, Ida Cocchiglia, rapporti che saranno significativi per tutta la sua attività intellettuale e politica. La sua attività di artista matura e convive con un costante impegno sociale che la vedrà presente ed in prima persona attiva nelle vicende più significative della vita civile e politica. Sue opere sono esposte presso la Pinacoteca e le Sale della Provincia e della Regione di Potenza.

Otello Reali vive e lavora a Roma. Esordisce nel 1998 nel campo dell’animazione lavorando a Corto Maltese, Cocco Bill e Lupo Alberto. Da qualche anno si dedica all’illustrazione per l’infanzia, lavorando regolarmente per l’editoria scolastica. Ha pubblicato il suo primo albo con Lisciani Giochi ed ha in preparazione un progetto di prossima uscita con Emme Edizioni.





archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
22/05/2019 - Francavilla: venerdì 3 presentazione del libro ''C’era una volta un’ombra’'

Venerdì 31 maggio alle ore 18, al “Caramola Ranch” di Francavilla In Sinni, si terrà la presentazione del libro “C’era una volta un’ombra” di Mirella Donato (Falco Editore). Interverranno lo psicologo piscoterapeuta Antonio Frandatario e la biologa nutrizionista Lidia De Fra...-->continua

22/05/2019 - Gli studenti senisesi a Roma per la rassegna teatrale della rete Otis

Dal 4 al 9 giugno al teatro Piccolo Eliseo in via Nazionale a Roma si svolgerà 'Oltreconfini', la rassegna teatrale delle Scuole nel Mondo, arrivata all'undicesima edizione. L'iniziativa...-->continua

22/05/2019 - Bemycompany investe nelle borse Tyc's la 'borsa dai mille volti'

Una borsa mai uguale, che si rinnova e adatta alle varie occasioni. Porta il marchio TYC's (www.tycs.it) la borsa pensata da una donna contemporanea per le donne contemporanee, quindi senza mai perdere di vista la loro esigenza di sentirsi a proprio agio e dis...-->continua

22/05/2019 - Viggianello: in 1000 per 'Walk of life' di Telethon

A Viggianello, questa mattina, circa 1000 ragazzi hanno partecipato alla “Walk of life” di Telethon. Erano presenti: gli Istituti scolastici di Viggianello, Rotonda, Castelluccio inferiore, Castelluccio Superiore e San Severino.
“È stata una giornata d...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo