HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Acquedotto Lucano:approvato il bilancio al 31 DICEMBRE 2013

8/07/2014



L’assemblea dei Soci di Acquedotto Lucano, riunitasi ieri mattina a Potenza, ha approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2013, che presenta un risultato positivo di 76.116 euro.

Ai lavori dell’Assemblea hanno preso parte la Regione Basilicata e i sindaci in rappresentanza dell’80 per cento del capitale sociale di Acquedotto Lucano.
Tra le novità maggiori dell’anno 2013, la gestione separata degli adduttori dal servizio idrico integrato: le grandi opere di captazione, le condotte adduttrici dei principali schemi idrici e i relativi impianti di sollevamento non gravano più sulla tariffa, pertanto non pesano più sugli utenti. Infatti, con il nuovo Piano d’ambito 2013-2032 (adottato il 10 settembre 2013) è stato riconosciuto che i costi di gestione degli adduttori riguardino essenzialmente gli usi agricoli, industriali e extra regionali, e solo in misura minore l’uso idropotabile.
Proprio la gestione dei grandi adduttori – che resta comunque in capo ad Acquedotto Lucano - ha prodotto un incremento del fatturato pari ad euro 22.109.000 oltre iva. Allo stato attuale, la copertura finanziaria è parzialmente garantita per 19.000.000 di euro dallo stanziamento effettuato nella Legge di Bilancio Regionale 2014 e per 2.500.000 di euro dal mandato irrevocabile all’incasso concesso dall’ex AATO a seguito dell’atto transattivo del 12 marzo 2010.

Tra le attività caratterizzanti del 2013 rientra senz’altro il recupero crediti: sono state inviate agli utenti 2.602 raccomandate di diffida e messa in mora per un importo di circa 17 milioni di euro; sono stati inviati circa 63 mila solleciti bonari con uno scaduto complessivo di 15 milioni di euro; sono state effettuate 213 sospensioni di fornitura e inviati 350 telegrammi di preavviso di sospensione della fornitura per morosità.
E’ stato avviato, altresì, il processo di “Chiusura per morosità” che prevede, come da Regolamento del Servizio, la rimozione dell’impianto (idrico e fognario) e la comunicazione all’autorità sanitaria locale.
Queste attività hanno consentito il recupero di oltre 10 milioni di euro.
Tuttavia, il consolidato fenomeno della morosità continua a condizionare la gestione aziendale, in particolare per l’impossibilità di incassare i consumi delle forniture ad enti pubblici: consorzi di bonifica, consorzi industriali, comuni ed alla calabrese Sorical Spa in liquidazione.

Tra le note positive, la diminuzione del costo del personale (pari a euro 428.463), e la messa in esercizio di nuove reti ed impianti realizzati. In particolare, sono state avviate all’esercizio 92 chilometri di reti idriche e 20 chilometri di reti fognarie, l’impianto di depurazione a servizio dell’abitato di Castelgrande e nuovi impianti di sollevamento idrici e fognari negli abitati di Tito, Lauria, Nova Siri e Viggianello.





ALTRE NEWS

CRONACA

21/02/2019 - Senise: danneggiato il telone della nuova piscina all’aperto
21/02/2019 - Droga. A Viggiano un 69enne arrestato per spaccio e 2 giovani segnalati
21/02/2019 - Matera. Truffa un rivenditore di orologi Rolex, arrestato
21/02/2019 - Lavoro e ambiente: sit-in davanti agli uffici della Total

SPORT

21/02/2019 - Passione, sport e montagna: vi raccontiamo Pasquale Larocca
21/02/2019 - Recuperi Eccellenza: pari a Pomarico
21/02/2019 - Promozione: vincono Anzi e Raf
20/02/2019 - Calvello amara per il Castelluccio, l'Anzi si impone 2-0

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/02/2019 Comunicazione acquedotto lucano SOSPENSIONE idrica

Melfi, Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano, San Fele: in considerazione dell’andamento dei lavori condotti da Acquedotto Pugliese Spa, si comunica che la sospensione dell’erogazione idrica nei comuni di Melfi (tranne centro storico e zona industriale di San Nicola), Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano e nelle zone rurali Monteserico e Insertafumo di San Fele, si verificherà dalle ore 20:00 di oggi (anziché dalle ore 14:00) alle ore 7:00 di domani 22 febbraio 2019.
Senise: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Tufarelli sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.
Barile: il ripristino dell'erogazione idrica, inizialmente previsto per le ore 7,00, avverrà alle ore 11:00, di oggi salvo imprevisti.
Marsico Nuovo: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nelle contrade Fontanelle, Cappuccini, Mandaresi e zone limitrofe dalle ore 11:00 fino ad ultimazione lavori

20/02/2019 Pallavolo maschile serie D, rinviata la gara tra Volley Academy Matera e Venosa

A causa della indisponibilità della squadra ospite, è stata rinviata la gara casalinga della Volley Academy Matera contro il Venosa valida per il recupero della prima giornata di ritorno del campionato di pallavolo maschile di serie D ed in programma nella serata di mercoledì alle 19:30. L’incontro è stato rinviato al prossimo 19 marzo alle 20:30.

20/02/2019 Conferito incarico di Direttore Sanitario F.F. dell’AOR San Carlo

Il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza, Dottor. Massimo Barresi, ha affidato in via temporanea le funzioni di Direttore Sanitario F.F., alla Dottoressa Angela Bellettieri, Dirigente medico della stessa Direzione. Tali funzioni saranno esercitate fino alla nomina del nuovo Direttore Sanitario.
La Dottoressa Bellettieri subentra al Dottor Antonio Picerno, che ha rassegnato le dimissioni dall’incarico per motivi personali.
L’Azienda lo ringrazia per il contributo dato negli anni in cui ha ricoperto l’incarico di Direttore Sanitario.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo