HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise, storia di Imed, abusivo in una casa per protesta

8/05/2014



Ha occupato abusivamente un alloggio popolare per auto-denunciarsi e sollevare un problema. Imed Yahyaoui è un falegname tunisino di 43 anni. Vive a Senise dal 2006, ha una moglie di 33 anni dalla quale ha avuto tre bambini di 5, 4 e 2 anni, tutti nati in Italia. Quando Imed è arrivato 8 anni fa aveva già un aggancio lavorativo con una ditta locale che lo ha regolarmente contrattualizzato, a tempo indeterminato, come falegname. “Avevo voglia di conoscere il mondo- racconta- per questo ho deciso di trasferirmi”. Dopo 4 anni la ditta per cui lavora è costretta a chiudere e Imed perde il suo impiego. “Da allora è stato difficile trovare lavoro- spiega- ma in molti sapevano come lavoravo e ho cominciato ad arrangiarmi lavorando saltuariamente. Nel frattempo sono arrivati tre bambini. Non ho chiesto mai nulla. Oggi chiedo una casa”. Imed non cerca niente altro che un alloggio popolare. Un alloggio che potrebbe permettersi con i soldi che recupera dal lavoro che, anche se saltuariamente, riesce a trovare. Ma pagare un affitto più alto non gli è possibile. Per questo ha cominciato a chiedere come fare per avere un alloggio popolare. Imed è andato al Comune e gli è stato spiegato che esiste una graduatoria ferma da qualche anno che non può essere riaperta fino a quando non scorre quella attuale. L’amministrazione, ci ha spiegato il sindaco, ha anche fatto un avviso pubblico per l’acquisizione di alloggi da privati per aumentare la disponibilità di abitazioni da assegnare. Anche perché, il caso di Imed, purtroppo non è isolato.“Mi è stato consigliato di rivolgermi alla Prefettura. Io ci sono andato di persona, assieme a tutta la mia famiglia, e mi hanno detto che dovevo scrivere una lettera e comunicare la mia situazione. La lettera l’ho scritta e inviata circa 4 mesi fa ma non ho ricevuto risposta. Conservo ancora la ricevuta della raccomandata”. Un mese fa Imed decide di occupare abusivamente un appartamento. Sfonda la porta, ne trova uno vuoto e ci mette i materassi per sé e la sua famiglia. La sera riceve la visita dei carabinieri. “Io volevo che arrivassero”dice. Il giorno dopo, alle 8.30, Imed racconta di essere andato personalmente alla Polizia Municipale. Adesso ha una lettera, da parte dell’Ater, dove è scritto che deve lasciare la casa entro 30 giorni. Il tempo scade a metà maggio. Ci mostra anche un referto dell’ospedale di Lagonegro dove c’è scritto che sua moglie è affetta da “salpingite e ovarite acuta”, in seguito ad una visita dello scorso gennaio. E tutto quello che Imed chiede è un tetto sopra la testa.


Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

24/02/2018 - Cervelli in fuga: Basilicata la più colpita dal fenomeno
23/02/2018 - Billie Joe Armstrong 'sogna' di visitare Viggiano
23/02/2018 - Forestazione Basilicata. Emesse le determine per pagamento mensilità spettanti
23/02/2018 - AL: "Ricopri di attenzioni il tuo contatore",campagna informativa

SPORT

24/02/2018 - Prima Ctg/B: il Viggianello esce sconfitto da Montescaglioso
24/02/2018 - Il Potenza Calcio apre le porte al Volontariato
23/02/2018 - Proposta dello Sport Man per collaborazione o acquisizione Matera Calcio
23/02/2018 - BEE VOLLEY CELANO COSTRUZIONI vs LA PERLA VOLLEY CLUB MELFI,1^ divis.maschile

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/02/2018 Calcio a 5-C1/gUnico: risultati 19^ giornata

Amici Del Borgo Matera – Senise 4-9
Castrum Byanelli – Sport Pistici 9-4
Futsal Potenza – Paul Mtchell 6-1
Guardia Perticara – Real Team Matera 8-0
Virtus Lauria – Shaolin Soccer 4-2
Virtus Matera – Essedi Spoprt – ore 18,00
Domenica 25 marzo 2018
3P Valle Del Noce – Atletico Lavello

24/02/2018 Calcio 1^ Ctg./B: risultati degli anticipi 21^ giornata

Montescaglioso – Viggianello 1-0

RAF Vejanum – Tramutola 2-2

24/02/2018 Serie D-/H: anticipo 25^ giornata

Molfetta-AZ Picerno 1-1

25'st. Tulimieri
8' pt. Morra

Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo