HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise, storia di Imed, abusivo in una casa per protesta

8/05/2014



Ha occupato abusivamente un alloggio popolare per auto-denunciarsi e sollevare un problema. Imed Yahyaoui è un falegname tunisino di 43 anni. Vive a Senise dal 2006, ha una moglie di 33 anni dalla quale ha avuto tre bambini di 5, 4 e 2 anni, tutti nati in Italia. Quando Imed è arrivato 8 anni fa aveva già un aggancio lavorativo con una ditta locale che lo ha regolarmente contrattualizzato, a tempo indeterminato, come falegname. “Avevo voglia di conoscere il mondo- racconta- per questo ho deciso di trasferirmi”. Dopo 4 anni la ditta per cui lavora è costretta a chiudere e Imed perde il suo impiego. “Da allora è stato difficile trovare lavoro- spiega- ma in molti sapevano come lavoravo e ho cominciato ad arrangiarmi lavorando saltuariamente. Nel frattempo sono arrivati tre bambini. Non ho chiesto mai nulla. Oggi chiedo una casa”. Imed non cerca niente altro che un alloggio popolare. Un alloggio che potrebbe permettersi con i soldi che recupera dal lavoro che, anche se saltuariamente, riesce a trovare. Ma pagare un affitto più alto non gli è possibile. Per questo ha cominciato a chiedere come fare per avere un alloggio popolare. Imed è andato al Comune e gli è stato spiegato che esiste una graduatoria ferma da qualche anno che non può essere riaperta fino a quando non scorre quella attuale. L’amministrazione, ci ha spiegato il sindaco, ha anche fatto un avviso pubblico per l’acquisizione di alloggi da privati per aumentare la disponibilità di abitazioni da assegnare. Anche perché, il caso di Imed, purtroppo non è isolato.“Mi è stato consigliato di rivolgermi alla Prefettura. Io ci sono andato di persona, assieme a tutta la mia famiglia, e mi hanno detto che dovevo scrivere una lettera e comunicare la mia situazione. La lettera l’ho scritta e inviata circa 4 mesi fa ma non ho ricevuto risposta. Conservo ancora la ricevuta della raccomandata”. Un mese fa Imed decide di occupare abusivamente un appartamento. Sfonda la porta, ne trova uno vuoto e ci mette i materassi per sé e la sua famiglia. La sera riceve la visita dei carabinieri. “Io volevo che arrivassero”dice. Il giorno dopo, alle 8.30, Imed racconta di essere andato personalmente alla Polizia Municipale. Adesso ha una lettera, da parte dell’Ater, dove è scritto che deve lasciare la casa entro 30 giorni. Il tempo scade a metà maggio. Ci mostra anche un referto dell’ospedale di Lagonegro dove c’è scritto che sua moglie è affetta da “salpingite e ovarite acuta”, in seguito ad una visita dello scorso gennaio. E tutto quello che Imed chiede è un tetto sopra la testa.


Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

23/04/2019 - Costa su arresto dirigente Eni in Basilicata: 'lo Stato c'è'
23/04/2019 - Lavello. Furto al Bar: 1 arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale e 2 denunce
23/04/2019 - Controlli Polizia a Matera. Due persone arrestate e una denunciata
23/04/2019 - Basilicata, petrolio contaminato in Val D'Agri: un arresto

SPORT

23/04/2019 - Ciclismo: medaglia d'oro a Baragiano per il giovane Alessandro Verre
23/04/2019 - La Geosat-Geovertical Lagonegro ha domato anche la Menghi Shoes Macerata
21/04/2019 - Karate: Pasqua d'oro a Rabat
20/04/2019 - Ritorna alla vittoria il Potenza Calcio

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/04/2019 Sospensione idrica a Policoro

Policoro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Gorizia sarà sospesa dalle ore 14:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.

21/04/2019 Riaperta al traffico la Strada Provinciale 5 (ex SS 176) nei pressi di Craco

È stata riaperta al transito la Strada Provinciale 5 (ex SS 176), all’altezza del km 4+100, lungo il tratto Pisticci - Craco.
Dopo l’immediata ordinanza di chiusura della strada disposta tre giorni fa a seguito di controlli che evidenziavano un cedimento di un muro andatore sui cui poggia la rampa di accesso al noto ponte Bailey, la Provincia di Matera si è tempestivamente adoperata per mettere in sicurezza quella zona e garantire così la pubblica incolumità degli utenti.
Già ieri mattina, infatti, dopo l’intervento di somma urgenza effettuato, si è proceduto alla riapertura della strada provinciale al transito dei mezzi.

20/04/2019 Sospensione idrica oggi 20 Aprile in Basilicata

Potenza: a causa deld protrarsi dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in contrada Poggio Cavallo, contrada Rossellino, via Rifreddo e via De Nicola resterà sospesa fino alla mezzanotte.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo