HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Fisioterapia della danza: a Senise un incontro con Giovanna Curati

2/02/2014



Si è svolto a Senise, presso il Centro Danza “ Balletto Lucano” della maestra Loredana Calabrese, un convegno di medicina sul tema: “ La prevenzione, patologie e cure della colonna vertebrale”. Il tema trattato ha riguardato l’informazione, la prevenzione, le cause, la posturologia e la fisioterapia. Un argomento di notevole importanza per tutti quelli che si avvicinano al mondo della danza e non solo e che è sempre stato una priorità per la maestra Calabrese, come lei stessa ha sottolineato all’inizio del convegno. A sviluppare questi temi è stata invitata la dott.ssa Giovanna Curati, nativa di Londra ma residente a Bari per lavoro. La docente, con il suo accento tipicamente anglosassone, alla presenza di molti genitori delle allieve della scuola, ha trattato, con l’aiuto di slide, il tema del convegno. Laureata presso l’Università West of England, Bristol, Inghilterra, Giovanna Curati ha discusso la tesi dal tema : “Indagine sulla selezione fisica delle scuole professionali di danza, durante la procedura di selezione degli allievi”. Dal suo ricco curriculum apprendiamo che nasce come ballerina classica al Royal Academy of Dancing e Central School of Ballet, a Londra. Si laurea in Inghilterra e negli ultimi quindici anni ha lavorato e trattato i più grandi e importanti ballerini, attori, squadre di calcio e professionisti di Londra. Lavorando con rinomati docenti internazionali di fisioterapia, sviluppa un’ottima conoscenza delle tecniche di trattamento più avanzate.Ha portato avanti diverse ricerche, l’ultima delle quali, ha riguardato l’infortunio dell’articolazione del ginocchio nei ballerini professionisti, che ha presentato al Congresso Mondiale IADMS di Stoccolma. E si potrebbe andare avanti ancora spaziando nel suo ricco curriculum. Entrando nello specifico del convegno, la Curati , inizia a parlare della medicina della Danza: “ Il rischio d’infortunio nella danza è elevato – precisa– il ruolo più importante della fisioterapista è proprio quello di prevenire gli infortuni, migliorando nel contempo le loro capacità fisiche e quindi anche la performance. Il trattamento dei traumi deve essere tempestivo ed efficace. La riabilitazione, però, deve avere un approccio più olistico, e riguardare, anche, la prevenzione delle problematiche future”. Ma quali sono gli interventi della fisioterapista nella danza? “Il lavoro- spiega- comprende e si sostanzia in diverse attività: educazione al riscaldamento, stretching, screening/ valutazione anatomica, esercizi di gruppo. La fisioterapista non lavora da sola, deve far parte di una squadra con la ballerina, l’insegnante ed i genitori. La figura più importante di questa squadra è proprio la ballerina”.
E a che età si deve intervenire? “La fisioterapista è molto importante durante la pubertà in quanto è un periodo particolare, il corpo sta crescendo e cambiando. Bisogna imparare a conoscersi. Un semplice programma di fisioterapia può aiutare a riconoscere questi cambiamenti ed a correggere dei problemi/atteggiamenti che in futuro potrebbero diventare infortuni”.
Cos’è un programma di Screening? “Molto semplice, lo Screening è lo studio dello stato fisico individuale, di solito viene effettuato all’inizio di ogni anno accademico. In un’ora la fisioterapista evidenzierà ogni limitazione o problematica anatomica che necessita di essere corretta. Informerà il ballerino in merito alle problematiche rilevate, evidenziando i suoi punti di forza e le sue debolezze. Solo in caso d’infortunio pregresso ovvero in corso, si discute un appropriato piano di trattamenti. Grazie allo Screening, ogni ballerino avrà il proprio programma di esercizi individuali, ivi compresi quelli di warm up e di cool down”.

E’ molto importante – conclude la dott.ssa Curati – che tutte queste informazioni siano passate all’insegnante di Danza, che conoscendo meglio le abilità e capacità anatomiche dei ballerini, potrà insegnare in modo più sicuro”.
Alla fine, i presenti hanno rivolto delle domande alla dott.ssa, leggendo nei loro sguardi, la gratitudine per la signora Calabrese per aver dato loro l’opportunità di partecipare al convegno e ricevere nozioni specifiche per far sperimentare in sicurezza la gioia di danzare ai propri figli. Lo scopo della Dance Physiotherapy è quello di allungare la carriera di coloro che continuano a ballare sin dall’infanzia, creando una generazione di ballerini “ intelligenti”, che hanno imparato a prendersi cura dei loro corpi.

Vincenzo Terracina

nella foto da sinistra: Giovanna Curati e Loredana Calabrese



ALTRE NEWS

CRONACA

15/12/2018 - Caso Conti: la famiglia si oppone all'archiviazione
14/12/2018 - Parco dell’Appennino Lucano: il ministro Costa decreta il commissariamento
14/12/2018 - Sorpresi con arnesi da scasso
14/12/2018 - Confermato divieto di dimora a Potenza per Pittella

SPORT

15/12/2018 - Il Carpi ha messo gli occhi sul lucano Sansone
15/12/2018 - Serie D – G/H: nuovo Under per il Picerno
15/12/2018 - Viggianello: Luis Vizzino presidente AIAS Basilicata
15/12/2018 - Campionato calcio Berretti, il Matera fa visita al Siracusa

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

14/12/2018 Sospensione idrica 14 dicembre 2018

-Sant'Arcangelo: a causa di un guasto improvviso, è in corso la sospensione dell'erogazione idrica in via D' Agostino. Il ripristino è previsto al termine dei lavori.

13/12/2018 Comunicazione sospensione idrica in Basilicata

Lauria: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa via Caduti 7-9-43 dalle ore 14:00 di oggi fino al termine dei lavori, salvo imprevisti

Potenza: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nelle contrade Piani di Zucchero e Avigliano Scalo dalle ore 11:30, salvo imprevisti.

12/12/2018 Serie D: risultati girone I 15^ giornata

Acireale – Gela 2-1
Bari – Troina 1-0
Castrovillari – Igea Virtus 1-0
Cittanovese – Nocerina 3-1
Locri – Citta di Messina 1-2
Marsala – Portici 2-0
Messina – Roccella 0-0
Sancataldese – Rotonda 0-1
Turris – Palmese 3-0

La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i par...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo