HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Tumori: ANISAP, il SSR lucano deve raggiungere obiettivi importanti

31/01/2014



Sono quasi tre milioni le persone che in Italia vivono con una diagnosi di tumore (erano 1.500.000 nel 1993 e 2.250.000 nel 2006). Nel 2013 si sono registrate 366mila nuove diagnosi, l'11% negli under 50. Le percentuali di guarigione sono in costante crescita. Infatti la sopravvivenza a 5 anni è raggiunta in quasi il 60% dei casi. Merito di campagne di prevenzione, diagnosi precoce e terapie sempre piu' efficaci. Sono dati – riferisce ANISAP Basilicata – di fonte dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), e della Societa' Italiana di Ematologia (SIE) che evidenziano la necessità che il sistema sanitario nazionale e con esso quello regionale lucano nei prossimi anni dovra' raggiungere obiettivi importanti, che richiedono equilibrio fra sostenibilita' e appropriatezza terapeutica, mettendo fine a tagli lineari ancora più odiosi in questo campo. Accade infatti – continua ANISAP – che si diffonde in Italia, anche se lentamente e soprattutto al Nord, la buona abitudine di effettuare screening antitumorali, per verificare lo stato di salute di seno, utero e tratto finale dell'intestino. Nel 2012 - secondo i dati contenuti nel rapporto annuale dell'Osservatorio Nazionale Screening - oltre 10 milioni e 600 mila cittadini ritenuti potenziali 'bersagli' della patologia, ovvero il 6,9% in più rispetto all'anno precedente, sono stati invitati a effettuare esami di prevenzione gratuiti e nell'ambito di programmi di controllo. Oltre 5 milioni di coloro che sono stati 'invitati' ha accettato di svolgere lo screening, mentre gli altri hanno declinato o provveduto privatamente. Quella che delinea l'Osservatorio – evidenzia l’ANISAP - è un'Italia divisa: al Centro-Nord 9 donne su 10 vengono invitate a effettuare una mammografia, mentre questo 'privilegio' al Sud scende a quota 3 su 10. Oltre 4 milioni di persone, invece, sono state invitate a effettuare un esame colon-rettale, con un aumento rispetto al 2011 del 9%: anche qui è netto il divario tra Nord, dove l'invito ha riguardato 8 persone su 10, e Sud, dove ne sono state invitate 2 su 10.
Per l’ANISAP specie da questi dati bisogna rafforzare la “mission” affidata all’Irccs-Crob di Rionero di punto di riferimento scientifico, non solo regionale ma anche interregionale o nazionale, per tutte le attività necessarie alla prevenzione, diagnosi e cura della patologia oncologica ed accelerare l’iter e l’attività del Registro Regionale dei Tumori. La rete oncologica cui fa riferimento il Piano Salute Regionale – afferma in proposito Antonio Flovilla, presidente ANISAP - non equivale alla possibilità che le terapie connesse alla patologia (chemio e radio terapia) possano essere distribuite come un normale presidio terapeutico al di fuori di un contesto specialistico e qualificato, il solo in grado di fornire quel livello di attenzione e di personalizzazione della terapia oncologica alla quale oramai tutti tendono. Pertanto, la chemio terapia non può essere fatta dappertutto o in un qualsiasi ospedale, tanto varrebbe farla a domicilio del paziente. Questione ancor più complessa è rappresentata dalla radio terapia che ha bisogno di una diversificata disponibilità di sorgenti e di strumentazione per erogarla, non solo in maniera adeguata ed efficace, ma anche a tutela ulteriore della salute del paziente e pertanto, al di là delle generiche affermazioni, la stessa come la chemio terapia tende alla personalizzazione e pertanto andrebbe erogata in strutture nate e sviluppate per tale funzione. Non si sottovaluti inoltre – continua Flovilla – che la Sanità Privata Accreditata è un patrimonio italiano, soprattutto per i malati cronici e per quanti hanno difficoltà economiche, un patrimonio che va salvato per tutelare la libera scelta del luogo di cura e per evitare ai cittadini, che necessitano di servizi territoriali capillari, di dover affrontare inutili ‘calvari’ per ottenere le prestazioni di cui hanno bisogno.
I pazienti oncologici, ad esempio, devono essere messi in condizione di eseguire agevolmente l’esame per valutare gli elementi del sangue (emocromo) indispensabile per la chemioterapia, o le donne in gravidanza non devono sopportare i disagi di lunghe file; tanto meno i soggetti economicamente fragili rinunciare a curarsi. Mettere in crisi la Sanità Privata Accreditata sarebbe, a parere dell’Associazione, un errore anche a livello economico: la rete dei Laboratori di analisi cliniche è alla base del 70% delle diagnosi; depotenziarla ritarderebbe diagnosi e cure comportando ricadute sociali gravissime e notevoli aumenti della spesa socio-sanitaria.




ALTRE NEWS

CRONACA

19/10/2018 - Isde Italia: ‘No agli incentivi sulle biomasse per scopi industriali’
19/10/2018 - Matera: revocata ordinanza su divieto uso acqua potabile
19/10/2018 - Marconia.Polizia arresta 20enne per detenzione stupefacenti ai fini di spaccio
19/10/2018 - Basilicata.Non osserva obblighi sorveglianza speciale arrestato a Pietragalla

SPORT

19/10/2018 - Serie D, le lucane: due arrivi in casa Rotonda. Bene Picerno e Francavilla
19/10/2018 - Matera Calcio:terza giornata campionato nazionale Berretti
19/10/2018 - Coppa Divisione.Bernalda Futsal:cuore e grinta non bastano con il Prestito CMB
18/10/2018 - Potenza vs Reggina,analisi del tecnico Raffaele

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/10/2018 Sospensione idrica a Tito

Tito: a causa di uno scoppio improvviso sulla condotta idrica distributrice, l'erogazione idrica sarà sospesa oggi dalle ore 11:00 alle ore 17.00 circa, salvo imprevisti, nelle seguenti vie: San Vito, Enrico Berlinguer e Madonna delle Grazie

19/10/2018 Sospensione idrica a Senise in via Bastanzio

Senise: a causa di un guasto improvviso su condotta, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:30 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione in via Bastanzio.

19/10/2018 Comunicazione acquedotto lucano

Matera: Acquedotto Lucano informa che con ordinanza del sindaco di Matera è stato vietato l'uso dell'acqua a fini potabili. Acquedotto Lucano ha già provveduto ad effettuare nuovi campionamenti per verificare la conformità dell'acqua ai parametri di legge. Seguiranno nuove comunicazioni.

La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i par...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo