SERVIZI

FOTO

COMMUNITY

 

 Chat

 

TERRITORIO

 

Da Matera a Senise: 'Siamo un paese di corta memoria'

14/01/2014



“Allora io glielo dissi al genio civile. Mettetemi nell’elenco. Se devo lasciare la casa la lascio. Io non sono attaccata a queste quattro mura. E’ vero: abbiamo lavorato una vita io e mio marito per tirarle su. Ma se c’è pericolo che la casa crolli in testa ai miei figli, ce ne andiamo subito. Mettetemi nell’elenco. Loro si misero a ridere. Mi dissero: signora, dove vuole andare? E’ diventata matta? Qui può dormire tranquilla”. Il giornalista Rocco Di Biasi dell’Unità, raccontava così il terribile atto di accusa della signora Lucia Durante. Era il 23 agosto del 1986. Meno di un mese prima, il 26 luglio, alle 4.15 di quell’alba tragica, il terribile smottamento di collina Timpone a Senise, aveva portato con sé le “quattro mura” della sua casa. E quelle quattro mura erano crollate davvero sulla testa dei suoi tre figli, uccidendoli. Giuseppe, 14 anni; Maria, 11; Maddalena, 5. Tre, delle otto vittime della frana di Senise. Chi ha vissuto quei momenti avrà sicuramente ricordato le parole di Lucia quando, pochi giorni fa, una delle sopravvissute al crollo della palazzina di Matera, la signora Annamaria, ha raccontato come, dopo il sopralluogo dei tecnici del Comune, erano arrivate rassicurazioni in merito alla struttura, crollata sabato scorso. Se esiste un legame tra la tragedia di collina Timpone e quella di Matera, lo si può trovare, prima di tutto, nelle parole di Lucia e di Annamaria.
Una paura sedata dalle rassicurazioni di chi è esperto in materia. Una tragedia annunciata e che solo a posteriori riesce a trovare una spiegazione. E, a Matera come a Senise, queste spiegazioni si troveranno nelle macerie e nelle scartoffie, quando però, sarà ormai troppo tardi per porvi rimedio.
E, allora, Senise non ha insegnato niente. “Delitto previsto” titolò il Corriere delle Sera all’indomani della tragedia senisese. “Ancora una volta Destino e Fatalità non centrano nulla” scrisse Cesare De Seta. Gli edifici inghiottiti dalla frana di collina Timpone erano costruiti su terra che si sbriciolava tra le mani, in un territorio, di circa 12 ettari che, nel complesso, fu scenario dello smottamento, in cui si costruiva con regolari licenze edilizie. Nel marzo del 1985, come scrisse Arturo Guastella sul Messaggero, “l’ufficio tecnico di Senise e il Genio Civile compirono uno studio geologico sulla collina e diedero l’allarme. La Regione Basilicata, ricevute le relazioni, chiese un prestito di 4 miliardi per consolidare la collina”. Ma la collina non attese il prestito prima di venire giù. La situazione, da un punto di vista tecnico, era precipitata a causa delle erosioni che la collina aveva subito nel corso delle alluvioni tra l’84 e l’85. A questo si aggiungevano frane preesistenti e la presenza di falde acquifere che richiedevano interventi considerati “urgenti” prima del 26 luglio 1986. Negli ultimi sette anni Senise aveva ottenuto dalla Regione oltre due miliardi per lavori di consolidamento delle abitazioni. Tutti sapevano. “Siamo un paese di corta memoria”scrisse Giorgio Nebbia sulla Gazzetta del Mezzogiorno. Nessun provvedimento era stato preso, se non il consiglio benevolo di non costruire sulla collina. E di quel consiglio, oggi, resta la macchia gialliccia intervallata dai muri di consolidamento realizzati a posteriori.
Troppo tardi per evitare la tragedia. O troppo presto, per evitare che accada di nuovo.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

3/03/2015 - Km manomessi, Gdf sequestra cento auto
3/03/2015 - Equitalia.Nuova chance per chi ha perso la possibilità di rateizzare
3/03/2015 - Le province più vivibili?Le lucane restano a metà classifica
3/03/2015 - Polizia di Stato: arresto di un pregiudicato a Matera

SPORT

3/03/2015 - Progetto Juventus Academy,nella citta' dei sassi arriva Rudy Londi
3/03/2015 - Interventi di promozione e sviluppo dell’impiantistica sportiva
3/03/2015 - Rocco Palazzo (Bcc Monte Pruno Pz) e’ l’atleta del mese di febbraio 2015
3/03/2015 - Giovanissimi.Cinquina all'esordio per mister Fontana

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

3/03/2015 A Matera la presentazione del romanzo "Un padre è un padre"

Si terrà venerdì 6 marzo, alle 19.00, ad Area 8, a Matera, la presentazione del romanzo di Catena Fiorello "Un padre è un padre", pubblicato da Rizzoli. L'evento è organizzato da Women's Fiction Festival e Libreria di Giulio nell'ambito del programma annuale di promozione dei libri e della lettura, in collaborazione con Matera Letteratura, le librerie dell'Arco, Mondadori e The Sassi Bookstore. Introdurrà Mariateresa Cascino, co-fondatrice del WFF, converserà con l'autrice Stefania De Toma.

3/03/2015 Rubano energia elettrica, due arresti

Con l'accusa di furto aggravato di energia elettrica in concorso, due cittadini romeni conviventi sono stati arrestati a Lavello (Potenza) dai Carabinieri che nella loro abitazione hanno scoperto l'allaccio abusivo alla rete dell'energia elettrica: ora sono ai domiciliari. A Ripacandida (Potenza) è stato posto agli arresti domiciliari un uomo di 48 anni, con precedenti penali, che, durante alcuni controlli, ha tentato di aggredire i Carabinieri con un coltello di genere vietato.

3/03/2015 Fca: a Melfi 1.900 nuovi posti di lavoro

I nuovi ingressi nello stabilimento Fca di Melfi (dove si producono la Jeep Renegade e la 500X) "potrebbero salire a 1.900", rispetto ai 1.500 inizialmente previsti, tra l'aumento delle nuove assunzioni e dei distacchi dagli altri stabilimenti. Così l'ad di Fca, Sergio Marchionne, al Salone dell'Auto di Ginevra.

Chi disserta e chi sa
di Mariapaola Vergallito

“Guardi, da qui si vede bene tutta la valle. Si vedono le case, i campi, le montagne più in fondo. E si vede il centro oli. Da qui si riesce a capire che non doveva nascere lì. Troppo vicino ai centri abitati, alle vigne”.

Già, le vigne. Quando ero piccola il pellegrinaggio al Santuario della Madonna di Viggiano era un appuntamento annuale. Nella macchina senza aria condizionata, in quella gita di fine estate che sembrava non finire mai, mi sveglia...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo