SERVIZI

FOTO

COMMUNITY

 

 Chat

 

TERRITORIO

 

Da Matera a Senise: 'Siamo un paese di corta memoria'

14/01/2014



“Allora io glielo dissi al genio civile. Mettetemi nell’elenco. Se devo lasciare la casa la lascio. Io non sono attaccata a queste quattro mura. E’ vero: abbiamo lavorato una vita io e mio marito per tirarle su. Ma se c’è pericolo che la casa crolli in testa ai miei figli, ce ne andiamo subito. Mettetemi nell’elenco. Loro si misero a ridere. Mi dissero: signora, dove vuole andare? E’ diventata matta? Qui può dormire tranquilla”. Il giornalista Rocco Di Biasi dell’Unità, raccontava così il terribile atto di accusa della signora Lucia Durante. Era il 23 agosto del 1986. Meno di un mese prima, il 26 luglio, alle 4.15 di quell’alba tragica, il terribile smottamento di collina Timpone a Senise, aveva portato con sé le “quattro mura” della sua casa. E quelle quattro mura erano crollate davvero sulla testa dei suoi tre figli, uccidendoli. Giuseppe, 14 anni; Maria, 11; Maddalena, 5. Tre, delle otto vittime della frana di Senise. Chi ha vissuto quei momenti avrà sicuramente ricordato le parole di Lucia quando, pochi giorni fa, una delle sopravvissute al crollo della palazzina di Matera, la signora Annamaria, ha raccontato come, dopo il sopralluogo dei tecnici del Comune, erano arrivate rassicurazioni in merito alla struttura, crollata sabato scorso. Se esiste un legame tra la tragedia di collina Timpone e quella di Matera, lo si può trovare, prima di tutto, nelle parole di Lucia e di Annamaria.
Una paura sedata dalle rassicurazioni di chi è esperto in materia. Una tragedia annunciata e che solo a posteriori riesce a trovare una spiegazione. E, a Matera come a Senise, queste spiegazioni si troveranno nelle macerie e nelle scartoffie, quando però, sarà ormai troppo tardi per porvi rimedio.
E, allora, Senise non ha insegnato niente. “Delitto previsto” titolò il Corriere delle Sera all’indomani della tragedia senisese. “Ancora una volta Destino e Fatalità non centrano nulla” scrisse Cesare De Seta. Gli edifici inghiottiti dalla frana di collina Timpone erano costruiti su terra che si sbriciolava tra le mani, in un territorio, di circa 12 ettari che, nel complesso, fu scenario dello smottamento, in cui si costruiva con regolari licenze edilizie. Nel marzo del 1985, come scrisse Arturo Guastella sul Messaggero, “l’ufficio tecnico di Senise e il Genio Civile compirono uno studio geologico sulla collina e diedero l’allarme. La Regione Basilicata, ricevute le relazioni, chiese un prestito di 4 miliardi per consolidare la collina”. Ma la collina non attese il prestito prima di venire giù. La situazione, da un punto di vista tecnico, era precipitata a causa delle erosioni che la collina aveva subito nel corso delle alluvioni tra l’84 e l’85. A questo si aggiungevano frane preesistenti e la presenza di falde acquifere che richiedevano interventi considerati “urgenti” prima del 26 luglio 1986. Negli ultimi sette anni Senise aveva ottenuto dalla Regione oltre due miliardi per lavori di consolidamento delle abitazioni. Tutti sapevano. “Siamo un paese di corta memoria”scrisse Giorgio Nebbia sulla Gazzetta del Mezzogiorno. Nessun provvedimento era stato preso, se non il consiglio benevolo di non costruire sulla collina. E di quel consiglio, oggi, resta la macchia gialliccia intervallata dai muri di consolidamento realizzati a posteriori.
Troppo tardi per evitare la tragedia. O troppo presto, per evitare che accada di nuovo.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

25/11/2014 - WWF su grave situazione del Fiume Agri
25/11/2014 - Balvano.In auto con 30 mila euro: due denunciati
24/11/2014 - Potenza.Arrestati due ladri di auto
24/11/2014 - Stigliano: tenta furto in appartamento, arrestato

SPORT

25/11/2014 -  Mister Marino:“ la decisione di Ziembiansky è una scelta di vita da rispettare"
24/11/2014 - Ciclismo: convegno a Sasso di Castalda
24/11/2014 - 2^ categoria G/C: il Viggianello batte il gallicchio e sale primo in classifica
24/11/2014 - Calcio 2^ ctg.P. Spinoso corsaro a Sant’Arcangelo

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/11/2014 Calciano: Ruba finestre in un albergo abbandonato

Un uomo di 45 anni, di Pomarico (Matera), è stato arrestato per furto aggravato dai Carabinieri, che lo hanno sorpreso mentre rubava alcuni infissi in metallo dalle finestre di un albergo abbandonato a Calciano (Matera). I militari, oltre alla refurtiva (valore di circa duemila euro) hanno sequestrato anche gli attrezzi che l'uomo - ora ai domiciliari - stava utilizzando per staccare i telai dai muri della struttura.

24/11/2014 Teatro: doppio appuntamento per lo spettacolo Maria Barbella

Doppio appuntamento per lo spettacolo Maria Barbella "dal braccio della morte alla vita" di D. Di Prima, F. Evangelista, A. Nubile

28 novembre 2014 ore 21.00 Matera presso Il piccolo


30 Novembre VI° Festival Nazionale L'ora di Teatro città di Montecarlo (LU) ore 18,00.


24/11/2014 Usura: imprenditore, sciopero della fame

Uno sciopero della fame, per protestare "contro i tassi usurai decisi dalle banche" e "sul fenomeno dell'usura e sulla disattenzione nell'applicazione della legge di riferimento in materia di usura bancaria da parte dell'ordinamento giudiziario sia locale che nei vari Tribunali d'Italia". L'iniziativa è stata messa in campo da un imprenditore lucano, Michele Satriani, stamani a Potenza davanti alla sede del Palazzo di Giustizia.

Spieghiamo al nostro nominato Presidente del Consiglio
di Mariapaola Vergallito

Spieghiamo al nostro nominato Presidente del Consiglio che in Basilicata il petrolio già si estrae da anni e che in tutti questi anni non solo lo sviluppo vero e la tanto mistificata occupazione non ci sono stati, ma le aree dell’oro nero non hanno nemmeno subìto lo “scossone” in termini di demografia.

Spieghiamo al nostro nominato Presidente del Consiglio che in Basilicata sono ormai famosi i ritorni di fiamma, che non hanno nulla a che vedere con...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo