SERVIZI

FOTO

COMMUNITY

 

 Chat

 

TERRITORIO

 

Da Matera a Senise: 'Siamo un paese di corta memoria'

14/01/2014



“Allora io glielo dissi al genio civile. Mettetemi nell’elenco. Se devo lasciare la casa la lascio. Io non sono attaccata a queste quattro mura. E’ vero: abbiamo lavorato una vita io e mio marito per tirarle su. Ma se c’è pericolo che la casa crolli in testa ai miei figli, ce ne andiamo subito. Mettetemi nell’elenco. Loro si misero a ridere. Mi dissero: signora, dove vuole andare? E’ diventata matta? Qui può dormire tranquilla”. Il giornalista Rocco Di Biasi dell’Unità, raccontava così il terribile atto di accusa della signora Lucia Durante. Era il 23 agosto del 1986. Meno di un mese prima, il 26 luglio, alle 4.15 di quell’alba tragica, il terribile smottamento di collina Timpone a Senise, aveva portato con sé le “quattro mura” della sua casa. E quelle quattro mura erano crollate davvero sulla testa dei suoi tre figli, uccidendoli. Giuseppe, 14 anni; Maria, 11; Maddalena, 5. Tre, delle otto vittime della frana di Senise. Chi ha vissuto quei momenti avrà sicuramente ricordato le parole di Lucia quando, pochi giorni fa, una delle sopravvissute al crollo della palazzina di Matera, la signora Annamaria, ha raccontato come, dopo il sopralluogo dei tecnici del Comune, erano arrivate rassicurazioni in merito alla struttura, crollata sabato scorso. Se esiste un legame tra la tragedia di collina Timpone e quella di Matera, lo si può trovare, prima di tutto, nelle parole di Lucia e di Annamaria.
Una paura sedata dalle rassicurazioni di chi è esperto in materia. Una tragedia annunciata e che solo a posteriori riesce a trovare una spiegazione. E, a Matera come a Senise, queste spiegazioni si troveranno nelle macerie e nelle scartoffie, quando però, sarà ormai troppo tardi per porvi rimedio.
E, allora, Senise non ha insegnato niente. “Delitto previsto” titolò il Corriere delle Sera all’indomani della tragedia senisese. “Ancora una volta Destino e Fatalità non centrano nulla” scrisse Cesare De Seta. Gli edifici inghiottiti dalla frana di collina Timpone erano costruiti su terra che si sbriciolava tra le mani, in un territorio, di circa 12 ettari che, nel complesso, fu scenario dello smottamento, in cui si costruiva con regolari licenze edilizie. Nel marzo del 1985, come scrisse Arturo Guastella sul Messaggero, “l’ufficio tecnico di Senise e il Genio Civile compirono uno studio geologico sulla collina e diedero l’allarme. La Regione Basilicata, ricevute le relazioni, chiese un prestito di 4 miliardi per consolidare la collina”. Ma la collina non attese il prestito prima di venire giù. La situazione, da un punto di vista tecnico, era precipitata a causa delle erosioni che la collina aveva subito nel corso delle alluvioni tra l’84 e l’85. A questo si aggiungevano frane preesistenti e la presenza di falde acquifere che richiedevano interventi considerati “urgenti” prima del 26 luglio 1986. Negli ultimi sette anni Senise aveva ottenuto dalla Regione oltre due miliardi per lavori di consolidamento delle abitazioni. Tutti sapevano. “Siamo un paese di corta memoria”scrisse Giorgio Nebbia sulla Gazzetta del Mezzogiorno. Nessun provvedimento era stato preso, se non il consiglio benevolo di non costruire sulla collina. E di quel consiglio, oggi, resta la macchia gialliccia intervallata dai muri di consolidamento realizzati a posteriori.
Troppo tardi per evitare la tragedia. O troppo presto, per evitare che accada di nuovo.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

31/07/2014 - Crolla un casolare di campagna - Settantenne salvato dalla Polizia
31/07/2014 - GdF Lauria:nel mese di luglio segnalate 15 persone per possesso di stupefacenti
31/07/2014 - Chiaromonte, Dca: otto anni di attività
31/07/2014 - Terremoto di 3.5 al confine tra Basilicata e Calabria

SPORT

1/08/2014 - Enzo Mitro: "cercheremo di conquistare sul campo la promozione"
31/07/2014 -  Ripescaggi, l’Az. Picerno è 5° tra le perdenti spareggi di Eccellenza
31/07/2014 - Volley: inizia la nuova avventura della GSI SEPIM POTENZA
31/07/2014 - Memorial Tandoi e Trofeo Ballero: domenica ok per gli esordienti Verre, Girone

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

1/08/2014 Archeo Metaponto, le visite a rischio

Il parco archeologico di Metaponto, per carenza di personale, ''potrebbe essere chiuso senza preavviso''. La Soprintendenza archeologica regionale ha consigliato di ''chiedere conferma telefonando al numero 0835745327''. L'orario di apertura, ogni giorno, è dalle 9 a un'ora prima del tramonto. Resi noti gli orari per Venosa, dove ''solo nei giorni di sabato e domenica, nel mese di agosto, sarà possibile visitare il parco archeologico dalle ore 9 alle 19'', Grumento Nova e Policoro.

31/07/2014 Bevono e guidano sulla Jonica: 3 denunce

Tre automobilisti sono stati denunciati in stato di libertà alla magistratura dai Carabinieri che, dallo scorso fine settimana all'alba di oggi, hanno controllato centinaia di autoveicoli soprattutto sulla statale ''Jonica'' e sulle strade di Policoro, Scanzano Jonico, Nova Siri e Rotondella. Dall'inizio dell'anno nella zona di Policoro i Carabinieri hanno accertato 16 violazioni per guida in stato di ebbrezza alcolica (12 penali e quattro amministrative).

31/07/2014 Per lavori urgenti su condotta, sospensione idrica c.de a Potenza, 31.07.2014

Per consentire urgenti lavori di riparazione della condotta idrica distributrice in contrada Cugno della Rossa, è necessario sospendere l'erogazione idrica dalle ore 11:30 e fino ad ultimazione dei lavori presumibilmente alle ore 19:00, salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Cugno della Rossa, Bosco Grande, Bosco Piccolo, Demanio san Gerardo e zone limitrofe.

Per fame o per amore
di Mariapaola Vergallito

Vorrei fare alcune considerazioni rispetto alla vicenda che sta alimentando una discussione non poco accesa a Senise intorno alla possibile realizzazione di un impianto per il trattamento dei rifiuti indifferenziati. Una discussione, a detta di alcuni amministratori, tra cui il sindaco, “prematura” visto che ancora non è stato presentato, dalla società interessata, il progetto esecutivo. Rispetto a questo da più parti è stata sollevata la polvere del rammari...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo