SERVIZI

FOTO

COMMUNITY

 

 Chat

 

TERRITORIO

 

Da Matera a Senise: 'Siamo un paese di corta memoria'

14/01/2014



“Allora io glielo dissi al genio civile. Mettetemi nell’elenco. Se devo lasciare la casa la lascio. Io non sono attaccata a queste quattro mura. E’ vero: abbiamo lavorato una vita io e mio marito per tirarle su. Ma se c’è pericolo che la casa crolli in testa ai miei figli, ce ne andiamo subito. Mettetemi nell’elenco. Loro si misero a ridere. Mi dissero: signora, dove vuole andare? E’ diventata matta? Qui può dormire tranquilla”. Il giornalista Rocco Di Biasi dell’Unità, raccontava così il terribile atto di accusa della signora Lucia Durante. Era il 23 agosto del 1986. Meno di un mese prima, il 26 luglio, alle 4.15 di quell’alba tragica, il terribile smottamento di collina Timpone a Senise, aveva portato con sé le “quattro mura” della sua casa. E quelle quattro mura erano crollate davvero sulla testa dei suoi tre figli, uccidendoli. Giuseppe, 14 anni; Maria, 11; Maddalena, 5. Tre, delle otto vittime della frana di Senise. Chi ha vissuto quei momenti avrà sicuramente ricordato le parole di Lucia quando, pochi giorni fa, una delle sopravvissute al crollo della palazzina di Matera, la signora Annamaria, ha raccontato come, dopo il sopralluogo dei tecnici del Comune, erano arrivate rassicurazioni in merito alla struttura, crollata sabato scorso. Se esiste un legame tra la tragedia di collina Timpone e quella di Matera, lo si può trovare, prima di tutto, nelle parole di Lucia e di Annamaria.
Una paura sedata dalle rassicurazioni di chi è esperto in materia. Una tragedia annunciata e che solo a posteriori riesce a trovare una spiegazione. E, a Matera come a Senise, queste spiegazioni si troveranno nelle macerie e nelle scartoffie, quando però, sarà ormai troppo tardi per porvi rimedio.
E, allora, Senise non ha insegnato niente. “Delitto previsto” titolò il Corriere delle Sera all’indomani della tragedia senisese. “Ancora una volta Destino e Fatalità non centrano nulla” scrisse Cesare De Seta. Gli edifici inghiottiti dalla frana di collina Timpone erano costruiti su terra che si sbriciolava tra le mani, in un territorio, di circa 12 ettari che, nel complesso, fu scenario dello smottamento, in cui si costruiva con regolari licenze edilizie. Nel marzo del 1985, come scrisse Arturo Guastella sul Messaggero, “l’ufficio tecnico di Senise e il Genio Civile compirono uno studio geologico sulla collina e diedero l’allarme. La Regione Basilicata, ricevute le relazioni, chiese un prestito di 4 miliardi per consolidare la collina”. Ma la collina non attese il prestito prima di venire giù. La situazione, da un punto di vista tecnico, era precipitata a causa delle erosioni che la collina aveva subito nel corso delle alluvioni tra l’84 e l’85. A questo si aggiungevano frane preesistenti e la presenza di falde acquifere che richiedevano interventi considerati “urgenti” prima del 26 luglio 1986. Negli ultimi sette anni Senise aveva ottenuto dalla Regione oltre due miliardi per lavori di consolidamento delle abitazioni. Tutti sapevano. “Siamo un paese di corta memoria”scrisse Giorgio Nebbia sulla Gazzetta del Mezzogiorno. Nessun provvedimento era stato preso, se non il consiglio benevolo di non costruire sulla collina. E di quel consiglio, oggi, resta la macchia gialliccia intervallata dai muri di consolidamento realizzati a posteriori.
Troppo tardi per evitare la tragedia. O troppo presto, per evitare che accada di nuovo.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

20/04/2014 - “Matera 2019 Insieme”,l’inno della candidatura a capitale della cultura
19/04/2014 - Melfi: agguato nel centro commerciale, gambizzato un uomo
19/04/2014 - Deposito scorie: rispunta la Basilicata
19/04/2014 - Avigliano,maltrattava moglie e figli - arrestato dalla Squadra Mobile

SPORT

19/04/2014 - Ciclismo: lunedì la 54/a 'Ss.Annunziata'
18/04/2014 - TdR C5 M: la Basilicata si arrende alle Emilia nei quarti ed esce dal torneo
18/04/2014 - Serie D: Il derby rovinato dalla pioggia
17/04/2014 - Serie D: il Brindisi espugna il Fittipaldi nell'ultima casalinga del Francavilla

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/04/2014  Bawer Olimpia Matera,cordoglio per la scomparsa del padre di C. Cantone

La Bawer Olimpia Matera ha appreso con vivo rammarico la notizia della scomparsa del padre di Carlo Cantone, Nicola, avvenuta ieri a Sant'Antimo (NA). Il Presidente, il Consiglio Direttivo, il coach e i compagni di gioco, gli staff tecnico, sanitario e organizzativo e l'ufficio stampa della società sportiva, si stringono commossi a Carlo e ai suoi familiari, formulando l'espressione del più sincero cordoglio.

19/04/2014 Aql , verifica condotta idrica di Grottole

A seguito degli eventi metereologici dei giorni scorsi, la condotta adduttrice Agri-Frida in arrivo all’abitato di Grottole, è stata parzialmente scalzata dall’ondata di piena del fiume Basento. Per lo stesso motivo, i tecnici di Acquedotto Lucano, dopo aver effettuato il sopralluogo venerdì 18 aprile 2014, ed accertato i gravi danni subiti
dalla condotta, hanno evidenziato l'impossibilità di intervento.Oggi, i tecnici, già in prima mattina, si sono recati sul posto per verificare il sussistere delle condizioni tecniche e di sicurezza per effettuare i necessari lavori di riparazione della condotta adduttrice al fine di ripristinare l’erogazione idrica nell’abitato di Grottole. Nel contempo già da ieri Acquedotto Lucano ha garantito il servizio sostitutivo con autobotti, ulteriormente potenziato oggi con l’aggiunta di una terza vettura. Seguiranno ulteriori comunicazioni in merito all’evolversi dei lavori.

19/04/2014 Basilicata Pittoresque aperta nei giorni di Pasqua

In occasione delle festività pasquali di domenica 20 e lunedì 21 aprile, il Museo Archeologico dell’Alta Val d’Agri sito nella lussureggiante location del bosco del Principe (contrada Spineta) di Grumento Nova, rimarrà fruibile ai visitatori nei consueti orari di apertura, dalle 9.00 alle 20.00. In queste date il Museo continuerà ad ospitare la mostra fotografica di Filippo Verova, “Basilicata Pittoresque”.

La nostalgia e la civiltà del vicolo
di Mario Ricciardulli*

Eravamo piccoli, uscivamo dalla guerra e i nostri padri andavano in Svizzera, Francia e in America. La povertà ci circondava, sotto l'arco si dormiva sui cartoni nelle notti d'estate, nelle case vigeva una promiscuità tra animali ed uomini, non esistevano i servizi igienici e i bambini giocavano per strada sotto lo sguardo vigile e affettuoso degli anziani. L'adulto era rispettato ed ascoltato e l'amicizia solidale regnava tra le famiglie. Pullulava di gente...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo