HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

La storia di Vincenzo: una promozione scolastica che diventa vittoria sociale

15/07/2013



Questa è la storia di una vittoria, che viaggia attraverso un traguardo importante di un ragazzo che, nonostante le difficoltà, è riuscito a raggiungere un obiettivo importante e sacrosanto. Non si tratta, si badi bene, solo del trionfo di una singola persona, ma di un successo sociale. Così come, al contrario, se la stessa vicenda fosse capovolta e se, invece che di vittoria, si fosse trattato di una sconfitta, questo status sarebbe appartenuto non solo e non tanto al singolo, ma ad un’intera comunità.
E’ una storia che arriva da Terranova di Pollino e che ci viene raccontata da Piera Gornati, una delle insegnanti della Scuola “Don Milani”.
“Vincenzo- scrive Piera Gornati- il ragazzo pluribocciato dalla scuola del suo paese, alunno della scuola familiare Don Milani, presentatosi come privatista alla scuola statale di Bari Palese, è stato promosso. Le tappe di questa rivincita sono state dure, ma il traguardo è stato raggiunto. Tutto ha inizio dal racconto che la madre di Vincenzo fa alla sua anziana maestra elementare. Suo figlio è stato bocciato per la seconda volta in seconda media e non vuole più andare a scuola. Insieme con lui sono stati bocciati altri quattro ragazzi in prima media e due per la seconda volta. Davanti a dati di dispersione scolastica così elevata, il 25%, sorge spontanea una domanda: cosa fare? Impossibile insistere con i ragazzi per obbligarli a frequentare la scuola pubblica. Anche perché si corre il rischio di sottoporli ad ulteriori umiliazioni. Il loro rifiuto è netto! La scuola è obbligatoria, ma il diritto-dovere dell’istruzione dei figli è dei genitori. Così parlando con amici ed associazioni scolastiche si fa strada l’idea di organizzare una scuola parentale. Il genitore può farsi carico dell’istruzione dei figli in prima persona o delegare a persone competenti questo compito. Si può tentare questa strada per non buttare fuori dalla scuola questi ragazzi e queste ragazze ormai demotivati e sfiduciati. Alla base di questa scuola ci devono essere: fiducia negli educatori; volontà d’imparare dei ragazzi; impegno e professionalità degli insegnanti. Dopo alcuni incontri si decide di partire supportati da altre esperienze che avvengono un po’ in tutta Italia (il Gruppo Scuola Abele a Torino ed altre scuole che s’ispirano a Don Milani). Cammin facendo il gruppo docenti si infoltisce, la stima reciproca aumenta, i ragazzi s’impegnano e i genitori seguono da vicino i figli. Non mancano incomprensioni e momenti di stanchezza, ma lo sforzo per superarli da parte di tutti è notevole. Così un passo alla volta si va avanti. Ora guardandoci indietro ci si accorge che sono stati fatti passi da gigante. Vincenzo deve sostenere l’esame di stato del primo ciclo di istruzione . Si prendono contatti con varie scuole. Si sceglie Bari perché un docente stabilisce una specie di gemellaggio con la nostra scuola. Viene con la sua classe in gita scolastica a Terranova di Pollino. Ci si incontra, ci si conosce, si crea amicizia e si decide di vivere insieme la tappa degli esami. Vincenzo infatti sostiene gli esami presso di loro. Al termine dell’esecuzione con il flauto dolce del coro “ Va pensiero” da parte di Vincenzo, i professori e il presidente della Commissione applaudono. Terminati gli esami si congratulano per la preparazione. La gioia e la commozione sono grandi. Una scuola pubblica aveva commesso un’ingiustizia e un’altra scuola pubblica ha riparato l’offesa”.



ALTRE NEWS

CRONACA

25/04/2018 - Palazzo San Gervasio: sit-in contro l'oppressione ma i cronisti vengono cacciati
25/04/2018 - Dramma a Potenza: un uomo uccide il figlio e poi si toglie la vita
25/04/2018 - Ha origini lucane una delle vittime di Toronto
25/04/2018 - Senise,denunciate sei persone a piede libero

SPORT

25/04/2018 - Olimpia Matera si prepara per Gara 1 dei quarti dei Playoff a Cassino
24/04/2018 - MTB: la IV Calanchi Bike scalda i motori, appuntamento al 6 maggio
24/04/2018 - Geosat:passata l’euforia post salvezza, le prime riflessioni per coach Falabella
24/04/2018 - Prima Ctg/B: l’Atletico Lauria espugna Montescaglioso

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/04/2018 Da domani a Matera screening cardiovascolari gratuiti per tutti i cittadini

Da domani 26 aprile al 28 Aprile la città di Matera sarà la sesta tappa della Campagna Nazionale Itinerante di Prevenzione Cardiovascolare Truck Tour Banca del Cuore 2018, che andrà in 32 città italiane con screening cardiologici gratuiti per tutti. Le invio in allegato il comunicato stampa dell'iniziativa di prevenzione cardiovascolare che si terrà a Matera nei prossimi giorni.
Attraverso questa campagna, promossa Dalla Fondazione per il Tuo cuore Dei Medici cardiologi Ospedalieri, per tre giorni tutti I cittadini di Matera avranno la possibilità di sottoporsi a screening cardiologici gratuiti su un jumbo truck appositamente allestito a Piazza Vittorio Veneto.

24/04/2018 Sospensione Erogazione Idrica

Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Mezzana, contrada Ciciniello e zone limitrofe resterà sospesa fino alle ore 23:45 di oggi salvo imprevisti.

24/04/2018 Melfi, giovedì inaugurazione del Parco del Millenario

Melfi celebra la giornata mondiale della terra con l’inaugurazione del Parco del Millenario grazie all’iniziativa “Rotary per la sostenibilità ambientale del pianeta”. Taglio del nastro il 26 aprile alle ore 10,30 in Via Passannante, alla presenza del Presidente del Rotary Club di Melfi, Angelo Di Muro, del Vicesindaco, Raffaele Nigro, altre Autorità civili e militari e degli Istituti Scolastici di Melfi.

“Il Rotary Club ed il Comune di Melfi hanno accolto così l’invito del Presidente Internazionale- ha detto Di Muro- di piantare un albero per ogni socio. Il Rotary Club di Melfi forte di 49 soci effettivi ed uno onorario ha deciso di piantare 50 querce rosse in un’area concessa dal Comune di Melfi. Con l’occasione il Parco è nato denominato Parco del Millenario per celebrare i mille anni di Melfi

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo