HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

La storia di Vincenzo: una promozione scolastica che diventa vittoria sociale

15/07/2013



Questa è la storia di una vittoria, che viaggia attraverso un traguardo importante di un ragazzo che, nonostante le difficoltà, è riuscito a raggiungere un obiettivo importante e sacrosanto. Non si tratta, si badi bene, solo del trionfo di una singola persona, ma di un successo sociale. Così come, al contrario, se la stessa vicenda fosse capovolta e se, invece che di vittoria, si fosse trattato di una sconfitta, questo status sarebbe appartenuto non solo e non tanto al singolo, ma ad un’intera comunità.
E’ una storia che arriva da Terranova di Pollino e che ci viene raccontata da Piera Gornati, una delle insegnanti della Scuola “Don Milani”.
“Vincenzo- scrive Piera Gornati- il ragazzo pluribocciato dalla scuola del suo paese, alunno della scuola familiare Don Milani, presentatosi come privatista alla scuola statale di Bari Palese, è stato promosso. Le tappe di questa rivincita sono state dure, ma il traguardo è stato raggiunto. Tutto ha inizio dal racconto che la madre di Vincenzo fa alla sua anziana maestra elementare. Suo figlio è stato bocciato per la seconda volta in seconda media e non vuole più andare a scuola. Insieme con lui sono stati bocciati altri quattro ragazzi in prima media e due per la seconda volta. Davanti a dati di dispersione scolastica così elevata, il 25%, sorge spontanea una domanda: cosa fare? Impossibile insistere con i ragazzi per obbligarli a frequentare la scuola pubblica. Anche perché si corre il rischio di sottoporli ad ulteriori umiliazioni. Il loro rifiuto è netto! La scuola è obbligatoria, ma il diritto-dovere dell’istruzione dei figli è dei genitori. Così parlando con amici ed associazioni scolastiche si fa strada l’idea di organizzare una scuola parentale. Il genitore può farsi carico dell’istruzione dei figli in prima persona o delegare a persone competenti questo compito. Si può tentare questa strada per non buttare fuori dalla scuola questi ragazzi e queste ragazze ormai demotivati e sfiduciati. Alla base di questa scuola ci devono essere: fiducia negli educatori; volontà d’imparare dei ragazzi; impegno e professionalità degli insegnanti. Dopo alcuni incontri si decide di partire supportati da altre esperienze che avvengono un po’ in tutta Italia (il Gruppo Scuola Abele a Torino ed altre scuole che s’ispirano a Don Milani). Cammin facendo il gruppo docenti si infoltisce, la stima reciproca aumenta, i ragazzi s’impegnano e i genitori seguono da vicino i figli. Non mancano incomprensioni e momenti di stanchezza, ma lo sforzo per superarli da parte di tutti è notevole. Così un passo alla volta si va avanti. Ora guardandoci indietro ci si accorge che sono stati fatti passi da gigante. Vincenzo deve sostenere l’esame di stato del primo ciclo di istruzione . Si prendono contatti con varie scuole. Si sceglie Bari perché un docente stabilisce una specie di gemellaggio con la nostra scuola. Viene con la sua classe in gita scolastica a Terranova di Pollino. Ci si incontra, ci si conosce, si crea amicizia e si decide di vivere insieme la tappa degli esami. Vincenzo infatti sostiene gli esami presso di loro. Al termine dell’esecuzione con il flauto dolce del coro “ Va pensiero” da parte di Vincenzo, i professori e il presidente della Commissione applaudono. Terminati gli esami si congratulano per la preparazione. La gioia e la commozione sono grandi. Una scuola pubblica aveva commesso un’ingiustizia e un’altra scuola pubblica ha riparato l’offesa”.



ALTRE NEWS

CRONACA

23/02/2018 - Caiata indagato per riciclaggio
23/02/2018 - Melfi: truffa agli anziani, una denuncia
23/02/2018 - Lavoratori Eipli senza stipendio, sindacati: 'pronti a bloccare gli impianti'
22/02/2018 - Energia. Federconsumatori su ipotesi di addebito in bolletta

SPORT

23/02/2018 - Basket Serie B, l’Olimpia va a Ortona e pensa alla zona playoff
22/02/2018 - Seconda Ctg/C: un trio al comando
22/02/2018 - Prima Ctg/B: l’Atletico Lauria resta al comando
22/02/2018 - A San Severino lucano ritorna la coppa delle nevi

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/02/2018 Sospensione idrica in Basilicata 23 Febbario 2018

Lavello: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Pescarello sarà sospesa dalle ore 08:30 di oggi fino al termine dei lavori.
Brienza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Montecalvario e via Sasso sarà sospesa dalle ore 14:00 alle ore 18:00 di oggi salvo imprevisti.

22/02/2018 Sospensioni Erogazioni Idriche

San Fele: per portare a termine i lavori di riparazione delle perdite idriche, , l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: via Faggella, via De Jacobis, corso Umberto I, via Nocicchio, via Canosa e strada comunale Pergola.

Grassano: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Pirrone sarà sospesa dalle ore 19:00 di oggi fino al termine dei lavori.

22/02/2018 Sospensione idrica Basilicata 22-02-2018

Bella: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 06:00 di domani mattina salvo imprevisti.

Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo