HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Incendio nella Centrale del Mercure. Sindaco di Viggianello:'vogliamo i referti'

10/07/2013



Se ne sono accorti alcuni cittadini di Viggianello mentre stavano lavorando nei campi. Dall’interno della Centrale del Mercure fuoriusciva del fuoco e, racconta il sindaco di Viggianello Vincenzo Corraro, accorso sul posto “oltre ai Vigili del Fuoco sono intervenuti anche i sanitari del 118 perché alcune persone si sono sentite male, intorno si avvertiva in maniera molto forte un odore acre che sapeva di plastica bruciata”. Sembra, da quanto comunica anche la Ola (Organizzazione Lucana Ambientalista) che a prendere fuoco siano state alcune strutture all’interno della centrale del Mercure dove erano in corso prove di funzionamento. Le fiamme si sarebbero propagate – secondo testimoni accorsi sul posto richiamati dal fumo, dalle fiamme e dalle sirene dei vigili del fuoco – nei pressi dei carrelli trasportatori della biomassa e si sarebbero estese anche ad altre strutture. “Un episodio grave che ci allarma ancora di più- dice Corraro- ho provveduto immediatamente a richiedere il referto di quanto accaduto, anche perché in ben due ore di attesa, ieri, non abbiamo ricevuto alcuna informazione”.
La Ola chiede che gli organi di controllo facciano chiarezza sull’accaduto che potrebbe aver coinvolto le strutture ancora non bonificate di amianto all’interno del perimetro della centrale. Un episodio - fa rilevare la Ola – che mostra la pericolosità di un impianto inattivo per anni che Enel vorrebbe mettere in funzione ad ogni costo all’interno del parco nazionale del Pollino, contro le volontà dei cittadini della Valle del Mercure e delle amministrazioni comunali di Rotonda e Viggianello.

MpV
Lasiritide.it





"Un’esplosione. Le fiamme. Una nuvola nera. La gente in ospedale con malori e sintomi vari. Squadre di Vigili del Fuoco da Lauria e Castrovillari. Le Forze dell’Ordine a presidiare e indagare. L’allarme sociale altissimo. I Sindaci in stato di allerta e le popolazioni in fermento. Cosa è realmente successo nella centrale dell’Enel della Valle del Mercure? Cosa ha respirato la gente che abita attorno? Cosa si è depositato sui prodotti agro-alimentari coltivati nella Valle? E l’amianto, presente nella centrale, è stato interessato dal problema? La sciagurata vicenda della centrale del Mercure -un catorcio arrugginito, gonfio di amianto- continua a creare problemi gravissimi alle innocenti popolazioni della Valle, in nome dello spregiudicato e rapace sfruttamento del territorio che l’Enel, col suo progetto, continua ostinatamente a voler portare avanti. Ad onta della realtà dei fatti, della volontà delle popolazioni e dei Sindaci, degli interessi dei cittadini della Valle. Si comporti di conseguenza, finalmente, anche il Presidente del Parco, Pappaterra, così solerte, invece, ad accogliere i desideri dell’Enel e ad assecondarne le strategie processuali, come è accaduto con l’adesione che l’Ente Parco ha dato alla richiesta di rinvio dell’udienza del TAR del 21 giugno scorso. Mentre rimane del tutto disattesa la sentenza del Consiglio di Stato che risale ormai all’agosto 2012, che boccia, irrimediabilmente, il progetto della riapertura della centrale.
Rimane il fatto che la situazione, nella valle del Mercure, è sempre più intollerabile e che ai rischi futuri si assommano quelli presenti, a minare la serenità sociale di un intero territorio. Cosa altro bisognerà aspettare perché l’Enel faccia finalmente quello che è negli auspici –ma anche nell’interesse e nel diritto- delle popolazioni?, rinunciare definitivamente al suo folle progetto e smantellare una volta per tutte il mostro del Mercure".
10 luglio 2013

Forum “Stefano Gioia”
delle Associazioni e Comitati calabresi e lucani
per la tutela della Legalità e del Territorio


foto: Forum per la tutela della legalità e del territorio Stefano Gioia e Enzo Peluso



ALTRE NEWS

CRONACA

20/01/2017 - Immigrazione emergenza infinita: riaprirà il Cie di Palazzo San Gervasio?
20/01/2017 - Polstrada scorta donna incinta bloccata nel traffico verso l’ospedale
20/01/2017 - Vaccinazioni, la Basilicata ha anticipato il Piano nazionale
20/01/2017 - Card idrocarburi e fondi non erogati: circa 6mila ricorsi

SPORT

20/01/2017 - Centro KOS Potenza,arrivano a Potenza le siciliane del Pro Volley Team Modica
20/01/2017 - Palazzo (cap. Viggianello): ‘Per noi classifica giusta. Obiettivo playoff’
20/01/2017 - Calcio - Milione (cap. Castelluccio): ‘Possiamo ancora arrivare primi’
19/01/2017 - Fc. Senise di Calcio a 5, sabato in trasferta ospite del Futsal Marsico

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/01/2017 Sospensioni idriche 20 gennaio

-Maschito: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 20:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina
-Melfi: a causa di un guasto improvviso è in corso la sospensione dell'erogazione idrica, che riprenderà al termine dei lavori di riparazione.
-A causa di un guasto, l'erogazione idrica nella zona alta di Grassano potrebbe essere sospesa o subire cali di pressione dalle ore 18 di oggi fino a conclusione dei lavori.
-Per consentire il recupero dei livelli dei serbatoi, l'erogazione idrica nell'abitato di Acerenza sarà sospesa dalle ore 21 di oggi alle ore 7 di domani mattina. Nelle contrade Santa Domenica, Pipoli, Finocchiaro, Macchione e Santa Germana sarà sospesa dalle ore 20 di oggi alle ore 8 di domani mattina.Ad Acerenza, per consentire il recupero dei livelli dei serbatoi, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 20 di oggi alle ore 8 di domani mattina nelle sole contrade Santa Domenica, Pipoli, Finocchiaro, Macchione e Santa Germana. L'abitato sarà regolarmente servito.

20/01/2017 Al, sospensione erogazione idrica in contrade di Potenza

A causa di un guasto improvviso verificatosi in agro di Potenza, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10 alle ore 13 di oggi nelle seguenti contrade di Potenza: Cortese, Dragonara, Giarrossa e zone limitrofe.
Lo rende noto Acquedotto Lucano.

19/01/2017 Sospensione idrica a Grassano e Grottole

Grassano, Grottole: a causa di un guasto improvviso verificatosi in località Serre, l'erogazione idrica resterà sospesa fino a conclusione dei lavori di riparazione.

Il sistema di accoglienza è una bomba. La miccia chi ce l'ha?
di Mariapaola Vergallito

Quello che è accaduto e che, anzi, sta accadendo da tempo a Chiaromonte, un paese che ha dimostrato di saper accogliere i migranti che, a loro volta, hanno dimostrato di poter convivere con le comunità , è un serio campanello d’allarme, non il primo, rimasto fino ad ora inascoltato dalle istituzioni, Prefettura in primis. Lo denunciano, da mesi, gli amministratori e lo segnalano i cittadini, sulla cui testa, spesso, pende la spada delle decisioni non concer...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo