HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Regione Basilicata: Ue sblocca 30 mln

13/06/2013



Circa 30 milioni di euro di quota comunitaria relativi alla programmazione Po Fse 2007-20013 saranno assegnati già nei prossimi giorni alla Regione Basilicata. Lo ha reso noto oggi Nicolas Gibert-Morin, capo Unità della Commissione Europea – Direzione Generale Occupazione, intervenendo a Matera al Comitato di Sorveglianza del Po Fse Basilicata che ha tracciato un bilancio dei risultati sin qui ottenuti e si è soffermato sulla futura programmazione. Morin ha sottolineato che lo sblocco e la riapertura del flusso finanziario si rende possibile in virtù del buon lavoro svolto dalla Regione Basilicata che ha apportato le giuste misure correttive, risanando la situazione dal punto di vista della gestione e del controllo. Infatti il Dipartimento nazionale per lo Sviluppo e la Coesione Economica attesta che la media nazionale di spesa certificata sui Fondi Europei è pari al 40 %, mentre la Basilicata, al 31 maggio 2013, si attesta al 59 %.
Nel 2012 la programmazione si è concentrata principalmente sulla lotta alla disoccupazione, sull’integrazione socio lavorativa dei soggetti deboli, sugli interventi per l’adattabilità di imprese e lavoratori. Una grossa attenzione è andata anche alla realizzazione di specifiche attività di formazione finalizzate allo sviluppo della capacità di inserimento professionale.
Per fronteggiare la pesante fase recessiva, al 31 dicembre 2012, sono stati impegnati 231 milioni di euro pari al 71% della programmazione totale. Gli Assi rispetto ai quali si è registrata una capacità d’impegno più consistente sono quello dedicato all’accessibilità al mercato del lavoro (84%) e quello per l’inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati, andato addirittura in overbooking (101%). Le spese certificate alla Commissione Europea, a fine 2012, sono state di 173 milioni di euro. Un dato questo che consente il raggiungimento degli obiettivi di spesa.
Il Comitato ha preso in esame anche il quadro di principi e metodi da attuare per il nuovo ciclo di programmazione. Un documento sulla a logica di programmazione Fse 2014 -2020, realizzato con il supporto del Formez, ne fissa i capisaldi: competenze di base e successo formativo; creazione e sviluppo dell’occupazione; inclusione sociale attiva; strategie di innovazione; capacità amministrativa.
Partendo da questi obiettivi, attraverso un nuovo schema logico in linea con i più recenti Regolamenti comunitari, si giungerà alla vera fase di programmazione, basata sul confronto e l’esercizio della governance con i diversi soggetti di rappresentanza. Tali principi sono fra loro logicamente legati e faranno da sfondo alla definizione dei singoli obiettivi specifici e alla relativa allocazione delle risorse economiche, un compito questo che sarà affrontato nei prossimi mesi. Il documento, che va inteso come proposta di avvio del lavoro di programmazione, rappresenta quindi una base tecnica di riflessione costruita con un forte riferimento ai principi di integrazione, di concentrazione e finalizzazione d’uso delle risorse. Al di là dei suoi esiti immediati tale documento segna l’avvio di un nuovo metodo di lavoro finalizzato a garantire nel futuro, in sede di attuazione 2014-2020, una più forte capacità mirata di intervento.
Hanno preso parte, tra gli altri, alla riunione del Comitato di Sorveglianza: l’assessore Roberto Falotico, il direttore generale del Dipartimento Formazione, Cultura e Sport e Autorità di Gestione Liliana Santoro, il Capo Unità della Commissione Europea – Direzione Generale Occupazione Nicolas Gibert – Morin, il funzionario della Commissione europea per la Regione Basilicata, Egidio Campoli e il funzionario del Ministero del Lavoro Angela Altieri.
Tra gli argomenti all’ordine del giorno: l’approvazione del Rapporto Annuale di Esecuzione 2012 e lo stato di avanzamento del Programma Operativo nel 2012.
Al centro dell’attenzione anche una buona pratica sulla certificazione degli standard professionali, formativi e di attestazione delle competenze per la quale la Basilicata è una delle poche Regioni in Italia ad avere un sistema innovativo.




Fse, gli obiettivi raggiunti con la programmazione 2012

Sono circa 43mila i destinatari di operazioni finanziate dal Programma Operativo Fse nel periodo 2007 – 2013. Quasi la metà sono donne. Tra i beneficiari oltre il 50% sono nella fascia d’età tra 15 e 24 anni. In relazione ai titoli di studio si registra inoltre una netta prevalenza (69%) di persone che hanno conseguito il titolo di studio rilasciato dalla scuola dell’obbligo. Tra questi emerge inoltre una forte prevalenza di persone che non hanno mai lavorato pari al 53%.
Per quanto riguarda la programmazione 2012 queste le azioni più significative avviate in riferimento ai singoli Assi.
Asse I: formazione continua nelle imprese e apprendistato professionalizzante.
Asse II: avvisi pubblici per il microcredito; credito d’imposta per l’assunzione di lavoratori svantaggiati.
Asse III: interventi di inclusione sociale e lavorativa dei destinatari del Programma Copes per il contrasto delle condizioni di povertà; attivazione del Catalogo dei corsi di formazione per disabili; avviso pubblico per le donne riguardanti la conciliazione dei tempi di vita e lavoro e le condizioni di sfruttamento e violenza.
Asse IV: azioni per l’innalzamento della qualità del sistema regionale dell’istruzione; attivazione di percorsi di alternanza scuola lavoro per gli studenti delle scuole superiori; definizione del Catalogo regionale dell’Alta formazione; realizzazione di percorsi formativi per la creazione di impresa; sostegno all’alta formazione, attraverso il rilascio di voucher per la partecipazione a master post universitari e a scuole di specializzazione post laurea; sostegno a dottorandi di ricerca.
Asse V: finanziamento iniziative sulla mobilità transnazionale e interregionale per lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali; avviso pubblico per la presentazione di progetti per il rafforzamento della rete dei Centri per la Creatività della Basilicata.



ALTRE NEWS

CRONACA

23/04/2019 - Costa su arresto dirigente Eni in Basilicata: 'lo Stato c'è'
23/04/2019 - Lavello. Furto al Bar: 1 arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale e 2 denunce
23/04/2019 - Controlli Polizia a Matera. Due persone arrestate e una denunciata
23/04/2019 - Basilicata, petrolio contaminato in Val D'Agri: un arresto

SPORT

23/04/2019 - Ciclismo: medaglia d'oro a Baragiano per il giovane Alessandro Verre
23/04/2019 - La Geosat-Geovertical Lagonegro ha domato anche la Menghi Shoes Macerata
21/04/2019 - Karate: Pasqua d'oro a Rabat
20/04/2019 - Ritorna alla vittoria il Potenza Calcio

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/04/2019 Sospensione idrica a Policoro

Policoro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Gorizia sarà sospesa dalle ore 14:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.

21/04/2019 Riaperta al traffico la Strada Provinciale 5 (ex SS 176) nei pressi di Craco

È stata riaperta al transito la Strada Provinciale 5 (ex SS 176), all’altezza del km 4+100, lungo il tratto Pisticci - Craco.
Dopo l’immediata ordinanza di chiusura della strada disposta tre giorni fa a seguito di controlli che evidenziavano un cedimento di un muro andatore sui cui poggia la rampa di accesso al noto ponte Bailey, la Provincia di Matera si è tempestivamente adoperata per mettere in sicurezza quella zona e garantire così la pubblica incolumità degli utenti.
Già ieri mattina, infatti, dopo l’intervento di somma urgenza effettuato, si è proceduto alla riapertura della strada provinciale al transito dei mezzi.

20/04/2019 Sospensione idrica oggi 20 Aprile in Basilicata

Potenza: a causa deld protrarsi dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in contrada Poggio Cavallo, contrada Rossellino, via Rifreddo e via De Nicola resterà sospesa fino alla mezzanotte.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo