HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise: nel Consiglio Comunale decimato si parla di decimali

15/04/2013



“Mercoledì acquisiremo il verbale all’assemblea consiliare e ci rivolgeremo al Prefetto di Potenza perché crediamo di che sia stato leso il diritto della minoranza di poter discutere legittimamente su argomenti che riguardano i cittadini”. Così Francesco Bulfaro, consigliere di opposizione, chiude a fine seduta la seconda convocazione del Consiglio Comunale di Senise, disertato nuovamente dalla maggioranza. Presenti solo, oltre a Bulfaro, Margherita Ferrara e Rocco Graziano che, per l’occasione e, vista l’assenza di Antonio Uccelli, ha vestito le funzioni di presidente del Consiglio. I cittadini, una trentina, arrivano direttamente alle 18. Nell'aria c'era questa seconda diserzione.
Un Consiglio Comunale in cui, per un’abbondante mezz’ora, si è visto dibattere opposizione (principalmente Bulfaro) e il segretario comunale Pierluigi Gesualdi, chiamato a esprimersi sull’esistenza o meno del numero legale necessario in seconda convocazione per dichiarare aperta la seduta. Un terzo dei componenti, precisamente 3,3 su 11 escluso il sindaco,vuol dire 4 o 3? Secondo il segretario, che cita lo statuto comunale, 3 consiglieri non bastano. Secondo Bulfaro, che chiede venga messa a verbale la sua dichiarazione, facendo leva sulla normativa per cifre inferiori a 50 si arrotonda per difetto. La Ferrara, sempre a verbale, chiede se esista una norma che stabilisca l’applicazione per eccesso o per difetto delle quantità previste.
Alla fine una domanda su tutte: Bulfaro chiede al segretario in che modo, a questo punto, una minoranza può esercitare il suo ruolo in sede di Consiglio se è così semplice, per la maggioranza, disertare per ben due volte la seduta e annullare l’ordine del giorno. Per il segretario “le soluzioni le dovete trovare voi di volta in volta”. L’opposizione, a tal proposito, evidenzia la mancata volontà di utilizzare il metodo delle interpellanze o delle interrogazioni che, spiegano, “darebbero tempo alla maggioranza di confezionare le risposte. Troppo comodo. Devono venire a rispondere davanti ai cittadini”.

MpVerg
Lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Affluenza sopra il 50%. I dati dello scrutinio
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Alle 19 l'affluenza intorno al 40%
24/03/2019 - Rionero in Vulture. Due donne tentano furto in auto, ma vengono arrestate
24/03/2019 - Elezioni regionali di Basilicata. I primi dati sull'affluenza

SPORT

24/03/2019 - Serie D, G/H: il Picerno vince ancora e vola in classifica
24/03/2019 - Atletico Lauria, Riccio: ‘Vinto sempre nel rispetto degli avversari’
24/03/2019 - Tre punti fondamentali per il quinto posto della Geosat Geovertical
24/03/2019 - La PM Asci Potenza sconfitta nello scontro diretto con la Pegaso 93

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/03/2019 Calcio 2^ Ctg./C: risultati 17^ giornata

ACS =9 – Real Chiaromonte 1-1
Lanese – Real Grumento 2-1
Sanseverinese – Sporting Lucania 6-2
Proloco Spinoso – City Sport Agromonte 2-3

24/03/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 23^ giornata

Peppino Campagna – A.Montalbano 3-0
VR Episcopia – Città Dei Sassi Matera 1-1
Tramutola – Elettra Marconia 1-1
Irsina – L.Montescaglioso 4-1
Salandra – Montemurro 3-0
Castelsaraceno – Tursi 0-1
Tricarico – Viggianello 6-3

24/03/2019 Risultati campionati Regionali

ECCELLENZA 28 Giornata
Avigliano – Grumentum 0-6
Lavello – Latronico 3-0
Moliterno – Policoro 0-3
Murese – Melfi 1-3
Real Metapontino – Vultur 0-0
Real Senise – Real Tolve 3-0
Ripacandida – Ferrandina 1-1
Montescaglioso – Pomarico 2-0

PROMOZIONE 25^ Giornata
A. Lauria – Miglionico 5-0
Calcio San cataldo – Anzi 3-2
Lu Tito – Castelluccio 3-4
Oppido – Virtus Bella 6-0
Possidente – Paternicum 0-3
RAF Vejanum – Oraziana Venosa 1-1
Santarcangiolese – Brienza 0-2

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo