HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Il crusco Igp accademico: protagonista di una tesi in Biologia

11/04/2019



Il peperone crusco Igp di Senise a confronto con altre cinque tipologie di peperone scelte in tutta Italia: è questo il tema (in sintesi) dell’interessante studio del giovane Emanuele Nicastro, di Vercelli, che si è laureato pochissimi giorni fa alla facoltà di Biologia (applicata alla nutrizione) alla Statale di Milano. Il progetto è all’inizio e riguarda diversi prodotti, non solo il peperone che è quello scelto da Emanuele. L’obiettivo è quello di verificare se questi prodotti, confrontati con la tipologia Igp, conservano le loro caratteristiche anche dopo la lavorazione. “In particolare- spiega- ho lavorato sulle proprietà gustative e aromatizzanti del peperone crusco Igp di Senise esiccato con diversi metodi. La mia Università si è appoggiata all’Istituto Crea (il più importante ente italiano di ricerca sull'agroalimentare, ndr), che ha diversi campi nei quali coltiva i prodotti a marchio Igp, che poi vengono testati e controllati in laboratorio. Io ho lavorato su sei campioni. Oltre a quello di Senise, due campioni provengono da Battipaglia, altri due da Montanaso Lombardo, un quinto che derivava dall’unione degli altri liofilizzati. Il sesto era, appunto, l’Igp comprato proprio nella cittadina di Senise”.
Lo studio puntava a capire a cosa fossero dovute le proprietà gustative del peperone, il cosiddetto gusto Umami, il quinto gusto associato al ‘delizioso’. “Pensavamo che il gusto fosse associato soprattutto all’acido glutammico- spiega Nicastro- che è uno dei particolari componenti del gusto Umami. In realtà nei campioni il contenuto di questo acido è basso e quindi abbiamo escluso che sia questo il componente che offre al peperone le sue proprietà ma sono altri elementi che dovranno essere verificati attraverso studi futuri”.
I prodotti sono stati esiccati in diversi modi: come vuole la tradizione (con le tipiche serte ai balconi sotto il sole estivo); con campioni liofilizzati dove è stata rimossa l’acqua; con l’utilizzo di forni, tra cui uno sperimentale dotato di pannelli solari.
“Il peperone Igp di Senise è un prodotto particolare- continua- Per esempio, essendo della stessa famiglia del pomodoro inizialmente si pensava che i componenti fossero più o meno uguali. Invece nel pomodoro il contenuto di acido glutammico è elevato ed è quello che offre il suo sapore tipico. Nel peperone sono altri gli elementi. E bisognerà scoprirli”.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

26/06/2019 - Basilicata: in un anno scoperti 122 evasori totali
25/06/2019 - Latronico diventa un paradiso fiscale per immigrati in pensione
25/06/2019 - Pignola (PZ): Evade dai domiciliari. Arrestato dai Carabinieri
25/06/2019 - Melfi. Furti: intercettato furgone con 110 pannelli fotovoltaici rubati

SPORT

26/06/2019 - Serie C, Picerno: dalla Turris arriva Vacca
26/06/2019 - Serie C, Picerno: resta anche il bomber Santaniello
26/06/2019 - Elettra Marconia incontra tifosi e imprenditori per presentare la nuova stagione
26/06/2019 - FIPAV Basilicata:TDR 2019, ottimi risultati per la selezione maschile

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

26/06/2019 Sospensione idrica a Senise

Senise: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nella zona industriale sarà sospesa dalle ore 08:30 di oggi fino al termine dei lavori.

25/06/2019 Sospensione idrica a Rapone

Rapone: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Pediglione resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

25/06/2019 Sospensione idrica a Muro Lucano

Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: Raia dei Monaci, via Roma, via don Minzoni, via Appia (alta e bassa), via Serra.

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo