HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Protocollo Centro Oli, Uil: un primo passo verso Tempa Rossa

6/11/2018



"In data odierna presso il Centro Olio di Corleto Perticara “Tempa Rossa” si è tenuta l’assemblea dei lavoratori, alla quale ha partecipato la delegazione della UIL di Basilicata nelle persone di Carmine Vaccaro, Carmine Lombardi e Giovanni Galgano per illustrare i contenuti dell’accordo raggiunto nella tarda serata di ieri presso la Regione Basilicata.
Accordo resosi necessario - si legge in un comunicato sindacale - a seguito dello sciopero con assemblea permanente dei lavoratori licenziati dal Centro Olio di Tempa Rossa e che hanno dato vita ad un presidio notte e giorno per denunciare e manifestare il proprio dissenso a seguito dei suddetti licenziamenti.
Dopo un’ampia discussione, a cui hanno partecipato i rappresentati di Total, Tecnimont, Organizzazioni Sindacali e Sindaci dell’Area, si è giunti ad un’ intesa che prevede un percorso chiaro e ben definito di come dovrà avvenire la smobilitazione prossima del cantiere di Tempa Rossa e soprattutto come dovrà avvenire in maniera contestuale l’avvio della produzione, che dovrà necessariamente previlegiare l’inserimento e il reinserimento dei lavoratori lucani che hanno costruito e contribuito alla realizzazione del Centro Petrolifero di Tempa Rossa.
Questo percorso va monitorato già dai prossimi giorni e dai tavoli che verranno convocati presso la Regione Basilicata già a partire dal 20 novembre per valutare se gli impegni assunti dalle parti siano davvero esigibili e soprattutto se possano rappresentare una risposta vera alle istanze dei lavoratori.
C’è tanto da fare, ma questo fare dovrà necessariamente andare verso la costituzione del Distretto Energetico Lucano, passaggio fondamentale per garantire la piena occupazione anche attraverso la mobilità dei lavoratori ma soprattutto per il trasferimento di know-how, di tecnologie e di sperimentazione di nuove fonti energetiche, elementi indispensabili per garantire stabilità occupazionale, salariale, industriale e ambientale.
L’assemblea dei lavoratori ha approvato all’unanimità l’intesa raggiunta e pertanto è stato rimosso temporaneamente il presidio dei lavoratori in attesa di quel monitoraggio necessario affinché gli impegni siano rispettati".



ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Geosat Geovertical Lagonegro,gli ultimi appuntamenti della regular season
23/03/2019 - Terza giornata del campionato lucano di tennis di serie C
23/03/2019 - Serie D, G/H: la capolista Picerno sul difficile campo della Sarnese
22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo