HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

San Carlo:asportato tumore infiltrante e ricostruita vescica con tecnica robotic

6/11/2018



La terminologia esatta è Cistectomia radicale robotica con confezionamento di neo vescica ileale intra corporea. L’intervento, realizzato per la prima volta in Basilicata e, ad oggi, in pochissimi Centri italiani, è stato eseguito su un paziente di 51 anni, campano, al quale era stato diagnosticato un tumore infiltrante alla vescica. Ad operare sono stati il dottor Roberto Falabella, dirigente medico specializzato in chirurgia robotica della SIC di Urologia dell’A.O.R. “San Carlo”, e il dottor Angelo Porreca, direttore dell’Urologia del Policlinico di Abano Terme. L’intervento è consistito nell’asportazione della vescica, della prostata, delle vescicole seminali e dei linfonodi e, sempre mediante tecnica robotica, nella ricostruzione di una nuova vescica utilizzando un pezzo di intestino di 50 centimetri.
“Il principale vantaggio di eseguire con tecnica robotica questo tipo di intervento - ha spiegato il dottor Falabella – è rappresentato dai tempi di ripresa che, rispetto al metodo tradizionale, sono più che dimezzati”. Invece delle canoniche due settimane, il paziente è stato dimesso dopo solo 6 giorni in ottime condizioni e pronto ad un’immediata ripresa dell’attività quotidiana e lavorativa. “Inoltre – ha aggiunto Falabella – trattandosi di un’operazione altamente demolitiva, con la tecnica robotica non è stato necessario eseguire emotrasfusioni e terapie antidolorifiche”.
“Un risultato importante raggiunto dalla nostra Urologia che consegna ai pazienti lucani e a chi, da fuori regione, sceglierà di venirsi ad operare al San Carlo, una tecnica innovativa che, riducendo tempi e costi di degenza, apporta un doppio beneficio in termini qualitativi, per i cittadini-utenti, e in termini economici, per l’Azienda”, ha dichiarato il direttore sanitario dell’A.O.R. “San Carlo”, il dottor Antonio Picerno. “È lusinghiero – ha aggiunto il direttore sanitario – essere tra i pochi Centri italiani ad eseguire questo tipo di intervento. Un plauso va al dottor Falabella, al dottor Porreca e a tutto lo staff del reparto di Urologia diretto dal dottor Giuseppe Di Sabato: ai dottori Saveriano Lioi, Vincenzo Lorusso, Franco Camillo Ponti e Angela Vita, all’anestetista Grigoraki Evi e al personale infermieristico”, ha concluso Picerno.




ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Geosat Geovertical Lagonegro,gli ultimi appuntamenti della regular season
23/03/2019 - Terza giornata del campionato lucano di tennis di serie C
23/03/2019 - Serie D, G/H: la capolista Picerno sul difficile campo della Sarnese
22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo