HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Polo scolastico unico: Terranova di Pollino non ci sta

12/10/2018



“Ci opponiamo al polo scolastico unico”. Parola della stragrande maggioranza dei genitori di bambini del plesso di Terranova di Pollino che ieri sera hanno riempito la sala consiliare del loro comune. Dietro al tavolo della discussione c’erano, tra gli altri, gli amministratori della valle , il sindaco di Francavilla in Sinni Francesco Cupparo in qualità di presidente delle Aree Interne e la dirigente scolastica. Per capire cosa è accaduto, ricapitoliamo. Nel dicembre del 2017 i sindaci della val Sarmento (San Paolo Albanese, San Costantino Albanese, Noepoli, Terranova, Cersosimo e San Giorgio Lucano) coordinati da Cupparo, avevano deciso di intraprendere la strada del polo scolastico unico per superare il problema delle pluriclassi nei singoli comuni. Con la disponibilità di 1.800.000 euro, la decisione era stata quella di adeguare una struttura di proprietà della Regione ubicata sulla fondo valle del Sarmento nel territorio del comune di San Paolo Albanese (già centro polifunzionale mai in funzione e, successivamente, interessata da altri interventi di riqualificazione nell’ambito del progetto Visioni Urbane per trasformarlo in uno dei ‘Centri per la creatività’ della Regione).
Meno di un mese fa, con la determinazione numero 76, il Comune di San paolo Albanese ha affidato l’incarico professionale per attività di supporto al RUP che, di fatto, sancisce l’inizio del progetto.
“Già mesi prima- si legge in un documento prodotto dai genitori di Terranova del Pollino, nel corso di una riunione avevamo espresso il nostro dissenso. Oggi apprendiamo che il Comune di San Paolo Albanese, con il parere favorevole di tutti i sindaci escluso quello di San Giorgio Lucano, ha avviato la procedura”.
Ma perché i genitori si oppongono?
“Per la posizione geografica isolata- spiegano nel documento- ancora più distante per i bambini che abitano nelle frazioni; perché Terranova di Pollino è un comune di montagna difficilmente raggiungibile nei periodi invernali; perché la struttura in questione si trova nell’alveo del fiume Sarmento, isolato da servizi e centri abitati; perché sulla sicurezza del plesso scolastico di Terranova, dove sono iscritti 54 bambini, sono stati già investiti ben 800mila euro; perché manca l’ok del comune di San Giorgio Lucano che sarebbe un tassello importante, in termini numerici, per eliminare le pluriclassi”.
Queste le ragioni, espresse nel corso della riunione, a tratti molto accesa e alla fine della quale il sindaco di Terranova, Francesco Ciancia, nel rispetto della volontà dei suoi cittadini, ha detto che delibererà per uscire dal progetto.

A margine di questo è giusto ricordare che, storicamente, questo non è il primo progetto di realizzazione di un polo scolastico unico in Val Sarmento. Era il 1999 e la Provincia di Potenza aveva messo a disposizione delle risorse (c’erano 10 miliardi) sia per realizzare il polo scolastico sia per il sistema di trasporti. Ma l’idea restò tale nonostante, all’epoca, i numeri fossero diversi e sicuramente più alti rispetto a quelli di oggi.

MpVerg
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

25/06/2019 - Latronico diventa un paradiso fiscale per immigrati in pensione
25/06/2019 - Pignola (PZ): Evade dai domiciliari. Arrestato dai Carabinieri
25/06/2019 - Melfi. Furti: intercettato furgone con 110 pannelli fotovoltaici rubati
25/06/2019 - Rottamazione cartelle, in arrivo 1,4 milioni di lettere

SPORT

25/06/2019 - Ciclismo. Elettrico conquista Aprica sognando le Dolomiti
25/06/2019 - Al via la XVI ediz.della “500 km della Basilicata”
24/06/2019 - Presentata a Policoro la ''Academy Picerno''
24/06/2019 -  US Castelluccio: si riparte con il gioiellino Mecca fra i pali

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/06/2019 Sospensione idrica a Rapone

Rapone: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Pediglione resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

25/06/2019 Sospensione idrica a Muro Lucano

Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: Raia dei Monaci, via Roma, via don Minzoni, via Appia (alta e bassa), via Serra.

24/06/2019 Ortofrutta in crisi, firmato un accordo

Per affrontare le conseguenze della "grave crisi commerciale" del settore dell'ortofrutta, Coldiretti Basilicata e Spesì hanno concluso a Policoro (Matera) il "primo accordo di filiera". Lo ha annunciato Coldiretti Basilicata, ricordando che il settore ortofrutticolo ha anche "subito ingenti danni dalle ultime dannose ed eccezionali attività atmosferiche". Il progetto promosso da Coldiretti è denominato "Io sono lucano".

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo