HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Bono Vox a Viggiano? Eppure il legame esiste

11/07/2018



Nel dicembre del 1857 la Basilicata venne sconvolta da un terremoto che distrusse in particolare il territorio della Val D’Agri, perché l’epicentro fu a Montemurro. All’epoca il sisma venne considerato come il terzo terremoto più grande e più dannoso storicamente osservato in Europa (il primo in Italia), e dopo le prime notizie ricevute in Inghilterra si decise l'invio di una spedizione scientifica da parte della Royal Society of London. La spedizione fu guidata dall'ingegnere irlandese Robert Mallet, di Dublino.

Se vi capita di andare a Dublino e avete tra le mani una moneta di 2 euro vedrete che il simbolo scelto è un’arpa. Non solo. Storicamente l’arpa è, per gli irlandesi, non solo il simbolo di una antica tradizione musicale, ma anche simbolo di lotta e di libertà nel nome dell’indipendenza dall’Inghilterra.

Cosa hanno in comune il terremoto in Val D’Agri del 1857 studiato da un ingegnere irlandese e l’arpa simbolo dell’Irlanda, se non il Paese di James Joyce? Apparentemente nulla, se non consideriamo una solida amicizia (oltre che un connubio artistico) tra il ‘’neo viggianese’’ Billie Joe Armstrong leader dei Green Day e fresco del suo viaggio a Viggiano (cittadina della musica e, appunto, dell’arpa) alla scoperta delle radici dei suoi avi e un altro grande leader musicale: l’irlandese Bono Vox. Il leader degli U2 è atterrato nelle scorse ore in Campania per una vacanza in Costiera Amalfitana e pare abbia chiesto informazioni su questo paese lucano (Viggiano) che tanto ha incantato Billie Joe e famiglia (stanno arrivando, alla nostra redazione, diverse e insistenti richieste di informazioni in tal senso). Viggiano potrebbe essere un luogo caro anche a Bono Vox, non per seguire il flusso del sangue di qualche antenato, ma nel nome di un legame diverso ma forte con il suo Paese, per i motivi di cui abbiamo parlato prima.

Il sindaco Amedeo Cicala non si sbilancia sull’argomento e dice che “ancora non sono arrivate notizie ufficiali”. Ma siamo convinti che l’ospitalità riservata a Billie Joe Armstrong stregherebbe anche questo altro ‘’mostro’’ della musica mondiale. E per parafrasare il primo verso di una sua celebre canzone: ‘’Can I believe this news today?’’ Speriamo.

Mariapaola Vergallito


Bono Vox in Viggiano? The bond exists yet

In December 1857 Basilicata was upset by an earthquake which destroyed the Val D´Agri territory because Montemurro was the epicenter. In that time this earthquake was considered as the third greatest and most damaging in history in Europe (the first in Italy), and after the first news received in Great Britain, they decided to send a scientific expedition by the Royal Society of London. This expedition was led by the irish engineer Robert Mallet from Dublin. If you have the chance to visit Dublin and have in the hands a two euro coin, you can notice an harp. In history the harp was, for the Irish people, not only a symbol of a traditional ancient music but also a symbol of fight and liberty in the name of independence of Great Britain.
What have in common the Val D´Agri territory of 1857 studied by an Irish engineer, with an harp, the symbol of Ireland, if not the country of James Joyce? Apparently nothing if we don´t consider the solid friendship between the new „viggianese“ Billie Joe Armstrong, leader of Green Day, who came back from his recent visit in Viggiano (village of music and, exactly, of the harp) to discover his roots of his ancestors and another great frontman of a famous band: the Irish Bono Vox. The leader of U2 landed recently in Campania for his vacation on the Costa Amalfitana and it seems that he requested information about this lucanian village (Viggiano) which charmed Billie Joe and his family. Viggiano could be a dear place for Bono Vox not for only following the blood flow of a certain ancestor but in the name of the different bond but strong with his country for the reasons that are descripted earlier. The mayor Amedeo Cicala doesn´t give an opinion to this topic and says that there aren´t concrete news about that. But we are sure that the hospitality given to Billie Joe Armstrong would also charm the other „monster“ of the music. And to paraphrase the first verse of a famous song: „Can I believe this news today?“. We hope.

Translation by Ferdinando Cuccaro



ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Futsal Senise: vittoria casalinga contro lo Shaolin
23/03/2019 - Bernalda Futsal vs Futsal Altamura:10-4. I rossoblu emergono nella ripresa
23/03/2019 - La PM Asci Potenza sarà di scena a Molfetta per la sfida contro Asdam Pegaso 93
23/03/2019 - Serie D, G/H: il Francavilla sconfitto in casa dal Sorrento

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/03/2019 Calcio a 5-C1/g.UNICO: risultati 20^ giornata

Comp.Sport Pisticci-Futsal Marsico 5-2
Futsal Potenza – Real Potenza 11-4
Castrum Byanelli – San Gerardo 3-8
Maschito – Essedisport 11-5
Senise – Shaolin Soccer 11-4

23/03/2019 Basilicata: insediati i seggi elettorali

Sono stati insediati alle ore 16 i seggi elettorali in vista delle elezioni Regionali di domani in Basilicata. Nei seggi si provvederà quindi alla autenticazione delle schede per la votazione, mediante apposizione della firma dello scrutatore, alla apertura del plico contenente il bollo della sezione ed all'apposizione del timbro nell'apposito spazio. Sono 573.970 gli elettori che domani voteranno in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23.Ansa

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo