HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise, Antico Mercato. Passaggio da Regione a Comune

14/04/2018



Potrebbe essere, finalmente, la volta buona. La struttura costruita all’ingresso dell’abitato di Senise (quella nel perimetro dell’area del rudere dell’antico mercato coperto) sta passando nelle competenze del Comune senisese. A dirlo, in una nota inviata a tutti i comuni del comprensorio, è il commissario liquidatore che, per conto della Regione Basilicata, ha concluso il suo mandato. La Comunità Montana Alto Sinni realizzò l’opera nell’ambito dei PIT (i progetti integrati territoriali) ma non ne fu proprietario, in quanto l’area è inserita nel patrimonio comunale. Per l’utilizzo dell’immobile ci sono alcuni elementi da rispettare, che, in sintesi, riguardano i fini turistici delle attività svolte e la possibilità di utilizzo della struttura alle amministrazioni comunali che facevano parte dell’allora Comunità Montana. E poiché la struttura è gravata da procedimenti giudiziari in corso, sarà sottoscritto un protocollo d’intesa con il Comune di Senise.
“Un lento cammino nei meccanismi della burocrazia” definimmo, un po’ di anni fa, la storia e l’iter che accompagnarono la struttura che nei progetti originari sarebbe dovuta diventare la “porta multimediale verso il Pollino”, situata in uno dei luoghi storici più importanti di tutta la regione: l’antico mercato coperto senisese, originariamente lungo 160 metri ed ora ridotto a rudere che occorre comunque preservare.
I lavori per la riqualificazione dell’antico mercato di Senise cominciarono nel 2005.
Dopo poche settimane, la prima sospensione: la Soprintendenza ai Beni Architettonici di Potenza bloccò i lavori e chiese una variante al progetto originario, considerato non idoneo rispetto alla finalità di valorizzare il rudere in quanto tale.
Il progetto venne cambiato (la Soprintendenza lo definì “accettabile”) e i lavori ripresero dopo oltre un anno, nel febbraio del 2007. Venne realizzata, come da progetto, una nuova struttura che però, in base alla variante prevista, non si trovò più sullo stesso tracciato del rudere ed fu di dimensioni ridotte. Insomma, quella che oggi appare nel perimetro dell’antico impianto.
Dopo qualche mese, però, questa volta a causa di un contenzioso tra l’Ente e l’impresa appaltatrice, i lavori si bloccarono nuovamente. L’impresa cambiò e, i lavori si conclusero nel 2011.

DAI NOSTRI ARCHIVI:


Ricordiamo che l’importo iniziale previsto del progetto fu un milione di euro per la realizzazione della nuova struttura e 600mila euro per l’acquisto delle attrezzature multimediali da collocare a supporto dei servizi al suo interno.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

25/03/2019 - Ecco il ''nuovo Consiglio Regionale''
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Affluenza sopra il 50%. I dati dello scrutinio
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Alle 19 l'affluenza intorno al 40%
24/03/2019 - Rionero in Vulture. Due donne tentano furto in auto, ma vengono arrestate

SPORT

25/03/2019 - Futsal: la Venus Lauria vince il campionato e sale in A2
25/03/2019 - Comitato Provinciale Us Acli di Matera,selezione della Rappresentativa 2019
24/03/2019 - Serie D, G/H: il Picerno vince ancora e vola in classifica
24/03/2019 - Atletico Lauria, Riccio: ‘Vinto sempre nel rispetto degli avversari’

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/03/2019 Sospensione Idrica a Picerno

Picerno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 17:00 di domani, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: piazza Plebiscito, via Tasso, via X Maggio, via San Nicola, via Cavour, via Santa Lucia e piazza Forlenza.

24/03/2019 Calcio 2^ Ctg./C: risultati 17^ giornata

ACS =9 – Real Chiaromonte 1-1
Lanese – Real Grumento 2-1
Sanseverinese – Sporting Lucania 6-2
Proloco Spinoso – City Sport Agromonte 2-3

24/03/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 23^ giornata

Peppino Campagna – A.Montalbano 3-0
VR Episcopia – Città Dei Sassi Matera 1-1
Tramutola – Elettra Marconia 1-1
Irsina – L.Montescaglioso 4-1
Salandra – Montemurro 3-0
Castelsaraceno – Tursi 0-1
Tricarico – Viggianello 6-3

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo