HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise. La Madonna di Lourdes, Regina dell’Unitalsi

14/10/2014



Il 12 ottobre 2014, la comunità di Senise, ha vissuto una giornata di Letizia, di Amore e di Testimonianza da parte di tanti giovani unitalsiani provenienti da paesi limitrofi e regionali. L’occasione è nata dal riconoscimento ufficiale del gruppo di Senise, dopo appena quattro anni di formazione e di grande impegno nel sociale. Tutto comincia nelle prime ore della mattina. Davanti alla Chiesa di San Francesco, addobbata a festa, i membri del gruppo di Senise, hanno accolto quelli provenienti da ogni parte della regione. Dopo una ricca colazione, si sono spostati nell’ex sala consiliare per partecipare all’incontro dal tema “Questa è la vittoria che vince il mondo: la nostra fede”, con la presenza di S.E. mons. Francesco Nolè, vescovo della Diocesi di Tursi-Lagonegro, il parroco di Senise don Pino Marino, il sindaco Giuseppe Castronuovo. Presenti anche l’Unitalsi Regionale con a capo il suo Presidente di Sezione Rocco Palese, il Presidente di Sottosezione Annamaria Marino. Coordinatore dei lavori il componente Franco Marcone. Tutti gl’interventi hanno sottolineato la bellezza di questo volontariato al servizio delle persone ammalate e bisognose di aiuto. Lavoro svolto per amore di Gesù Cristo, attraverso gli insegnamenti del Vangelo. Infatti, il gruppo opera attraverso gesti concreti di carità, lavorando affianco alla Chiesa e a tutte le altre realtà associative, i movimenti cattolici parrocchiali, andando incontro ai bisogni più essenziali. Durante l’incontro, il vescovo, nel sottolineare l’opera degli unitalsiani, ha voluto esprimere il suo pensiero attraverso un passo del catechismo della CEI,” Incontriamo Gesù”: “ la Fede di ciascun battezzato – ha rimarcato il Vescovo - è il più grande tesoro delle nostre comunità. Una comunità capace di mostrare quanta sia nutrita e trasformata dall’incontro con il Signore Risorto, è il miglior luogo per comunicare la fede. Noi oggi – continua il Vescovo – siamo riuniti come comunità, incontriamo il Signore Risorto nell’Eucarestia e nella parola ma soprattutto nei fratelli che hanno più bisogno di noi”. Subito dopo, mons. Nolè, ha presieduto una solenne liturgia eucaristica e ha incoronato la statua della Madonna di Lourdes, donata al gruppo da una famiglia unitalsiana a devozione. Al termine della Santa Messa, il referente del gruppo Rocco Marino, nel porgere i saluti al vescovo e a tutti i presenti, ha rimarcato che: “questo è un momento importante per noi, che segna sicuramente non, il punto di arrivo, ma un’ennesima ripartenza del nostro pellegrinare quotidiano verso il prossimo. L’UNITALSI per noi è un dono di Dio, un dono che in un preciso momento della nostra vita ci ha abbracciato. Siamo una compagnia di persone di buona volontà che con entusiasmo si sono messe insieme, per cominciare un cammino, un percorso all’interno della Chiesa. Per essere parte di quella “chiesa” di cui parla Papa Francesco, una Chiesa che possa toccare i cuori delle persone, una Chiesa pronta a servire le periferie dell’esistenza, una Chiesa che privilegia i poveri, che vede nei bisognosi e nei giovani disabili “le piaghe di Cristo”. “Non siamo interessati a cariche e ruoli – ha concluso Rocco Marino - ma semplicemente ci auguriamo di essere sempre di più sguardo che accoglie, mano che solleva e che accompagna, parola che conforta, abbraccio di tenerezza, come diceva San Camillo De Lellis “ speriamo di mettere più amore nelle mani che operano…” proprio con questo intento oggi abbiamo indossato le divise di barellieri e di dame, come segno di appartenenza a questa famiglia che è l’Unitalsi”. Suggestiva, la fiaccolata del tardo pomeriggio che da San Biagio, percorrendo la strada rotabile, ha raggiunto lo spazio davanti alla Chiesa di San Francesco, dove il presidente di sezione regionale Rocco Palese, ha voluto esprimere i saluti a tutti i presenti. La serata si è conclusa con la benedizione solenne del parroco don Pino Marino e il lancio di piccole mongolfiere che si sono librate verso il cielo buio della sera.


Vincenzo diac. Terracina



ALTRE NEWS

CRONACA

25/09/2018 -  GdF di Potenza: Individuato un libero professionista “evasore totale”
25/09/2018 - Fiumicino:coppia di Potenza denunciata per furto di gioielli
25/09/2018 - In manette cittadino romeno per violenze e sfruttamento
24/09/2018 - San Costantino Albanese: muore mentre salda un tubo in metallo

SPORT

25/09/2018 - Serata da dimenticare per il Potenza, incassa 4 gol dalle vespe
25/09/2018 - Seconda giornata campionati regionali Allievi e Giovanissimi
25/09/2018 - Eccellenza: la Vultur pareggia a sorpresa con il Pomarico
25/09/2018 - Promozione: il Lauria batte la Santarcangiolese di fronte al pubblico amico

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/09/2018 Sospensione Erogazione Idrica

Comune di Montescaglioso: per consentire l'esecuzione di lavori sulle condotte, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa, nell’intero abitato, dalle ore 08:00 del giorno 27 settembre 2018 alle ore 06:00 del giorno 28 settembre 2018, salvo imprevisti.

25/09/2018 Sospensioni idriche 25 settembre 2018

-Abriola: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nell'intero abitato dalle ore 14:00 alle ore 17:00 circa di oggi, salvo imprevisti.
-Policoro: a causa di un guasto improvviso è stato necessario sospendere l'erogazione idrica in via Gonzaga nel tratto compreso tra via Bologna e 1° Traversa. Il ripristino è previsto al termine dei lavori.

24/09/2018 Sospensione idrica in Basilicata

-Genzano di Lucania: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 15:30 di oggi fino al termine dei lavori, nelle seguenti vie: Monte Grappa, Monte Bianco, Rione Matteotti e zone limitrofe.
-Bella: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l’erogazione dell’acqua potabile sarà sospesa nell'intero abitato, a giorni alterni a partire da oggi, dalle ore 18.30 alle ore 06:00 del giorno seguente, salvo imprevisti

L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo