HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise. La Madonna di Lourdes, Regina dell’Unitalsi

14/10/2014



Il 12 ottobre 2014, la comunità di Senise, ha vissuto una giornata di Letizia, di Amore e di Testimonianza da parte di tanti giovani unitalsiani provenienti da paesi limitrofi e regionali. L’occasione è nata dal riconoscimento ufficiale del gruppo di Senise, dopo appena quattro anni di formazione e di grande impegno nel sociale. Tutto comincia nelle prime ore della mattina. Davanti alla Chiesa di San Francesco, addobbata a festa, i membri del gruppo di Senise, hanno accolto quelli provenienti da ogni parte della regione. Dopo una ricca colazione, si sono spostati nell’ex sala consiliare per partecipare all’incontro dal tema “Questa è la vittoria che vince il mondo: la nostra fede”, con la presenza di S.E. mons. Francesco Nolè, vescovo della Diocesi di Tursi-Lagonegro, il parroco di Senise don Pino Marino, il sindaco Giuseppe Castronuovo. Presenti anche l’Unitalsi Regionale con a capo il suo Presidente di Sezione Rocco Palese, il Presidente di Sottosezione Annamaria Marino. Coordinatore dei lavori il componente Franco Marcone. Tutti gl’interventi hanno sottolineato la bellezza di questo volontariato al servizio delle persone ammalate e bisognose di aiuto. Lavoro svolto per amore di Gesù Cristo, attraverso gli insegnamenti del Vangelo. Infatti, il gruppo opera attraverso gesti concreti di carità, lavorando affianco alla Chiesa e a tutte le altre realtà associative, i movimenti cattolici parrocchiali, andando incontro ai bisogni più essenziali. Durante l’incontro, il vescovo, nel sottolineare l’opera degli unitalsiani, ha voluto esprimere il suo pensiero attraverso un passo del catechismo della CEI,” Incontriamo Gesù”: “ la Fede di ciascun battezzato – ha rimarcato il Vescovo - è il più grande tesoro delle nostre comunità. Una comunità capace di mostrare quanta sia nutrita e trasformata dall’incontro con il Signore Risorto, è il miglior luogo per comunicare la fede. Noi oggi – continua il Vescovo – siamo riuniti come comunità, incontriamo il Signore Risorto nell’Eucarestia e nella parola ma soprattutto nei fratelli che hanno più bisogno di noi”. Subito dopo, mons. Nolè, ha presieduto una solenne liturgia eucaristica e ha incoronato la statua della Madonna di Lourdes, donata al gruppo da una famiglia unitalsiana a devozione. Al termine della Santa Messa, il referente del gruppo Rocco Marino, nel porgere i saluti al vescovo e a tutti i presenti, ha rimarcato che: “questo è un momento importante per noi, che segna sicuramente non, il punto di arrivo, ma un’ennesima ripartenza del nostro pellegrinare quotidiano verso il prossimo. L’UNITALSI per noi è un dono di Dio, un dono che in un preciso momento della nostra vita ci ha abbracciato. Siamo una compagnia di persone di buona volontà che con entusiasmo si sono messe insieme, per cominciare un cammino, un percorso all’interno della Chiesa. Per essere parte di quella “chiesa” di cui parla Papa Francesco, una Chiesa che possa toccare i cuori delle persone, una Chiesa pronta a servire le periferie dell’esistenza, una Chiesa che privilegia i poveri, che vede nei bisognosi e nei giovani disabili “le piaghe di Cristo”. “Non siamo interessati a cariche e ruoli – ha concluso Rocco Marino - ma semplicemente ci auguriamo di essere sempre di più sguardo che accoglie, mano che solleva e che accompagna, parola che conforta, abbraccio di tenerezza, come diceva San Camillo De Lellis “ speriamo di mettere più amore nelle mani che operano…” proprio con questo intento oggi abbiamo indossato le divise di barellieri e di dame, come segno di appartenenza a questa famiglia che è l’Unitalsi”. Suggestiva, la fiaccolata del tardo pomeriggio che da San Biagio, percorrendo la strada rotabile, ha raggiunto lo spazio davanti alla Chiesa di San Francesco, dove il presidente di sezione regionale Rocco Palese, ha voluto esprimere i saluti a tutti i presenti. La serata si è conclusa con la benedizione solenne del parroco don Pino Marino e il lancio di piccole mongolfiere che si sono librate verso il cielo buio della sera.


Vincenzo diac. Terracina



ALTRE NEWS

CRONACA

17/07/2018 - Listeria:richiamati 5 lotti di salsa di fegato, anche se quasi tutti già scaduti
17/07/2018 - Rotonda: un arresto per droga nella notte tra domenica e lunedì
17/07/2018 - Marconia, madre coraggio denuncia il figlio per le prepotenze subite
17/07/2018 - Bernalda: doveva essere ai domiciliari, era in sala giochi. Arrestato

SPORT

17/07/2018 - Serie D: Gianluca D'Auria ritorna al Francavilla
17/07/2018 - Karate: i fratelli D'Onofrio volano in Giappone per i Mondiali Universitari
17/07/2018 - Serie D, Fc Francavilla: arriva Michele Collocolo dal Cosenza
17/07/2018 - Baseball: al Camp di Anzio anche gli atleti dei Kings di Rivello

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

17/07/2018 Sospensione idrica Pisticci

Pisticci: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 20:00 di oggi fino al termine dei lavori, nelle seguenti zone: San Leonardo, San Gaetano, Terranova, Caporotondo, Castelluccio, San Pietro, Ficagnole, Fondo Messere, Coppo, Cannile.

17/07/2018 Sospensione idrica a Rionero in Vulture

Rionero in Vulture: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti.

17/07/2018 'Mercato paglia', 5 arresti nel Melfese

Da alcune settimane, nel Melfese, per imporsi nel mercato dei "raccoglitori di paglia", è in atto "un violento scontro" tra le famiglie dei Parrini e dei Delli Gatti: la "rapida escalation di violenza", anche con l'uso di armi, ha portato la Polizia, coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza, a eseguire quattro arresti domiciliari, di cui due con braccialetto elettronico, disposti dal gip del capoluogo lucano. Nell'ambito delle stesse indagini, un altro uomo con precedenti penali, è stato arrestato in flagranza di reato perché trovato in possesso di un'arma e di munizioni.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo