HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise. La Madonna di Lourdes, Regina dell’Unitalsi

14/10/2014



Il 12 ottobre 2014, la comunità di Senise, ha vissuto una giornata di Letizia, di Amore e di Testimonianza da parte di tanti giovani unitalsiani provenienti da paesi limitrofi e regionali. L’occasione è nata dal riconoscimento ufficiale del gruppo di Senise, dopo appena quattro anni di formazione e di grande impegno nel sociale. Tutto comincia nelle prime ore della mattina. Davanti alla Chiesa di San Francesco, addobbata a festa, i membri del gruppo di Senise, hanno accolto quelli provenienti da ogni parte della regione. Dopo una ricca colazione, si sono spostati nell’ex sala consiliare per partecipare all’incontro dal tema “Questa è la vittoria che vince il mondo: la nostra fede”, con la presenza di S.E. mons. Francesco Nolè, vescovo della Diocesi di Tursi-Lagonegro, il parroco di Senise don Pino Marino, il sindaco Giuseppe Castronuovo. Presenti anche l’Unitalsi Regionale con a capo il suo Presidente di Sezione Rocco Palese, il Presidente di Sottosezione Annamaria Marino. Coordinatore dei lavori il componente Franco Marcone. Tutti gl’interventi hanno sottolineato la bellezza di questo volontariato al servizio delle persone ammalate e bisognose di aiuto. Lavoro svolto per amore di Gesù Cristo, attraverso gli insegnamenti del Vangelo. Infatti, il gruppo opera attraverso gesti concreti di carità, lavorando affianco alla Chiesa e a tutte le altre realtà associative, i movimenti cattolici parrocchiali, andando incontro ai bisogni più essenziali. Durante l’incontro, il vescovo, nel sottolineare l’opera degli unitalsiani, ha voluto esprimere il suo pensiero attraverso un passo del catechismo della CEI,” Incontriamo Gesù”: “ la Fede di ciascun battezzato – ha rimarcato il Vescovo - è il più grande tesoro delle nostre comunità. Una comunità capace di mostrare quanta sia nutrita e trasformata dall’incontro con il Signore Risorto, è il miglior luogo per comunicare la fede. Noi oggi – continua il Vescovo – siamo riuniti come comunità, incontriamo il Signore Risorto nell’Eucarestia e nella parola ma soprattutto nei fratelli che hanno più bisogno di noi”. Subito dopo, mons. Nolè, ha presieduto una solenne liturgia eucaristica e ha incoronato la statua della Madonna di Lourdes, donata al gruppo da una famiglia unitalsiana a devozione. Al termine della Santa Messa, il referente del gruppo Rocco Marino, nel porgere i saluti al vescovo e a tutti i presenti, ha rimarcato che: “questo è un momento importante per noi, che segna sicuramente non, il punto di arrivo, ma un’ennesima ripartenza del nostro pellegrinare quotidiano verso il prossimo. L’UNITALSI per noi è un dono di Dio, un dono che in un preciso momento della nostra vita ci ha abbracciato. Siamo una compagnia di persone di buona volontà che con entusiasmo si sono messe insieme, per cominciare un cammino, un percorso all’interno della Chiesa. Per essere parte di quella “chiesa” di cui parla Papa Francesco, una Chiesa che possa toccare i cuori delle persone, una Chiesa pronta a servire le periferie dell’esistenza, una Chiesa che privilegia i poveri, che vede nei bisognosi e nei giovani disabili “le piaghe di Cristo”. “Non siamo interessati a cariche e ruoli – ha concluso Rocco Marino - ma semplicemente ci auguriamo di essere sempre di più sguardo che accoglie, mano che solleva e che accompagna, parola che conforta, abbraccio di tenerezza, come diceva San Camillo De Lellis “ speriamo di mettere più amore nelle mani che operano…” proprio con questo intento oggi abbiamo indossato le divise di barellieri e di dame, come segno di appartenenza a questa famiglia che è l’Unitalsi”. Suggestiva, la fiaccolata del tardo pomeriggio che da San Biagio, percorrendo la strada rotabile, ha raggiunto lo spazio davanti alla Chiesa di San Francesco, dove il presidente di sezione regionale Rocco Palese, ha voluto esprimere i saluti a tutti i presenti. La serata si è conclusa con la benedizione solenne del parroco don Pino Marino e il lancio di piccole mongolfiere che si sono librate verso il cielo buio della sera.


Vincenzo diac. Terracina



ALTRE NEWS

CRONACA

24/06/2019 - Potenza. Minaccia di morte l'ex moglie, arrestato
24/06/2019 - Fca: a Melfi stop produzione in 30 turni
24/06/2019 - Carenze personale medico UOC Neonatologia e TIN al San Carlo
24/06/2019 - Incidente Sinnica con cinghiale: da venerdì la carcassa dell'animale è ancora lì

SPORT

24/06/2019 - Presentata a Policoro la ''Academy Picerno''
24/06/2019 -  US Castelluccio: si riparte con il gioiellino Mecca fra i pali
24/06/2019 - Serie C, Picerno: nominati direttore sportivo e responsabile area tecnica
24/06/2019 - Risultati sportivi cittadini montesi

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/06/2019 Ortofrutta in crisi, firmato un accordo

Per affrontare le conseguenze della "grave crisi commerciale" del settore dell'ortofrutta, Coldiretti Basilicata e Spesì hanno concluso a Policoro (Matera) il "primo accordo di filiera". Lo ha annunciato Coldiretti Basilicata, ricordando che il settore ortofrutticolo ha anche "subito ingenti danni dalle ultime dannose ed eccezionali attività atmosferiche". Il progetto promosso da Coldiretti è denominato "Io sono lucano".

24/06/2019 Sospensione idrica a Pisticci

Pisticci: a causa di un guasto, dalle ore 07:30 di domani mattina fino al termine dei lavori di riparazione nelle località San Basilio, lido 48 e San Teodoro si potrebbero verificare cali di pressione o la sospensione dell'erogazione idrica.

22/06/2019 Castelluccio Inferiore: martedì, work conference sul Pollino

A Castelluccio Inferiore, nella Sala Consiliare di Largo Marconi, alle ore 18 di mercoledì 26 giugno, si svolgerà una work conference intitolata: “Territori e Sviluppo Sociale nel Pollino”, “Aspetti nutraceutici e sociali delle piante officinali”. L’incontro è organizzato da A’Naca Basilicata, orizzonti sostenibili.
Interverranno: il sindaco di Castelluccio Inferiore Paolo Francesco Campanella, per i saluti istituzionali; Francesco Forte (di A’Naca Basilicata, la sfida sociale per la sostenibilità) e Francesca Scannone (di e-nutrition, piante officinali), entrambi della Fondazione Eni Enrico Mattei; Aldo Aufierro (Masseria Meldoro 2.0, la fattoria del benessere), di Masseria Meldoro Coop. Sociale; Egidia Salomone (la filiera delle erbe officinali), di Evra; Domenico Cerbino (le piante officinali del Pollino), di Alsia.

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo