HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Sport e diritti dei bambini, protocollo d'intesa tra Unicef e OPES Italia

29/04/2020

Il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo e il Presidente dell’Ente di Promozione Sportiva OPES Marco Perissa hanno siglato un Protocollo d’intesa, con l’intento di “promuovere i valori e la pratica dello sport agonistico e amatoriale, contribuendo alla crescita sana dei minori, favorendo la partecipazione e l’inclusione sociale quali mezzi per costruire una società a misura di bambino secondo le direttrici dello sviluppo sostenibile”.
 
“Nei prossimi mesi, quando usciremo da questa terribile pandemia, siamo pronti a collaborare con OPES Italia per tante iniziative in tutta Italia. Lo sport è un elemento importante per il sano sviluppo dei bambini, tanto da essere stato riconosciuto dalle Nazioni Unite come un diritto fondamentale. Lo sport insegna importanti valori quali amicizia, solidarietà, lealtà, lavoro di squadra, autodisciplina, autostima, fiducia in sé e negli altri, rispetto degli altri, modestia, comunicazione, leadership, capacità di affrontare i problemi, ma anche interdipendenza. Tutti principi, questi, alla base dello sviluppo”, ha detto il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo.
 
“Siamo certi che il protocollo d’intesa avrà un enorme impatto sul tessuto sociale italiano – ha aggiunto il Presidente nazionale di OPES Marco Perissa -. Le azioni, le iniziative e i progetti che UNICEF ed OPES metteranno in campo forniranno una risposta precisa, soprattutto in questo momento storico, ad un Paese fortemente provato sotto ogni punto di vista dall’emergenza epidemiologica da COVID-19. Facendo leva sullo sport, sulla sua promozione e sulla diffusione dei suoi valori, accompagneremo gli adulti di domani in un percorso di crescita, di educazione e di sviluppo della propria personalità. Se vogliamo cambiare un po’ alla volta il mondo e se vogliamo generare valore nella società, dobbiamo per forza partire dai bambini e dagli adolescenti”.
 
Come previsto dal Protocollo, il primo impegno comune sarà un’attività di formazione specifica condivisa tra operatori di UNICEF e OPES, rivolta soprattutto ai dirigenti sportivi delle società affiliate all’Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI, che si dovranno confrontare con la programmazione della ripresa delle attività e con i disagi anche psicologici a cui sono stati sottoposti gli atleti più giovani durante il periodo di quarantena.
 
OPES – nasce nel 1980 con l’obiettivo di rappresentare una realtà dinamica nel campo della Promozione Sociale e Sportiva. È un Ente di Terzo Settore che promuove ed organizza senza scopo di lucro, in collaborazione con Istituzioni ed Enti Pubblici e Privati innumerevoli iniziative sportive, culturali, di promozione sociale, di volontariato, formative e ricreative a carattere locale, nazionale ed internazionale.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
14/07/2020 - Palazzetto dello sport di Lagonegro: cominciati i lavori

Sono cominciati i lavori di rifacimento e ristrutturazione del palazzetto dello sport di Lagonegro, in provincia di Potenza, la cui progettazione era stata avviata già nel mese di maggio del 2017. Il cantiere è stato consegnato nella mattinata di lunedì 13 luglio scorso, con...-->continua

14/07/2020 - Potenza,terzo e ultimo appuntamento con Oasi Cinema

Terzo ed ultimo appuntamento con OasiCinema, il cinema dell’ecologia, rassegna organizzata da Zer0971 Associazione di Promozione Sociale, mercoledi 15 luglio alle ore 21 presso il Cortile del Museo Archeologico Nazionale “Dinu Adamesteanu” in centro storico a ...-->continua

14/07/2020 - Un Guida turistica di Aliano realizzata dagli studenti

La città di Aliano mette a disposizione dei visitatori, dei turisti e degli stessi cittadini una utilissima e interessante guida redatta in italiano, inglese e francese per far conoscere e visitare al meglio i luoghi che hanno ispirato il “Cristo si è fermato ...-->continua

13/07/2020 - ''Arte in orto'': il recupero delle coltivazioni della tradizione

Negli orti che i nostri nonni e i nostri genitori coltivavano nel secolo scorso c’erano specie che oggi stanno scomparendo.
Si mangiavano prodotti biologici raccolti a kilometri zero.
Bastavano, quasi sempre, per i bisogni delle famiglie. All’occorrenz...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo