HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

A Potenza la proiezione del docu-film di Giuseppe Russo, “Sotto Pelle”

2/01/2019

Un film per dar voce ai minori stranieri presenti nella nostra regione: il racconto di un viaggio che parte dal deserto della Libia per approdare in Basilicata

Venerdì 4 gennaio 2019, alle ore 21.00, al cinema “Due Torri” di Potenza, si terrà la proiezione del docu-film “SOTTO PELLE”, realizzato dal potentino Giuseppe Russo.
Il film nasce come progetto di servizio civile nazionale che il giovane regista ha effettuato presso il Comitato Provinciale UNICEF di Potenza.
“Con l'esplosione del fenomeno migratorio conosciuto negli ultimi anni, sempre più uomini, donne e bambini sono costretti a lasciare il proprio Paese, le proprie famiglie e le proprie case, per affrontare un interminabile viaggio verso l'Europa”, spiega Giuseppe Russo. “L'Italia rappresenta ormai una terra di approdo soprattutto per le migliaia di persone provenienti dall'Africa; terra di speranza in un futuro migliore per sé ed i propri figli, terra di pace dopo anni di guerra. Ma è davvero così?”.
Come spesso accade, infatti, la fantasia trova come limite invalicabile la realtà. Ed ecco che per queste persone si presentano nuove sfide. Prima fra tutte l'inclusione nelle diverse realtà sociali in cui vengono a trovarsi. Ma promuovere l'inclusione sociale dei migranti, rappresenta una vera e propria mission dall'esito tutt'altro che scontato.
“Innanzitutto, bisognerebbe chiedersi cosa significa inclusione”, ha affermato Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale UNICEF di Potenza. “L'inclusione deve essere un qualcosa che va ben oltre la semplice accettazione, o peggio sopportazione: deve essere integrazione. Deve essere equità. Inclusione significa pari opportunità, indipendentemente dalla razza, condizione socio-economica, sesso, religione, orientamento sessuale, disabilità”.
Con il docu-film “SOTTO PELLE” si è voluto dar voce ai minori stranieri non accompagnati presenti in Basilicata, attraverso interviste individuali nelle quali essi hanno potuto raccontare, in maniera spontanea, il viaggio che hanno affrontato per arrivare in Italia.
Il documentario si divide in 4 parti: Partenza da casa; Deserto; Libia; Mare. In conclusione sono state raccolte le considerazioni dei ragazzi sui grandi temi della vita, come amore, felicità, povertà. Il risultato finale è sorprendente.
L’ingresso alla proiezione è gratuito.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
17/01/2019 - Terre di Aristeo: studiosi internazionali a Venosa in visita a catacombe

Una delegazione di studiosi internazionali e storici tra i quali il Prof. Steven Fine dell’ Università Santa Barbara (California) , storico di ebraismo, il prof. Samuele Rocca di Gerusalemme (Università Ebraica Gerusalemme,) il prof. Ariel Samuel Lewin Unibas (Dip. Scienze ...-->continua

17/01/2019 - Rivello: sesto appuntamento con la rassegna ‘Zero in Condotta’

Il 18 gennaio nella sede dell’Associazione culturale “La Biblioteca Rivellese” sesto appuntamento con “Zero in condotta”, rassegna cinematografica che racconta le storie da punto di vista dei minori e dei giovani. Promossa dal Gal “La Cittadella del Sapere...-->continua

17/01/2019 - A Lagonegro con Cecchi Paone,Lo Pomo e Di Consoli per discutere di malagiustizia

Domani, venerdì 18 gennaio, alle ore 18, verrà presentato a Lagonegro, presso il Monna Lisa Museum (Palazzo Corrado - Piazza Bonaventura Picardi), "Malanni di stagione" (Cairo editore) di Oreste Lo Pomo, scrittore e storico caporedattore del Tgr Rai Basilicata...-->continua

16/01/2019 - I tamburi di boom alla cerimonia di apertura di Matera 2019

Sabato 19 Gennaio è una data importante per Matera e la Basilicata tutta. Si apre ufficialmente, nella città dei sassi, l’anno che la vedrà protagonista come Capitale Europea della Cultura 2019. Un momento unico, una manifestazione che accende i riflettori di ...-->continua

E NEWS



WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo