HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Terranova di Pollino. Tutto pronto per la Pollino Marathon 2019

18/07/2019



Ci sono cose che dopo averle fatte un paio di volte ti annoiano, ci sono luoghi che, a furia di vederli, diventano abitudine, e poi c’è il Parco Nazionale del Pollino, con il suo fascino incontaminato ed il suo patrimonio naturalistico sterminato. Da tanta bellezza trae linfa vitale, per il 19imo anno consecutivo, la Pollino Marathon, una manifestazione che, oltre che alle capacità organizzative del suo team, deve tutti questi anni di vita al proprio territorio.

Il percorso, con partenza da Terranova di Pollino (PZ), uno dei comuni più virtuosi,svela gran partedella ricchezza naturalistica dell’area e tutto ciò che resta da vedere, come le vette di Serra Crispo, Dolcedorme, Pollino, il Giardino degli Dei e i Pini Loricati, sono stati solo alcuni dei motivi di ritorno per molti atleti.

La prima metà di gara presenta già uno dei suoi passaggi più suggestivi tra i sentieri che costeggiano la “Falconara”, un canyon dalle rocce a strapiombo e dalla natura arida. Dopo un breve tratto in discesa, subito dopo lo start, i 20 chilometri a seguire sono tutti gambe e fiato. Dai 900 metri slm della partenzain poi è tutto un salire fino alla conquista del GPM a 1703mt. Gli atleti qui saranno solo ad 1/3 di gara, ma proprio quando si potrebbe pensare cheil peggio sia passato, in realtà ci si renderà conto che questa tappa è davvero dura dall’inizio alla fine. Dopo lo scollinamento, infatti, inizieranno a perdere molta quota, ma qui nemmeno le discese danno spazio al riposo. Tra single track e qualche strappo dalle pendenze impossibili, ci sarà davvero poco tempo per riprendere fiato, anche se, quest’anno, almeno i lunghi passaggi in sottobosco, che nella precedente edizione avevano sommerso gli atleti nel fango a causa delle copiose piogge di giugno, non dovrebbero intimorire considerando lo slittamento della manifestazione al 28 luglio.  Passaggi tra i boschi di faggio e vedute aperte su panorami infiniti accompagneranno i bikers lungo questi chilometri. Dal 42imo chilometro si riparte con le salite aspre. Molto suggestivo qui il passaggio a “Pietra Sasso”, località che deve il suo nome alla particolare roccia che si impone nella vista dell’area. Nemmeno i chilometri finali verso il rientro in paese daranno scampo ai bikers:tra radici, gradoni e curve a gomito, il finale farà testare il manico e metterà a dura prova riflessi e stanchezza.

Come sempre non mancheranno spettacoli il sabato pre-gara, un ricco pasta party, premiazioni sempre all’insegna della tradizione e dell’artigianato (hanno divertito molto i tamburelli dell’edizione precedente), e un pacco gara firmato Pollino Marathon con la tshirt CMP running/dopogara.
Le novità dell’anno, però, sono tutte rivolte ai più giovani. Sabato 27 luglio alle 09.00, prenderà il via la seconda edizione della Pollino Marathon Young, prova per giovanissimi (g1/g6) (valida per il campionato regionale Basilicata). Mentre Domenica 28 luglio, dopo lo start, alle 10.15 partirà una prova XCO dedicata ad esordienti e allievi.

Le iscrizioni resteranno aperte fino alle 22.00 del 26 luglio su www.mtbonline.it  mentre la regolarizzazione online dovrà essere fatta entro il 22 o essere fatta in loco all’atto della verifica tessere.


ALTRE NEWS

CRONACA

17/08/2019 - Metaponto: donna di 26 anni muore annegata
17/08/2019 - Incidente mortale nei pressi di Grassano
16/08/2019 - Potenza e provincia:Controlli dei Carabinieri a Ferragosto. 8 persone denunciate
16/08/2019 - Depuratore di Maratea: ‘’un problema vecchio non risolto’’

SPORT

17/08/2019 - Serie C, Picerno: il patron Curcio saluta la squadra. ‘Obiettivo salvezza’
17/08/2019 - Francavilla – Grumentum. Primo turno di coppa Italia
16/08/2019 - Viggianello: tra i pali arriva Sosnovskyy
15/08/2019 - Serie D/H: Conte lascia il Grumentum

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    



NEWS BREVI

17/08/2019 Sosensione idrica oggi 17 agosto in Basilicata

Policoro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Trieste resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
San Fele: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti località: Difesa, Civita, Armatiedi, Radito e zone limitrofe.
Filiano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile resterà sospesa fino alle ore 18:00 di oggi, salvo imprevisti. Acquedotto lucano ha attivato il servizio sostitutivo mediante autobotte che stazionera nei pressi di Villa Mancini.
Nova Siri: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Colombo resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

16/08/2019 Sospensioni idriche 17 agosto 2019

Venosa: a causa di un guasto improvviso all'impianto di sollevamento, nell'intero abitato potrebbero verificarsi cali di pressione o la sospensione dell'erogazione idrica, fino al termine dei lavori di riparazione.
Francavilla in Sinni, Chiaromonte: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 08:30 alle ore 14:00 di oggi, salvo imprevisti.
Vietri di Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 11:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione
Savoia di Lucania: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nella frazione Santa Maria delle Grazie e Via dell'Acquedotto sarà sospesa dalle ore 11:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.

15/08/2019 Sospensione idrica oggi in Basilicata

Vietri di Potenza: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile in contrada Musileo sarà sospesa dalle ore 19:30 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina, salvo imprevisti.

EDITORIALE

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo