HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

In Basilicata buona crescita occupazione (+0,8%), meno quella del valore aggiunt

19/03/2019

In Basilicata, tra il 2019 e il 2023, crescerà dello 0,5% all’anno il valore aggiunto e dello 0,8% l’occupazione, a fronte di un incremento medio nel Mezzogiorno per entrambi gli indicatori dello 0,6%. A prevederlo le stime del rapporto dell’Osservatorio Banche e Imprese di Economia e Finanza su tutte le province meridionali presentato in Senato. Nel dettaglio saranno Calabria, Campania e Sardegna a registrare la crescita annua maggiore del valore aggiunto (+0,7%) e Calabria, oltre alla Basilicata, quella dell’occupazione (+0,8%) (Fonte: stime OBI elaborate sulla base di dati disponibili a ottobre 2018). A livello di province, Matera supera Potenza sia nella crescita del valore aggiunto (+1,4% contro la crescita nulla nel Potentino) che nel livello occupazionale (+0,9% contro lo 0,7%). Grazie ai benefici derivanti dalla sua designazione a Capitale Europea della Cultura per l’anno 2019, si prevede che la crescita del valore aggiunto di Matera rappresenti la più alta di tutto il Mezzogiorno, seguita da Crotone, che dovrebbe attestarsi su una crescita intorno al punto percentuale.

A livello di macro-area continuerà a scendere il contributo del Mezzogiorno all’economia italiana; se nel 2000 il 24,7% del valore aggiunto nazionale era prodotto nelle regioni del Sud Italia, nel 2018 questo contributo si è fermato al 22,8% con una stima per il 2023 fissata al 22,6%. Un crollo di oltre due punti percentuali in 20 anni, causa, ma anche effetto, delle negative dinamiche socioeconomiche registrate nel Mezzogiorno in questi anni, tra le quali il calo dell’occupazione (dal 46,3% del 2004 al 44,5% del 2018) e la crescente migrazione di giovani del Sud (negli ultimi 16 anni quasi 600.000).

“Il divario tra l’economia del Nord e quella del Sud che emerge dal rapporto - dichiara Salvatore Matarrese presidente dell’OBI - è destinato a crescere poiché, da sempre, le crisi impattano maggiormente sull’economia più debole del Paese, il Mezzogiorno, mentre le fasi di crescita premiano di più il Centro-Nord Italia. In un contesto economico così sperequato, la realizzazione delle autonomie regionali rafforzate avrebbe un impatto devastante, disgregando il Paese e lasciando la parte più debole senza futuro. Piuttosto, visto che tutte le politiche adottate finora per ridurre il gap sono risultate inefficaci, si cambi logica e passo: il Sud va posto al centro degli obiettivi economici dell’Italia, attuando un programma coordinato ed integrato di investimenti con un’unica cabina di regia, che potrebbe essere l’Agenzia di Coesione. Alla luce degli ultimi pessimi dati sulla spesa delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione, meno del 5% a due anni dalla scadenza del programma, si conduca una ricognizione su tutti i finanziamenti stanziati e disponibili per le infrastrutture nel Mezzogiorno per sbloccarli e attuarli con leggi speciali, come già fatto al Nord per altre opere”.

Infatti, il rapporto evidenzia il gap che continua ad allargarsi tra le regioni del Nord e quelle del Sud, sia nei periodi di crescita che in quelli di crisi: le previsioni dell’Osservatorio per il periodo 2019-2023, infatti, fissano la crescita media annua del valore aggiunto italiano allo 0,8%, con il Nord Est a +0,8%, Nord Ovest +0,7%, Centro +0,9% e Sud fanalino di coda con +0,6%. Analoga dinamica negativa fu registrata per il Mezzogiorno nel periodo di crisi 2008-2013 quando fece registrare un calo medio annuo del valore aggiunto del 2% (a fronte del -1% del Nord Ovest, -1,1% del Nord Est e -1,5%, del Centro) e in quello della successiva ripresa dal 2014 al 2018 con una crescita media annua dello 0,7% (contro il +1,1% del Nord Est, il +0,9% del Nord Ovest e il +0,8% del Centro).



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
18/07/2019 - Provincia Matera amplia offerta dei trasporti per Bari-Palese

La Provincia di Matera è costantemente impegnata al servizio dei cittadini. In questa direzione, è stata predisposta dell’amministrazione provinciale un’ampia programmazione, mirata all’ampliamento e al miglioramento dei servizi offerti, ponendo in primo piano le esigenze de...-->continua

18/07/2019 - Ambiente, Rosa: doppio appuntamento in Val d’Agri

Doppio appuntamento in Val d’Agri, nella giornata di ieri, per l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa, che è stato prima a Marsico Nuovo - nella sede della Fondazione Farbas, per una verifica delle potenzialità del Centro di monitoraggio ambientale - ...-->continua

18/07/2019 - ‘’Il Presidente Pappaterra si dimette. Anzi no’’

Come è noto, il Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Pappaterra, è stato nominato Direttore Generale di ARPACAL, cioè dell’Ente che deve controllare lo stato dell’Ambiente su tutto il territorio regionale, compreso perciò il versante calabrese del...-->continua

18/07/2019 - I giovani democratici di Policoro parteciperanno al Matera Heroes Pride 2019

La nostra adesione è una scelta di campo: non dobbiamo arretrare neanche di un millimetro sui diritti e sulle libertà conquistati in questi anni. Soprattutto quando forze conservatrici che si trovano al Governo cercano di portarci indietro di 50 anni.
In u...-->continua

18/07/2019 - Ferrosud Matera, l’Ugl su incontro Regione, Confapi e Azienda

La Ugl Matera e la Segreteria Regionale dell’Ugl Basilicata metalmeccanici, in una nota fanno il sunto su quanto si sta’ consumando in fase di vertenza Ferrosud Matera. Nella giornata dei ieri 16 giugno c.a. si è tenuto un’incontro al Dipartimento Attività Pro...-->continua

18/07/2019 - Pericolo antenne 5G: le associazioni scrivono al sindaco di Policoro

Le associazioni ambientaliste Mediterraneo no triv, Mamme Libere, Cova Contro, Medici per l'Ambiente e No Scorie Trisaia, facendo seguito all'incontro formale avvenuto in data 13 Giugno, hanno inviato via pec una nota formale al Sindaco Enrico Mascia e per so...-->continua

18/07/2019 - ‘Codice Rosso’ contro la violenza di genere. ‘Una legge di civiltà e dignità’

In Senato abbiamo approvato disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, abbiamo apportato modifiche al codice penale e al codice di procedura penale con lo scopo di contrastare la discriminazione e la violenza.
21 art...-->continua







WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo