HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Med NoTriv su emendamento Mise

11/01/2019

Il giorno 9 maggio 2019 sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico è comparso l'annuncio di un emendamento per fermare le trivelle. Il Sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega all’Energia Davide Crippa ha dichiarato che l'emendamento prevede l'introduzione del Piano per la Transizione Energetica Sostenibile delle Aree Idonee (PTESAI), strumento già in programma da tempo, e la rideterminazione di alcuni canoni concessori. L'annuncio ha creato attenzione e in alcuni casi entusiasmo soprattutto dopo le proteste provocate dalla notizia dei tre decreti di autorizzazione di ricerca di idrocarburi nel Mar Iono e rilasciati proprio dal Ministero dello Sviluppo Economico. In merito alla notizia dell'emendamento, che dovrà essere discusso e votato passando per ben tre Commissioni Parlamentari e che potrebbe essere sostanzialmente modificato prima di essere approvato e che potrebbe anche essere bocciato, Mediterraneo no triv ritiene di non poter ancora esprimere alcuna opinione. Prima di tutto nessuna opinione tecnica può essere espressa perché il testo dell'emendamento non è stato ancora reso noto e al riguardo ne sollecitiamo la divulgazione atteso che si tratta di questione ambientale e quindi, di grande interesse per i cittadini. Inoltre, nei giorni scorsi in merito ai tre decreti firmati dal Mise di autorizzazione di ricerca con air-guns, abbiamo sentito dire di tutto e di più ma tra tutte le affermazioni, alcune anche variopinte, quella che ci lascia più perplessi è aver sostenuto che il Ministero non poteva non firmare e che, avendo l'iter autorizzativo già ottenuto la compatibilità ambientale dal precedente governo, la firma del decreto era atto dovuto. L'affermazione è falsa perché le conclusioni degli atti amministrativi non sono mai atti dovuti. Ma non siamo di certo noi a dirlo e a sostenerlo ma, piuttosto, è il nostro legislatore che con l'art. 2 Legge 241/1990 dispone che le amministrazioni hanno il dovere di concludere il procedimento avviato con istanza mediante l'adozione di un provvedimento. In sostanza si precisa che l'obbligatorietà non è certo il tipo di decisione che l'amministrazione deve adottare, e ci mancherebbe altro se fosse così, ma piuttosto è riferita alla conclusione del procedimento. In sostanza il legislatore si è preoccupato di precisare che tutti gli iter amministrativi che hanno impulso con un'istanza devono concludersi con una decisione che può essere di autorizzazione oppure di rifiuto, e mai può sussistere il silenzio e l'inerzia della pubblica amministrazione. Il Ministro dello Sviluppo Economico quando dice che i tre decreti di autorizzazione della ricerca di airg guns sono atti dovuti quindi, avrà frainteso questi concetti anche se, a onor del vero, l'art. 2 della legge 241/1990 precisa che le pubbliche amministrazioni se ravvisano la manifesta irricevibilità, inammissibilità, improcedibilità o infondatezza della domanda, concludono il procedimento con un provvedimento espresso redatto in forma semplificata, la cui motivazione può consistere in un sintetico riferimento al punto di fatto o di diritto ritenuto risolutivo. In sostanza, le pubbliche amministrazioni e di certo i Ministeri, possono concludere un procedimento amministrativo come è quello di autorizzazione al rilascio di permessi di ricerca di idrocarburi, anche con un rigetto avendo naturalmente cura di spiegare i motivi. Per quanto concerne l'emendamento per il blocco delle trivelle, oltre alle valutazioni di diritto che non possiamo quindi esprimere in assenza del testo-bozza e che dovrà ancora approvato, è opportuno dire che la comunciazione è sempre importante e dev'essere particolarmente seria. Se l'emendamento in quanto tale, non è legge, perché dovrà appunto essere discusso e approvato, non è possibile dire che le trivelle sono state bloccate. Resta ancora da percorrere tutto l'iter parlamentare di approvazione. La partita è ancora tutta aperta e dire il contrario vuol dire veicolare ai cittadini un messaggio furviante.



Mediterraneo no triv




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
19/08/2019 - Grandi eventi, Giordano (Ugl):”Dopo Jova Beach serve Capodanno 2019-2020”

“Il Jova Beach Party ha trasformato il metapontino, Policoro (MT), nella discoteca più grande d’Italia con il dj set che per oltre un’ora ha fatto ballare i 30 mila presenti in spiaggia. Ma Jova Beach Party è stato anche un’occasione per trasmettere al pubblico la cultura di...-->continua

19/08/2019 - Il presidente Bardi sul Polo museale della Basilicata

Chiesto un incontro urgente con il ministro Bonisoli “per discutere di questo atto lesivo dell’autonomia culturale della regione”
“In merito allo scippo perpetrato dal ministro Bonisoli che ha soppresso il Polo museale regionale della Basilicata per accorp...-->continua

19/08/2019 - Zes tito. Sindaco Scavone  chiede incontro all'assessore  Cupparo

"Includere nella Zona Economica Speciale l'intere aree industriali dichiarate Sito di interesse nazionale  (Sin) per l'inquinamento ed estendere i benefici alle imprese già esistenti." È quanto ha sottolineato il Sindaco di Tito, Graziano Scavone, in una nota ...-->continua

19/08/2019 - Evangelista (Fim Cisl):''A Melfi riparte la sfida del futuro''

La ripresa produttiva dopo la pausa estiva quest'anno si carica di significati e attese particolari. Lo stabilimento di Melfi si accinge infatti a vivere una profonda rivoluzione: la svolta ibrida e l'ingresso nel segmento delle auto di grandi dimensioni segna...-->continua

19/08/2019 - Polo museale, solidarietà di Trerotola a De Ruggieri

“L’accorpamento del polo museale nell’unico soggetto appulo/lucano, con sede in Puglia, mostra uno scarso grado di sensibilità e di attenzione del governo nazionale verso gli interessi della Basilicata. A maggior ragione se si guarda al tempo e ai modi in cui...-->continua

19/08/2019 - Accorpamento Polo museale, Braia: autentico furto

“L’accorpamento del polo museale Puglia-Basilicata con sede in Puglia, da parte del Ministro Bonisoli è un autentico furto fatto dal governo Nazionale a Matera e alla Basilicata. Una decisione assurda presa, tra l'altro, in questa annualità importante di Mater...-->continua

18/08/2019 - Roccanova: opposizione critica su assenza fascia tricolore durante processione

Roccanova riconquista il primato di essere l’unico comune fra gli oltre ottomila italiani a non vedere, per deliberata decisione del Primo cittadino, il Sindaco partecipare alla processione del Santo Patrono. Una scelta che appare, a nostro avviso, frutto di u...-->continua







WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo