HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Ente Parco naz. del Pollino: i sindaci Castronuovo e Giordano nel direttivo

29/07/2014



Giovanni Ceglie, sindaco di Aieta, Giuseppe Castronuovo, sindaco di Senise, Gianni Cosenza, sindaco di Laino Castello e Roberto Giordano, sindaco di Castelluccio Inferiore, sono gli amministratori designati dalla Comunità del Parco Nazionale del Pollino, all’interno del Consiglio direttivo dell’Ente Parco che dovrà essere nominato dal ministro dell’Ambiente.

L’organo assembleare che riunisce tutti i sindaci del territorio protetto, le Province e le Regioni, si è riunito ieri pomeriggio (28 luglio) a Castrovillari. Durante la riunione, prima della votazione, l’assemblea ha proceduto alla nomina del vice presidente della stessa nella persona del sindaco di San Lorenzo Bellizzi, Antonio Cersosimo che ha presieduto l’assemblea stante l’assenza del presidente Sandro Berardone.

Il presidente dell’Ente Parco, Domenico Pappaterra, ha espresso «soddisfazione per le nomine dei quattro amministratori calabresi e lucani e si è augurato che il ministro proceda quanto prima alle nomine dei componenti il Consiglio direttivo» (quattro esponenti della Comunità del Parco e altri 4 rappresentanti designati da altre istituzioni), «affinché l’Ente Parco – ha detto Pappaterra – possa ritornare a governare il territorio con i suoi organismi».

La Comunità del Parco ha anche approvato, all’unanimità, alcune variazioni di bilancio riguardanti l’occupazione degli ex LSU di Calabria e Basilicata e il PSR della Basilicata.



ALTRE NEWS

CRONACA

20/08/2019 - Policoro: cocaina in auto,uomo arrestato
20/08/2019 - Senise: un arresto per furto
20/08/2019 - Maratea, Fiumicello: esposto del sindaco alla Procura
20/08/2019 - Tragedia del Raganello, un anno dopo: intervista a Giorgio Braschi

SPORT

20/08/2019 - Matera,si ricomincia a parlare di calcio
20/08/2019 - A Oppido Lucano ultimi ritocchi alla 19°edizione del Memorial Gaetano Lioi
20/08/2019 - Il Rotonda riparte con il tecnico Logarzo
19/08/2019 - Rinascita Lagonegro,tra una settimana inizia la preparazione

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/08/2019 Comunicazione di sospensione idrica in Basilicata

Fardella: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 08:30 alle ore 14:30, salvo imprevisti.

19/08/2019 VII Edizione Riconoscimento Nicola Maria Pace

Anche quest’anno i coordinamenti di Libera Basilicata e Libera Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con il Comune di Filiano (Pz), organizzano il Riconoscimento nazionale dedicato al giudice Nicola Maria Pace, Procuratore della Repubblica prima a Matera, poi a Trieste ed infine a Brescia, e assegnato ogni anno a chi si è contraddistinto nel contrasto alle ecomafie e alla tratta degli esseri umani.

Giunto alla settima edizione, quest’anno il Riconoscimento riguarderà il tema della tratta degli esseri umani, una piaga quanto mai attuale di questi tempi perché legata tristemente al fenomeno epocale delle migrazioni, ma che già a metà degli anni Novanta era al centro delle attività investigative del giudice Pace quando lavorava alla Procura di Trieste.

L'evento, durante il quale verranno assegnati i riconoscimenti, si svolgerà lunedì 26 Agosto 2019 alle ore 17,30 a Filiano (PZ), paese d'origine del dottor Pace, presso il Centro sociale G. Lorusso.

19/08/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 19 agosto in Basilicata

Paterno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Foresta delle Monache, Limanti, Limanti Rotabile, Le Sorti.

Chiaromonte: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Grottole sarà sospesa dalle ore 08:30 di oggi fino al termine dei lavori.

Craco: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Papa Giovanni XXIII resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo