HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

A piedi per San Giovanni Rotondo: il cammino di Franco Di Sanzo

3/07/2014



Sono passati sette giorni (oggi è l’ottavo) da quando Francesco Di Sanzo si è incamminato a piedi da San Paolo Albanese (provincia di Potenza) per raggiungere San Giovanni Rotondo. Un viaggio molto faticoso che sta mettendo a dura prova il fisico di Francesco che, nonostante lo sforzo, lui ribadisce di sentirsi bene: “ mi sono meravigliato come in questi giorni di lungo cammino, il mio fisico abbia risposto positivamente a tutte le sollecitazioni. Se non fosse stato per il gonfiore al ginocchio e alle piaghe ai piedi, non mi sarebbe pesato più di tanto”. Sono le 11,30, quando dall’altro lato del telefonino, mi risponde una voce stanca e felice, perché è riuscito a intravedere da lontano la sagoma dell’Ospedale “ Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo. “ Non ti nascondo la mia perplessità – continua Francesco Di Sanzo – nel voler raggiungere San Giovanni Rotondo. Oggi ti posso confidare che in alcuni momenti ho temuto di non farcela. Mi trovo a circa 25 km. da Manfredonia. Alcuni passanti che si sono avvicinati mi hanno detto che devo ancora compiere circa una sessantina di km. per raggiungere Padre Pio. Sono ormai alla meta e spero che il Signore continui a proteggermi come ha fatto fino ad ora”. Ripetiamo l’appello a qualche persona di buon cuore affinché in quest’ultimo tragitto possa intervenire per dare un piccolo sollievo alle fatiche di Francesco Di Sanzo.

vincenzo terracina



ALTRE NEWS

CRONACA

20/08/2019 - Policoro: cocaina in auto,uomo arrestato
20/08/2019 - Senise: un arresto per furto
20/08/2019 - Maratea, Fiumicello: esposto del sindaco alla Procura
20/08/2019 - Tragedia del Raganello, un anno dopo: intervista a Giorgio Braschi

SPORT

20/08/2019 - Matera,si ricomincia a parlare di calcio
20/08/2019 - A Oppido Lucano ultimi ritocchi alla 19°edizione del Memorial Gaetano Lioi
20/08/2019 - Il Rotonda riparte con il tecnico Logarzo
19/08/2019 - Rinascita Lagonegro,tra una settimana inizia la preparazione

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/08/2019 Comunicazione di sospensione idrica in Basilicata

Fardella: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 08:30 alle ore 14:30, salvo imprevisti.

19/08/2019 VII Edizione Riconoscimento Nicola Maria Pace

Anche quest’anno i coordinamenti di Libera Basilicata e Libera Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con il Comune di Filiano (Pz), organizzano il Riconoscimento nazionale dedicato al giudice Nicola Maria Pace, Procuratore della Repubblica prima a Matera, poi a Trieste ed infine a Brescia, e assegnato ogni anno a chi si è contraddistinto nel contrasto alle ecomafie e alla tratta degli esseri umani.

Giunto alla settima edizione, quest’anno il Riconoscimento riguarderà il tema della tratta degli esseri umani, una piaga quanto mai attuale di questi tempi perché legata tristemente al fenomeno epocale delle migrazioni, ma che già a metà degli anni Novanta era al centro delle attività investigative del giudice Pace quando lavorava alla Procura di Trieste.

L'evento, durante il quale verranno assegnati i riconoscimenti, si svolgerà lunedì 26 Agosto 2019 alle ore 17,30 a Filiano (PZ), paese d'origine del dottor Pace, presso il Centro sociale G. Lorusso.

19/08/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 19 agosto in Basilicata

Paterno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Foresta delle Monache, Limanti, Limanti Rotabile, Le Sorti.

Chiaromonte: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Grottole sarà sospesa dalle ore 08:30 di oggi fino al termine dei lavori.

Craco: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Papa Giovanni XXIII resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo