HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Forever Bambł,la startup che ha creato in Italia i bambuseti pił grandi d'Europa

19/07/2019



Un'operazione nel segno della Basilicata. Sarą il manager di San Severino Lucano, Antonio Quintino Chieffo, Ceo di AC Finance, e attuale CFO di Forever Bambł ad occuparsi della quotazione in Borsa della startup innovativa Forever Bambł di Emanuele Rissone. Il futuro in una pianta: da un lato una resistenza alla tensione due volte superiore a quella dell’acciaio e una resistenza alla compressione superiore a quella del calcestruzzo (con un peso specifico molto inferiore), dall’altro germogli che sono un alimento sano e a basso contenuto di grassi utilizzato in generale nella cucina orientale e in quella vegetariana. Il bambł gigante non potrą mancare nelle nostre case e sulle nostre tavole nei prossimi anni. A credere per primo nel progetto č stato Emanuele Rissone, fondatore e Ceo di Forever Bambł, la startup innovativa che punta alla creazione di bambuseti in tutta Italia e con sede a Cernusco sul Naviglio (Milano). Rissone, gią ideatore di Vitamin Store, il “sistema” di franchising che in pochi anni č diventato la pił grande catena europea di negozi specializzati in integratori alimentari, toccando i 100 punti vendita, ceduto nel 2012 alla multinazionale Enervit, č partito con il progetto Forever Bambł nel 2014 con la prima piantagione. Le srl, tutte costituite sulla stesso modello, sono ormai 25, suddivise in cinque comparti di proprietą per un totale di 64 ettari: il primo a Casale Monferrato (interamente piantumato nel 2015) poi a Revigliasco d’Asti (piantumato nel 2016/17) il terzo a Chiusdino vicino Siena (interamente piantumato nel 2017) e il quarto a Sovicille sempre in provincia di Siena (piantumato e completato nel 2018) e un quinto, forse il pił grande mai realizzato, nella provincia di Grosseto, che č stato appena costituito con un capitale sociale interamente versato di 1.875.000 euro. La produzione č gią stata venduta fino al 2028 e il ritorno dell’investimento si aggira intorno al 10/20% annuo. Dal 2014 a oggi sono stati raccolti 8 milioni di euro investiti da pił di 400 soci. "Ho scelto il prodotto, non per coltivarlo e rivenderlo direttamente ma per costituire, con un team di primo livello, una societą attorno ad un prodotto con grandi potenzialitą", svela l'ideatore Rissone. Il progetto Forever Bambł č ancora pił ambizioso. Entro la fine dell'anno le 25 srl prenderanno parte a un progetto di fusione in un'unica societą per azioni, seguite dal professionista Silvio De Ponti. Poi sarą il manager di San Severino Lucano, Antonio Quintino Chieffo, Ceo di AC Finance, e attuale CFO di Forever Bambł ad occuparsi della quotazione in Borsa. "E' una sfida eccezionale - commenta Antonio Chieffo -. Il bambł č il prodotto del futuro e noi siamo pronti a gestire questa grande operazione che avrą un importante impatto sull'economia nazionale". A fianco del bambł gigante vengono piantate e coltivate numerose altre specie vegetali, incoraggiando la biodiversitą. "La piantumazione dei bambuseti č in una fase decisiva - conclude Rissone -. A maturazione i tecnici svolgeranno il compito di raccolta dei germogli in primavera e di taglio delle piante in autunno. Mentre i soci che avranno investito avranno la divisione dei dividendi".



ALTRE NEWS

CRONACA

24/09/2022 - Basilicata. Al voto 447mila lucani al voto per eleggere sette parlamentari
24/09/2022 - Caro bolletta: rincari insostenibili per commercianti e imprese
24/09/2022 - Satriano, incidente alla Centrale idroelettrica
23/09/2022 - Beni confiscati:riunione Prefettura per progetti su Potenza e Palazzo S.Gervasio

SPORT

25/09/2022 - Serie C: il Potenza ferma la capolista
25/09/2022 - Serie C: il Picerno impatta ad Andria
24/09/2022 - Calcio, serie D, il Matera annuncia l’esterno rumeno Alexandru Donose
23/09/2022 - FCI Basilicata: successo a Bernalda per Bicimparo Joy of Moving

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra č necessario, ma č tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e societą sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanitą; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo