HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Lauria, omicidio in macelleria: Cassazione conferma condanna per Cozzi

18/07/2019



Francesca Cozzi è stata riconosciuta colpevole in via definitiva dell’omicidio di Domenico Chiacchio, ucciso nel 2012 nella macelleria di Lauria della donna.
La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione ha infatti confermato la condanna a 5 anni di reclusione per omicidio volontario a carico della 69enne lauriota, che dovrà quindi andare in carcere.
La Suprema Corte ha dunque lasciato immutata la pronuncia della Corte d’Assise d’Appello di Potenza che, accogliendo le tesi difensive degli avvocati dei familiari della vittima Enzo Bonafine e Pasquale Ciancia, aveva riconosciuto Francesca Cozzi colpevole di omicidio volontario, modificando così, in modo sostanziale, la sentenza di primo grado: con la quale la Corte d’Assise condannò la donna a 5 anni di reclusione, ma per eccesso colposo di legittima difesa.
La pena è rimasta invariata in quanto, dopo il primo grado di giudizio, la Procura Generale non era ricorsa in appello. Tuttavia, in sede di discussione, la stessa Procura chiese la diversa qualificazione giuridica del fatto, da omicidio colposo a volontario.
Circa quest’ultimo punto, l’avvocato difensore dell’allora imputata Giovanni Leonasi, durante una conferenza stampa, annunciando il ricorso in Cassazione, aveva dichiarato che “non si può cambiare l’accusa senza un appello dei pm”.
La tragedia avvenne il 31 marzo del 2012, quando Domenico Chiacchio fu ucciso a 47 anni dalla donna, con la quale anni prima aveva avuto una relazione sentimentale, con un coltello da cucina. Quel giorno Chiacchio aveva sfondato con la sua auto la vetrina della macelleria gestita a Lauria dalla Cozzi e dal marito. Dopo un alterco, alla vittima furono inferte sette coltellate e, in particolare, la seconda e la terza avevano raggiunto il cuore e il fegato; mentre l’ultima fu di una violenza tale da penetrare per 11 centimetri dentro lo sterno.
La difesa della macellaia, affidata a Giovanni Leonasi e, solo per la Cassazione, anche al professor Giuseppe Della Monica, dopo aver sostenuto la tesi del suicidio avvalendosi anche della perizia di parte del noto medico legale Vittorio Fineschi, già consulente della famiglia Cucchi e della Procura di Roma nell’indagine sulla morte in Egitto del ricercatore italiano Giulio Regeni – versione comunque smentita dalle perizie tecniche – di fronte agli ermellini ha invocato la legittima difesa, sulla base della riforma del codice penale entrata recentemente in vigore e voluta da Matteo Salvini nel caso di aggressione avvenuta in casa o sul luogo di lavoro.
Premesso che ovviamente bisogna attendere le motivazioni, potremmo anche desumere che questa sentenza della Cassazione possa fare giurisprudenza: confermando ancora la rilevanza della discrezionalità dei giudici anche per ipotesi del genere.
Rispetto alla fattispecie di eccesso colposo, la conferma del reato di omicidio volontario chiaramente peserà molto in sede civile, dove si sono costituiti i familiari di Domenico Chiacchio.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

6/12/2019 - Lauria, Vescovo di Ferrara: ‘Morte di Adriano sconfitta per la Città’
6/12/2019 - Provincia di Potenza: 7 persone denunciate in seguito a controlli
6/12/2019 - Lauria: mezzo pesante in fiamme in autostrada
6/12/2019 - Lagonegro. Anziano sorpreso a rubare alimenti. Carabinieri pagano il conto

SPORT

6/12/2019 - La Sassi Volley Academy Matera in campo con entrambe le squadre
6/12/2019 - Serie D/H: il Francavilla si assicura un under proveniente dal Taranto
6/12/2019 - Potenza: martedì 17 convegno “Sport e Diritto”
6/12/2019 - Futsal giovanile: per il Senise nuove sfide con Rossi e Scarpino

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

6/12/2019 Montalbano Jonico: sospensione idrica

A causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 19:00 di oggi e fino al termine dei lavori, in via Miele, da via dei Caduti fino a zona Montesano.

6/12/2019 Atella: sospensione idrica

A causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nella zona industriale di valle di Vitalba dalle ore 18:00 di oggi fino al termine dei lavori.

6/12/2019 Potenza: sospensione idrica

Per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi fino al termine dei lavori, in viadella Lavanda e zone limitrofe

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo