HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Carenze personale medico UOC Neonatologia e TIN al San Carlo

24/06/2019



La situazione di criticità dell’UOC Neonatologia e della TIN (Terapia intensiva neonatale dell’AOR San Carlo per carenza personale medico è all’attenzione del Direttore Generale dell’AOR San Carlo, dr. Massimo Barresi, fin dai primi giorni del suo insediamento a gennaio scorso. “Numerosi e continui – ha ribadito - gli sforzi dell’Azienda per reperire con ogni procedura prevista dalla legge, le risorse occorrenti, non ultima la procedura concorsuale avviata conseguentemente all’esito infruttuoso della procedura di mobilità intra ed extra regionale”.
La sempre crescente esiguità di personale medico con specialità in neonatologia/pediatria potrebbe non garantire al meglio la normale continuità assistenziale, nonostante la disponibilità a tutt’oggi richiesta e assicurata dal personale in carico all’Azienda. Attualmente sono 5 le unità in servizio, ma solo 3 assicurano, tra l’altro, la copertura di turni h24 per il Servizio di Trasporto Emergenza Neonatale (STEN), anch’esso in capo all’AOR San Carlo.
Espletato il concorso a luglio del 2018 per 8 posti, solo 3 hanno preso servizio (di cui un solo pediatra rimasto in servizio a Potenza), è in fase di espletamento un ulteriore concorso.
Nell’attesa l’Azienda si è impegnata per attingere alle graduatorie di altre aziende. In particolare, il 16 gennaio 2019 è stata inviata richiesta di graduatorie valide di pediatria/neonatologia a tutte le Aziende Sanitarie Italiane per il tramite degli Assessorati alla Sanità. Ha dato riscontro solo l’ASL di Pescara ma nessun candidato dei due in graduatoria ha accettato. Ulteriori richieste di accesso alle graduatorie, senza esito, sono state fatte a febbraio alle Asl Napoli 1 che non ha inviato la graduatoria e all’Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino che ha inviato la graduatoria con 22 idonei dei quali nessuno ha accettato.
L’avviso di mobilità del 21 febbraio 2019 è andato deserto. A marzo è stata richiesta graduatoria per disciplina di neonatologia all’AO Santobono di Napoli che dopo diversi solleciti ha inviato il 5 giugno la graduatoria con 64 idonei, ma nessuno ha accettato. Nessun riscontro ha avuto la richiesta a maggio della graduatoria di neonatologia all’Azienda Ospedaliera Rummo di Benevento. Infruttuosa anche quella fatta a marzo all’Azienda Ospedaliera di Cosenza, in quanto già tutta utilizzata. Un sollecito è stato formalizzato all’AOU Federico II che non ha inviato la graduatoria.
Inoltre sono state avviate numerose interlocuzioni con altre aziende sanitarie (in particolare della Regione Campania e della Regione Puglia) finalizzate a verificare la possibilità di stipulare apposite convenzioni per l’acquisto di prestazioni in regime libero professionale. Ma i tentativi di addivenire alla sottoscrizione di rapporti convenzionali non hanno sortito gli effetti auspicati.
Al riguardo, solo l’Azienda Universitaria Federico II di Napoli si è resa disponibile a collaborare con il “San Carlo” per la risoluzione della problematica, con la messa a disposizione di propri medici specialisti in Neonatologia e esperti in rianimazione neonatale e terapia intensiva richiedendo, tuttavia, quale corrispettivo, l’importo lordo di 120 euro per ora, oltre il rimborso delle spese viaggio, con una disparità tariffaria rispetto alle disposizioni regionali e del contratto collettivo per la dirigenza medica, che prevedono una tariffa di 60 euro lordi a ora.
“A fronte di tale situazione, rimane fermo l’impegno dell’Azienda – ha ribadito il dr. Barresi – per garantire la migliore assistenza ai cittadini, pur tenendo conto degli aspetti economici. Intanto continua la ricerca di specialisti attraverso continui contatti con la società scientifica nazionale di neonatologia e pediatria”.




ALTRE NEWS

CRONACA

19/07/2019 - Un giovane di Lauria muore a Roma in un incidente in moto
19/07/2019 - Forever Bambù,la startup che ha creato in Italia i bambuseti più grandi d'Europa
19/07/2019 - Rossano Calabro: fermate 15 persone per tagli abusivi di legname
19/07/2019 - Rionero in Vulture: Sorpreso in possesso di oltre 50 grammi di droga

SPORT

20/07/2019 - Serie D/H: Francavilla e Sivero ancora sposi
19/07/2019 - Serie D/H: per il Francavilla raduno lunedì e conferma di Raiola
19/07/2019 - Franco Perrucci nominato responsabile del Matheola - scuola calcio Inter
19/07/2019 - U.S. Castelluccio,pattuglia under rinforzata con il giovane Santoro

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/07/2019 Sospensione idrica in Basilicata oggi 19 Luglio

Picerno: per consentire la riparazione di una condotta sulla rete distributrice danneggiata da uno scoppio improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 11.30 di oggi 19 luglio 2019 fino al termine dei lavori, nelle seguenti vie: San Nicola, Cavour, Santa Lucia e Piazza Forlenza.

18/07/2019 Sospensione idrica oggi 18 luglio in Basilicata

Picerno: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: contrada Alto Cesine, Strada Tarallo, Marmo I e II, Strada provinciale 83, Strada Statale 94, Strada della Cantoniera, Toppo del Fico, Toppa del Casino, Strada delle Querce, Strada degli Orti, Strada della Cantoniera, Strada della Castagna, Strada del Melandro e Strada Castello
Avigliano: per consentire la riparazione di una perdita, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 18:00 in via Giustino Fortunato, via Don Luigi Sturzo e zone limitrofe, salvo imprevisti. Il ripristino è previsto fino al termine dei lavori.
Maratea: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, a partire dalla ore 12:00 e fino alle ore 14:00 circa, salvo imprevisti, in via via Profiti e via Vallina potrebbero verificarsi cali di pressione e/o sospensioni dell'erogazione idrica.
Lauria: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori, nelle localita' Timparossa, Cogliandrino e Pecorella.

18/07/2019 Matera. Arrestato cittadino nigeriano colpito da ordine di esecuzione per reati

Gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Matera hanno arrestato un cittadino nigeriano quarantaquattrenne perché colpito da ordine di esecuzione di pene concorrenti per diversi reati, per i quali dovrà scontare in carcere la pena residua di tre anni, nove mesi e dodici giorni, oltre ad una multa ed alla interdizione perpetua dai pubblici uffici.
Il Provvedimento di cattura è stato emesso dal Procuratore Capo della Repubblica di Matera, dott. Pietro Argentino, ed eseguito a Bari dalla Squadra Mobile di Matera presso il Centro di Permanenza per il Rimpatrio dove si trovava in attesa di essere espulso.

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo