HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

A Roma l’assemblea azionisti Eni. Presente anche l'Osservatorio popolare

15/05/2019



Nelle sede romana di Eni si è tenuta l’assemblea degli azionisti. È stata una riunione fiume, iniziata di mattina alle 10 e andata avanti fino a tarda sera quando si è conclusa con l’approvazione del bilancio.
All’incontro erano presenti esponenti di associazioni e comitati lucani impegnati da anni in attività di tutela ambientale in Val d’Agri. “Gli attivisti presenti erano tantissimi – ci spiega Isabella Abate, presidente dell’Osservatorio Popolare Val d’Agri e intervenuta durante l’assemblea –, abbiamo formulato moltissime domande articolate cui Eni è stata costretta a rispondere in modo puntuale.
Le domande potevano essere in forma scritta o orale, dopodiché si aveva anche diritto a prendere la parola per 10 minuti per chiedere ulteriori delucidazioni o per fare considerazioni”.
“Io – ha proseguito Abate – ho posto una decina di domande scritte, alle quali Eni ha risposto con un dossier. Mi sono concentrata, in particolare, sugli ultimi arresti ed ho chiesto notizie circa la bonifica: in quanto volevo sapere se era stata completata, poiché mancava circa un 15 per cento. Inoltre, ho chiesto come si intende procedere con il progetto “Energy Valley” poiché volevo capire se per loro compensasse i danni ambientali e di immagine subiti dalla Val d’Agri”.
Energy Valley, per come descritto da Eni, è un programma integrato e trasversale di business che prevede un investimento di circa 80 milioni di euro in quattro anni e che intende creare in Val d’Agri un distretto produttivo basato sulla diversificazione economica, sulla sostenibilità ambientale con il fotovoltaico e sull’economia circolare e impiegherà 200 addetti per la realizzazione e 100 per la gestione. Ma tanti aspetti di questo programma vengono criticati dagli ambientalisti.
“Alle mie domande ha risposto Desclazi (amministratore delegato, ndr), ma non in modo esaustivo perché ci ha fornito dati che noi già avevamo, parlando dell’azione delle moto pompe i cui dati sono riferiti solamente all’anno scorso: mentre per noi sono attive da due”.
Quindi la presidente dell’Osservatorio torna proprio sull’Energy Valley. “Rispetto a questo progetto di riqualificazione, gli ho ricordato che venite in Val d’Agri a coltivare lavanda dopo aver distrutto un intero settore, perché la metà delle aziende agricole hanno chiuso. Nei 72 ettari prospicienti il Cova, Eni ha comprato terreni non abbandonati, ma che ha reso incolti. Su questo punto hanno comunicato che faranno un progetto di scuola agraria”.
Ma le perplessità non finiscono qui. “Temiamo anche una piccola “Tecnoparco” in Val d’Agri, e ci mancherebbe solo questo, per via dell’installazione di un mini impianto di depurazione dei fanghi, detto il “Blue Water”, che qualificano quale economia circolare ma che a noi preoccupa in quanto temiamo possibili sversamenti nel vicino fiume. Non ci va bene nemmeno un centro di monitoraggio messo su dalla stessa Eni, perché non accettiamo certo che il controllore coincida con il controllato”. A questo link tutti gli interventi.



Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

22/08/2019 - Guardia di finanza Matera: arrestato corriere con 142 grammi di hashish
22/08/2019 - Cultura. Bonisoli approva 44 eventi in Basilicata
22/08/2019 - Laghi di Monticchio.Lavoro nero in cucina, chiuso ristorante
21/08/2019 - Clan condizionano Melfi? Via a indagine commissione nominata dal prefetto di PZ

SPORT

22/08/2019 - Promozione: l’Atletico Lauria vince la Supercoppa
21/08/2019 - Prima Categoria: doppio colpo in casa Viggianello
21/08/2019 - Decima edizione per il memorial 'Luigi Viola'
20/08/2019 - Matera,si ricomincia a parlare di calcio

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/08/2019 Criticità raccolta sangue: appello del presidente di Avis

L’Avis regionale di Basilicata, con il presidente Sara De Feudis e tutto il Consiglio, è mobilitata attraverso i suoi uffici e le sedi comunali per far fronte alle criticità in merito alle disponibilità di sangue registratasi nel mese di agosto, in particolare di 0+ e 0-. “L’ Avis regionale di Basilicata continua a seguire con attenzione, insieme al Centro Regionale Sangue- evidenzia la presidente - l’andamento delle donazioni in questi mesi estivi nella nostra regione congiuntamente alla situazione di criticità che coinvolge tutto il territorio nazionale”. Ai presidenti della varie Avis comunali, la De Feudis chiede di “proseguire il prezioso lavoro di proselitismo e di chiamata dei donatori, invitandoli a donare presso il CT più vicino, all’UDR di Potenza o di partecipare alle numerosi sedute di raccolta programmate su tutto il territorio regionale dall’Avis Regionale”. Dal presidente dell’Avis regionale “il ringraziamento a tutti i donatori che risponderanno, sicuramente numerosi, alla chiamata”.

20/08/2019 Comunicazione di sospensione idrica in Basilicata

Fardella: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 08:30 alle ore 14:30, salvo imprevisti.

19/08/2019 VII Edizione Riconoscimento Nicola Maria Pace

Anche quest’anno i coordinamenti di Libera Basilicata e Libera Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con il Comune di Filiano (Pz), organizzano il Riconoscimento nazionale dedicato al giudice Nicola Maria Pace, Procuratore della Repubblica prima a Matera, poi a Trieste ed infine a Brescia, e assegnato ogni anno a chi si è contraddistinto nel contrasto alle ecomafie e alla tratta degli esseri umani.

Giunto alla settima edizione, quest’anno il Riconoscimento riguarderà il tema della tratta degli esseri umani, una piaga quanto mai attuale di questi tempi perché legata tristemente al fenomeno epocale delle migrazioni, ma che già a metà degli anni Novanta era al centro delle attività investigative del giudice Pace quando lavorava alla Procura di Trieste.

L'evento, durante il quale verranno assegnati i riconoscimenti, si svolgerà lunedì 26 Agosto 2019 alle ore 17,30 a Filiano (PZ), paese d'origine del dottor Pace, presso il Centro sociale G. Lorusso.

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo