HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Petrisor ha smesso di lottare: era rimasto ferito nell'eplosione a Francavilla

14/04/2019



Non ce l'ha fatta Petrisor Benone, il 50enne di origini romene rimasto gravemente ferito lo scorso 15 febbraio a Francavilla in Sinni, in seguito ad una esplosione per fuga di gas nella sua casa del centro storico. Erano rimaste coinvolte altre due persone, una donna e suo figlio 15enne, che si trovavano al primo piano dell'edificio e che, fortunatamente, erano state subito estratte dai soccorritori, senza riportare gravi ferite.
Benone, invece, era apparso subito molto grave, con ustioni sull'oltre 80% del corpo, tanto che era stato necessario il trasferimento dal San Carlo di Potenza al centro grandi ustioni di Brindisi, dove era ancora ricoverato, non più in rianimazione ma in reparto, anche se ancora intubato. Purtroppo questa mattina è avvenuto il decesso. Per volontà della famiglia i funerali si svolgeranno in Romania e il sindaco Franco Cupparo si sta attivando, in stretto contatto con la sorella della vittima, per riuscire a recuperare fondi pubblici e privati e aiutare la famiglia a coprire le spese di questo triste, ultimo viaggio del loro congiunto. A Francavilla Petrisor, grande lavoratore, era molto conosciuto ed era stato uno dei primi cittadini romeni a stabilirsi nella cittadina sul Sinni.


MpV
lasiritide.it

Dai nostri archivi



ALTRE NEWS

CRONACA

19/08/2019 - Viggianello: due giovani creano una start up nella cosmetica
19/08/2019 - Ispettorato lavoro Basilicata scopre 14 braccianti in nero ospiti di 'Felandina'
19/08/2019 - Controlli dei Carabinieri provincia di Potenza in materia di sicurezza stradale
19/08/2019 - Trecchina: incendio in località Mancosa

SPORT

19/08/2019 - Rinascita Lagonegro,tra una settimana inizia la preparazione
18/08/2019 - Serie D, Coppa Italia: il Francavilla fa poker nel derby e passa il turno
18/08/2019 - Futsal:dopo la Serie A a Milano, Teresa Sangiovanni riflette sul suo futuro
17/08/2019 - Serie C, Picerno: il patron Curcio saluta la squadra. ‘Obiettivo salvezza’

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/08/2019 VII Edizione Riconoscimento Nicola Maria Pace

Anche quest’anno i coordinamenti di Libera Basilicata e Libera Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con il Comune di Filiano (Pz), organizzano il Riconoscimento nazionale dedicato al giudice Nicola Maria Pace, Procuratore della Repubblica prima a Matera, poi a Trieste ed infine a Brescia, e assegnato ogni anno a chi si è contraddistinto nel contrasto alle ecomafie e alla tratta degli esseri umani.

Giunto alla settima edizione, quest’anno il Riconoscimento riguarderà il tema della tratta degli esseri umani, una piaga quanto mai attuale di questi tempi perché legata tristemente al fenomeno epocale delle migrazioni, ma che già a metà degli anni Novanta era al centro delle attività investigative del giudice Pace quando lavorava alla Procura di Trieste.

L'evento, durante il quale verranno assegnati i riconoscimenti, si svolgerà lunedì 26 Agosto 2019 alle ore 17,30 a Filiano (PZ), paese d'origine del dottor Pace, presso il Centro sociale G. Lorusso.

19/08/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 19 agosto in Basilicata

Paterno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Foresta delle Monache, Limanti, Limanti Rotabile, Le Sorti.

Chiaromonte: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Grottole sarà sospesa dalle ore 08:30 di oggi fino al termine dei lavori.

Craco: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Papa Giovanni XXIII resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

18/08/2019 Lotteria San Rocco SENISE. Biglietti estratti

Serie F n. 96
Serie NA n. 90
Serie S n. 19
Serie A n. 43
Serie E n. 85
Serie BF n. 84
Serie F n. 42
Serie I n. 22
Serie R n. 54
Serie Q n. 33

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo