HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Dietrofront 5 Stelle su Masseria La Rocca: il commento di Enzo Di Salvatore

28/12/2018



La decisione della costituzione in giudizio, adottata dal Consiglio dei ministri lo scorso 21 dicembre, contro il ricorso presentato alla Corte costituzionale dalla Regione Basilicata ha suscitato un vespaio di polemiche.
La vicenda riguarda il conflitto di attribuzioni tra Stato e Regione, promosso dalla Regione Basilicata avverso la sentenza del Consiglio di Stato, circa il permesso di ricerca – noto come “Masseria La Rocca” – a vantaggio della società petrolifera Rockhopper.
“Non so dire se si tratti di un dietrofront politico – ci spiega Enza Di Salvatore, docente di Diritto Costituzionale presso l’Università di Teramo – ma il 12 dicembre, quando il Consiglio dei Ministri aveva adottato la prima delibera, il Governo si era schierato con la Basilicata ratificando sostanzialmente quanto deciso dalla Regione che si era espressa contro il rilascio del permesso”. Ma la decisione adottata dal Consiglio dei ministri il 12 dicembre per il professore è discutibile. “Ovviamente non nel merito, ma nella scelta del mezzo: bloccare un procedimento non rientra nelle prerogative del Consiglio dei Ministri in quanto l’unica competenza che gli è affidata dalla legge è quella relativa all’esercizio del potere sostitutivo nei confronti della Regione, da esercitare per superare il diniego e non già per bloccare il procedimento. La decisione sul rigetto o sul rilascio del permesso di ricerca compete al Ministero dello Sviluppo Economico”. Ciò che ha reso questa decisione discutibile, secondo Di Salvatore, è, dunque, la strategia messa in campo dal Governo, che finisce per tradursi nel suo esatto contrario. “Così facendo si è offerto alla Rockhopper la possibilità di ricorrere al Tar, facendo valere l’incompetenza. Se volesse, la Rockhopper ci metterebbe un attimo a dimostrare che bloccare quel procedimento non spettava al Consiglio dei Ministri”.
La Regione Basilicata aveva fatto ricorso alla Consulta contro la decisione con cui il Consiglio di Stato era entrato nel merito della questione relativa alla mancata intesa regionale. “Nel conflitto di attribuzione la Corte è chiamata a stabilire a chi spetti la competenza e da ciò potrebbe discenderne l’annullamento della sentenza del Consiglio di Stato. Ma è chiaro che, costituendosi contro la Basilicata, il Consiglio dei Ministri, attraverso l’Avvocatura dello Stato, andrà ora a difendere le ragioni espresse dai giudici di Palazzo Spada e, in ultima analisi, le stesse ragioni della Rockhopper”. Ecco quindi dove risiedono le contraddizioni sbandierate dalle associazioni ambientaliste, con in testa il Comitato Nazionale “NO Triv” che ha parlato di “voltafaccia a 5 Stelle”. “L’on. Mirella Liuzzi del M5S – continua Di Salvatore – sostiene che si sia trattato di un atto dovuto e che comunque si tratti di un atto solo formale. Evidentemente non conosce il processo costituzionale. Per il Governo la costituzione in giudizio davanti alla Consulta non è un atto necessario. E non è vero che si tratti solo di un atto formale, giacché in giudizio si producono memorie difensive, con le quali si entra nel merito delle questioni e le si difende”. Da un punto di vista politico, rimane inspiegabile il cambio di rotta dell’esecutivo gialloverde. “Non so dire cosa sia successo – ha concluso il costituzionalista –, il comunicato stampa non dice di più. Si annuncia solo la decisione di costituirsi in giudizio. Magari qualcuno, non avendo gli atti sottomano, non avrà avuto piena contezza della vicenda e non ci avrà badato, ma non posso pensare che nessuno sapesse qual era il contenuto di quel punto all’ordine del giorno”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

19/07/2019 - Un giovane di Lauria muore a Roma in un incidente in moto
19/07/2019 - Forever Bambù,la startup che ha creato in Italia i bambuseti più grandi d'Europa
19/07/2019 - Rossano Calabro: fermate 15 persone per tagli abusivi di legname
19/07/2019 - Rionero in Vulture: Sorpreso in possesso di oltre 50 grammi di droga

SPORT

19/07/2019 - Serie D/H: per il Francavilla raduno lunedì e conferma di Raiola
19/07/2019 - Franco Perrucci nominato responsabile del Matheola - scuola calcio Inter
19/07/2019 - U.S. Castelluccio,pattuglia under rinforzata con il giovane Santoro
19/07/2019 - La Rinascita Lagonegro conferma Iannarella nello staff tecnico

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/07/2019 Sospensione idrica in Basilicata oggi 19 Luglio

Picerno: per consentire la riparazione di una condotta sulla rete distributrice danneggiata da uno scoppio improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 11.30 di oggi 19 luglio 2019 fino al termine dei lavori, nelle seguenti vie: San Nicola, Cavour, Santa Lucia e Piazza Forlenza.

18/07/2019 Sospensione idrica oggi 18 luglio in Basilicata

Picerno: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: contrada Alto Cesine, Strada Tarallo, Marmo I e II, Strada provinciale 83, Strada Statale 94, Strada della Cantoniera, Toppo del Fico, Toppa del Casino, Strada delle Querce, Strada degli Orti, Strada della Cantoniera, Strada della Castagna, Strada del Melandro e Strada Castello
Avigliano: per consentire la riparazione di una perdita, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 18:00 in via Giustino Fortunato, via Don Luigi Sturzo e zone limitrofe, salvo imprevisti. Il ripristino è previsto fino al termine dei lavori.
Maratea: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, a partire dalla ore 12:00 e fino alle ore 14:00 circa, salvo imprevisti, in via via Profiti e via Vallina potrebbero verificarsi cali di pressione e/o sospensioni dell'erogazione idrica.
Lauria: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori, nelle localita' Timparossa, Cogliandrino e Pecorella.

18/07/2019 Matera. Arrestato cittadino nigeriano colpito da ordine di esecuzione per reati

Gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Matera hanno arrestato un cittadino nigeriano quarantaquattrenne perché colpito da ordine di esecuzione di pene concorrenti per diversi reati, per i quali dovrà scontare in carcere la pena residua di tre anni, nove mesi e dodici giorni, oltre ad una multa ed alla interdizione perpetua dai pubblici uffici.
Il Provvedimento di cattura è stato emesso dal Procuratore Capo della Repubblica di Matera, dott. Pietro Argentino, ed eseguito a Bari dalla Squadra Mobile di Matera presso il Centro di Permanenza per il Rimpatrio dove si trovava in attesa di essere espulso.

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo