HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

L'ottavo Trofeo dei Briganti va a Marco Barbuscio

15/07/2013



Oltre 300 gli atleti che hanno partecipato a Sn Severino Lucano all'ottava edizione del Trofeo dei Briganti, la gara podistica Trail Running. Una gara cresciuta anno dopo anno, diventando un punto di riferimento per gli amanti della Corsa in Montagna. La gara, infatti, si attesta tra le più partecipate della Basilicata nonchè la più partecipata da atleti fuori regione. A vincere è stato Marco Barbuscio del Running Club Futura, che il podio di questo trofeo lo conosce bene. Un anno fa arrivò secondo dietro a Michele Palmisano dell'Atletica Don Milani di Mottola ma quest'anno, complice anche il clima favorevole, è riuscito a migliorare il tempo del primo classificato di un anno fa (48 minuti e 46 secondi contro i 50 minuti di Palmisano), con il piccolo rammarico di non essere però riuscito a scendere rispetto il record del percorso di 48'44'' ottenuto dallo stesso Barbuscio nel 2010. Al secondo posto un sorprendente Marco Bruno, un giovanissimo 18enne atleta di casa della Correre Pollino. Terzo Giuseppe Moliterni, della Gravina Festina. Prima tra le donne Emma Delfine della Nadir di Putignano.
La manifestazione nacque nel 2006, quando in zona le gare su percorsi sterrati e dissestati non erano ancora ben conosciute. Oggi, l'ASD Atletica CorrerePollino, ¨¨ leader nell'organizzazione di tali gare. Infatti il sodalizio lucano organizza (sul territorio del Parco Nazionale del Pollino) tre gare all'anno del tipo Trail, creando turismo sportivo e promuovendo le bellezze naturali del Parco.

clicca qui per il VIDEO


lasiritide.it

foto di Pasquale Logarzo


ALTRE NEWS

CRONACA

21/04/2019 - Viggianello: una strada comunale interrotta per una frana - VIDEO
21/04/2019 - Senise: atti vandalici davanti a un bar
21/04/2019 - A Metaponto sequestrato un camping
21/04/2019 - Droga.Ferrandina: controllo antidroga in circolo privato. Arrestato un 27enne

SPORT

21/04/2019 - Karate: Pasqua d'oro a Rabat
20/04/2019 - Ritorna alla vittoria il Potenza Calcio
20/04/2019 - P2M En&Gas Potenza,ipoteca sul titolo regionale di Serie D maschile
20/04/2019 - Futsal Senise: i Giovanissimi bissano il primato regionale

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

21/04/2019 Riaperta al traffico la Strada Provinciale 5 (ex SS 176) nei pressi di Craco

È stata riaperta al transito la Strada Provinciale 5 (ex SS 176), all’altezza del km 4+100, lungo il tratto Pisticci - Craco.
Dopo l’immediata ordinanza di chiusura della strada disposta tre giorni fa a seguito di controlli che evidenziavano un cedimento di un muro andatore sui cui poggia la rampa di accesso al noto ponte Bailey, la Provincia di Matera si è tempestivamente adoperata per mettere in sicurezza quella zona e garantire così la pubblica incolumità degli utenti.
Già ieri mattina, infatti, dopo l’intervento di somma urgenza effettuato, si è proceduto alla riapertura della strada provinciale al transito dei mezzi.

20/04/2019 Sospensione idrica oggi 20 Aprile in Basilicata

Potenza: a causa deld protrarsi dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in contrada Poggio Cavallo, contrada Rossellino, via Rifreddo e via De Nicola resterà sospesa fino alla mezzanotte.

19/04/2019 Sospensione idrica a Rionero In Vulture

Rionero in Vulture: per consentire lavori di manutenzione straordinaria del serbatoio cittadino, martedì 23 aprile l’erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti. La sospensione riguarderà l’intero abitato ad eccezione delle frazioni di Monticchio e delle seguenti zone: contrada Scascione, contrada Ventaruolo, contrada Colonnello, via del Brigantaggio, via Padre Tortorella, viale della Bramea, via della Ninfea Bianca, via Alborella Vulturina, via Fontana Castagno e strade limitrofe.

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo