HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Il Mito del Grande Torino raccontato a Melfi

27/05/2019



A 70 anni dalla sciagura di Superga il Grande Torino riesce ancora ad emozionare e commuovere. Merito di una storia unica e leggendaria che si tramanda nel tempo di padre in figlio. Una storia non soltanto calcistica, ma anche umana e sociale che non appartiene solo al Torino e ai suoi tifosi, ma all’Italia intera. Quando poi a raccontarla sono due interpreti prestigiosi come il disegnatore Matteo Matteucci e il giornalista Nicola Roggero allora il successo è assicurato. E così a Melfi il Toro club “Gian Paolo Ormezzano” ha organizzato, unitamente alla Virtus Avigliano e al Comitato Regionale della Lnd Basilicata, uno splendido evento culturale per ricordare la figura di Mauro Tartaglia, educatore, amministratore pubblico e animatore civile scomparso nel 2017. Ad aprire la manifestazione è stato Gianluca Tartaglia, presidente del locale Toro club, che ha ricordato oltre alla passione per il calcio, il tifo per i colori granata e l’impegno civile, politico e educativo del padre Mauro anche il patrimonio sportivo e valoriale legato a quella squadra di campioni qual è stato il Grande Torino. Spazio poi alla presentazione della graphic novel “Il Grande Torino, storia illustrata di una squadra leggendaria” di Franco Ossola e Matteo Matteucci. E’ toccato a quest’ultimo, docente di discipline pittoriche e già autore delle illustrazioni di libri sportivi, presentare l’opera narrandone il contenuto e disegnando il volto del calciatore simbolo di quella squadra qual è stato capitan Valentino Mazzola. Una presentazione particolare che è stata molto apprezzata dal pubblico e gratificata dalla targa che Marisa Tartaglia, moglie di Mauro, ha consegnato al bravo illustratore bolognese. “Quella vissuta a Melfi –ha affermato Matteo Matteucci- è stata una esperienza intensa anche se sperimentale. Disegnare è per me un gesto quotidiano, naturale. Lo è di meno farlo su un palco con una telecamera che ti riprende e un pubblico di fronte. Se oltre al gesto si aggiunge una narrazione, che spiega il percorso che ha portato fino qui, la cosa può apparire complicata e l'errore celarsi dietro l' angolo. In realtà tutto è andato per il meglio merito anche di un’atmosfera positiva e di un ambiente ben disposto. Bravi, dunque, agli amici del Toro Club di Melfi che sanno unire qualità di contenuti a valori sportivi e umani”.
Poco dopo ad essere premiato è stato il giornalista di Sky Sport Nicola Roggero al quale il Toro club di Melfi ha conferito il Premio giornalistico “Cuore granata”. Il noto telecronista e speaker sportivo ha ammaliato il pubblico con lo spettacolo teatrale “La leggenda del Grande Torino”. Un monologo, ben costruito ed interpretato, che ripercorrendo le gesta sportive degli invincibili, e lo spaccato sociale dell’Italia dell’epoca, ha catturato l’attenzione di coloro che hanno gremito il teatro melfitano. Un racconto appassionato che ha coinvolto, anche emotivamente, il pubblico pronto a salutare con grandi applausi la narrazione del giornalista piemontese. “E’ stato un privilegio ricevere un riconoscimento già conferito ad importanti giornalisti – ha dichiarato Nicola Roggero-. In più a Melfi ho avuto il piacere di condividere le emozioni raccontando la leggenda del Grande Torino. Grazie a tutti per l’accoglienza e l’affetto dimostratomi”.


ALTRE NEWS

CRONACA

17/06/2019 - Basilicata. Rionero in Vulture, due giovani arrestati per furto
17/06/2019 - Nova Siri. Lotta allo spaccio di stupefacenti: controlli straordinari dei Cc
17/06/2019 - San Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri
16/06/2019 - Lavello.Esecuzione ordinanza di custodia cautelare per furto aggravato

SPORT

17/06/2019 - LUCANIA VOLLEY : primo posto Super Volley Maschile U12 Giovanissimi
17/06/2019 - Seconda Ctg: la Lainese vince la Coppa Italia ai rigori
17/06/2019 - Eccellenza: Biagio Riccio non allenerà l’Atletico Lauria
15/06/2019 - A Montecotugno torna il canottaggio il 22 e 23 giugno

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

17/06/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 17 Giugno in Basilicata

Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Cupa, Pascone, Piano Pagani, Piani San Quirico, Serra del Vento, Serrone.
Muro Lucano: a partire da oggi 17 giugno 2019 e fino al ripristino dei livelli nel serbatoio, l’erogazione dell’acqua potabile, sarà sospesa tutte le sere dalle ore 18:00 di alle ore 07:00 del mattino seguente, salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Cappuccini, Belvedere, Santatuono, Via Conserva, e Sopra Maddalena.

16/06/2019 Metaponto: ruba un cellulare ad un turista, denunciato 33enne

Al termine di attività investigativa i Carabinieri di Metaponto hanno denunciato per ricettazione un 33enne, extracomunitario, originario del Mali e residente a Massa, ma di fatto domiciliato nella frazione di Metaponto, all’interno degli ex stabilimenti della “Felandina” sulla SS 407 “Basentana”.
Il 33enne si era reso autore di un furto di un telefonico di proprietà di una cittadina italiana, residente nella Provincia di Bergamo, avvenuto mentre era in ferie nella cittadina Jonica.
Alla signora verrà riconsegnato il telefonino la quale si è complimentata con i militari.

14/06/2019 Angelo Oliveto nuovo presidente dell'Assostampa

Angelo Oliveto è il nuovo presidente dell’Associazione della Stampa di Basilicata.
L’elezione di Oliveto è avvenuta a maggioranza nel corso della riunione di insediamento del nuovo consiglio direttivo eletto il 1 giugno scorso.
Il consiglio, inoltre, ha eletto vicepresidente Nicoletta Altomonte, segretario Renato Cantore, amministratore Giuseppe Cutro.
Completano il direttivo Margherita Agata, Alessandro Boccia, Pierantonio Lutrelli e Leandro Domenico Verde.

EDITORIALE

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo